News

Buon complenno a Dario Argento: il regista del brivido!

La vita nel profondo è completamente diversa da quella di superficie e presenta aspetti misteriosi e terrorizzanti. 

Risultati immagini per dario argento

Piaccia o no, il regista del brivido ha rivoluzionato  il genere horror ( e non solo ) , creando imperdibili cult per gli appassionati, come “Profondo Rosso” e “Suspiria“. Compie oggi ben 75 anni, ma sin da piccolo da piccolo  respira “aria di cinema”, difatti suo padre, Salvatore è un produttore e suo nonno distributore di film in Brasile; sua madre, Elda Luxardo, è una famosa fotografa, da cui apprende il gusto per una buona illuminazione e la cura del dettaglio. La rientrata a Roma, dopo che il suo carattere introverso e alquanto peculiare lo inducono ad abbandonare gli studi per trasferirsi a Parigi, costituisce la sua iniziazione nel mondo del cinema. Inizia collaborando per la rivista “L’arando dello spettacolo”, cominciando così a nutrirsi di film, specialmente thriller. Nel 1968  la sua creatività prende il controllo sui pregiudizi nei suoi confronti : Dario Argento firma diverse sceneggiature tra cui “Cimitero senza croci” e ” Probabilità zero”. Stando a contatto con i maggiori esponenti cinematografici, riesce a collaborare con Sergio Leone in ” C’era una volta il western”.  A partire dal successo della pellicola ” L’uccello dalle piume di cristallo” ( 1970) si manifesta la sua ascesa nell’universo del cinema, la sua salvezza e contemporaneamente la sua rovina. Entra infatti in crisi con la sua vita personale, evento che condizionerà la sua espressione artistica. Una serie di contingenti esigenze produttive inducono il regista a dirigere quello che rimarrà l’unico episodio “fuori tema” della sua filmografia, “Le cinque giornate”, un film storico-politico con protagonisti due famosi interpreti della commedia italiana, Adriano Celentano ed Enzo Cerusico. L’apoteosi della sua carriera è senza dubbio segnata da “Profondo rosso”, ritenuto ancora oggi il suo miglior capolavoro. Un mondo fatto di occultismo, witchcrafts e brividi animeranno la successiva produzione di questo plasmatore dell’animo umano, fino a (per adesso!) “Dracula“, prodotto nel 2011. Tanti auguri al regista maledetto che sul grande schermo ci permette di conoscere noi stessi ma soprattutto…le nostre paure! 

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Rilevato

Per favore supportaci disabilitando il tuo Ad Blocker