News

Gli Occhi del Drago: cancellata la serie tv tratta dal romanzo di Stephen King

Hulu cancella la serie tv

Poco più di un anno fa Hulu annunciava di aver vinto la battaglia con la Apple per accaparrarsi i diritti per la trasposizione in una serie tv del romanzo di Stephen King Gli Occhi del Drago. Tutti gli appassionati del maestro del brivido erano poi rimasti col fiato sospeso in attesa di aggiornamenti sul progetto; aggiornamenti pressoché nulli, che facevano pensare che qualcosa non andasse. La notizia di oggi è che Hulu ha deciso di cancellare Gli Occhi del Drago; alla base della decisione questioni relative al budget e varie incomprensioni fra gli showrunner. Ed è stato proprio uno degli showrunner, Seth-Grahame Smith – anche sceneggiatore della serie – a dare l’annuncio della cancellazione in una puntata di un podcast intitolato The Kingcast. Vediamo i dettagli nel nostro articolo.

Gli Occhi del Drago non diventerà una serie tv

Seth Grahame-Smith ha dunque comunicato in via ufficiale la cancellazione della serie tv tratta dal romanzo di Stephen King Gli Occhi del Drago. Come anticipato all’inizio del nostro articolo, pare che le questioni di budget abbiano giocato un ruolo importante nella decisione di Hulu. Lo showrunner ha poi rivelato nel corso della puntata del podcast che aveva contattato Sam Rockwell con l’intento di affidargli un ruolo importante nella serie tv. Grahame-Smith non ha escluso la possibilità che qualche altro network possa acquisire i diritti per l’adattamento; in questo caso i lavori potrebbero riprendere da dove sono stati interrotti.

Al centro del romanzo di Stephen King del 1984 la storia del regno del Delain, retto da re Roland insieme alla moglie Sasha e il figlio Peter. Il trono di re Roland è minacciato dalle mire di Flagg, il mago di corte che vorrebbe impossessarsi del potere. Flagg ordisce allora un complotto ai danni di tutta la famiglia reale insieme ad altri membri della corte. Uccidere re Roland e fare in modo che le colpe dell’assassinio ricadano su suo figlio Peter.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button