CuriositàFilmPost consigliaMyFilmPost

Following: l’esordio di Nolan come regista

Al giorno d’oggi é conosciuto come uno dei più affermati registi hollywoodiani. Christopher Nolan capace di mescolare gli ingredienti del cinema di cassetta con una grandissima personalità tecnica e stilistica inconfondibile. Spaziando dal cinecomic al sci-fi movie, dal thriller all’ultimo Dunkirk, cruda e realistica rappresentazione della Seconda Guerra mondiale realizzata con una perizia registica impressionante. Prima di diventare uno dei registi americani più pagati della storia (20 milioni per l’ultima sua fatica più un’ampia percentuale sugli incassi) potendosi permettere una libertà creativa quasi totale, grazie alla Warner Bros che – come ai tempi di Kubrick (possibile paragone?) – gli lascia carta bianca in ambito produttivo, Christopher Nolan ha esordito nel mondo del cinema solo una ventina di anni fa con un proprio progetto indipendente: Following.

Esploriamo insieme l’esordio di Christopher Nolan nel mondo del cinema con la sua prima auto-produzione: Following!

christopher nolan followingQuesta mini produzione cinematografica, presentata al Festival di Rotterdam nel 1999, pur essendo un vero e proprio “banco di prova” (un esperimento per l’allora giovane regista britannico), presenta già numerose caratteristiche e peculiarità che sono poi state riproposte nelle pellicole successive, divenendo l’elemento distintivo del suo stile non solo nelle riprese ma soprattutto nella trattazione della vicenda e nello svolgimento dell’intreccio principale.

Following è un film auto-prodotto da Nolan, dunque con un budget molto ridotto, tanto che per risparmiare venne girato in bianco e nero su una pellicola 16mm  (decisione che paradossalmente risultò calare a pennello sull’atmosfera fredda e distaccata del film). Il regista non si occupò oltretutto solo delle riprese e della sceneggiatura ma curò anche fotografia, montaggio e post-produzione, cercando di ridurre all’osso le spese che gravavano sul suo stipendio confezionando alla fine un prodotto della modesta durata di 69 minuti. Following nella sua semplicità colpisce e spiazza lo spettatore rivelando le doti di un maestro della settima arte del XXI secolo, che nel bene e nel male sta trasformando la concezione di cinema contemporaneo.

La storia

Following narra le vicende di un aspirante scrittore, che un po’ per noia e un po’ per trovare la giusta ispirazione, inizia per “hobby” a seguire e spiare casualmente alcune persone finché non si imbatte nel misterioso Cobb. Questi è un ladro di professione, con un’ideologia tutta (forse fin troppo) particolare che lo coinvolge nel mestiere. Ovviamente la trama prenderà una piega inaspettata, in particolare in seguito all’entrata in scena di una donna (dall’identità altrettanto oscura) della quale il protagonista si invaghisce.

Tecniche d’autore

Nolan costruisce un film apparentemente lineare, ingannando come oramai di consueto lo spettatore e lo stesso personaggio principale attraverso una serie di equivoci, di “non detto”, e prestando molta attenzione ad alcuni dettagli insignificanti che si riveleranno cruciali. Anche in questo caso la successione degli eventi viene stravolta sempre ai fini di confondere la reale dinamica delle situazioni, che si rivelerà solo in tutta la sua crudeltà a fine pellicola.

Nolan sceglie una regia scarna, prediligendo i primi piani del protagonista e introducendo lo spettatore in un vortice di continue riprese delle medesime scenografie che diventano come un labirinto e una trappola verso la quale lo scrittore viene attirato man mano, fino a cadere completamente nell’inganno del nemico. Sicuramente date le scarse basi economiche non è possibile soffermarsi troppo sul lato tecnico, ma è in ogni caso interessante notare come indipendentemente dall’importanza della produzione questo regista sia riuscito a mantenere nel corso degli anni il proprio tocco personale, la propria originalità nel realizzare film non convenzionali e mai banali ( attraverso il raggiungimento di un equilibrio tra il prodotto commerciale, il blockbuster e il cinema d’autore).

Certo molte volte, come si è spesso sentito dire, Christopher Nolan pecca un po’ di presunzione nel voler proporre un cinema ardito, sperimentale e anche elitario in alcune scelte stilistiche. Ma non possiamo non riconoscere la volontà e il coraggio di difendere strenuamente il cinema come esperienza unica nel suo essere (e non trasferibile allo schermo di un pc), cercando in tutti i modi di attivare una risposta visiva ed emotiva nei propri lavori, nonché una riflessione e un dibattito che egli stesso alimenta attraverso i numerosi finali aperti. Basti pensare al suo secondo film “Memento”, che attraverso una serie di flashback, un montaggio serrato e incalzante, ci trascina dalla fine all’inizio permettendoci di scoprire alla pari del protagonista (affetto da amnesia) il reale svolgimento dei fatti.



Leggi anche:

Dunkirk – Christopher Nolan ci immerge nella guerra con un capolavoro

10 film da guardare che hanno segnato la storia del cinema! (Parte II)

 

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Rilevato

Per favore supportaci disabilitando il tuo Ad Blocker