News

Killroy Was Here: il trailer del film horror di Kevin Smith

Il trailer dell'horror ispirato al personaggio dei graffiti

Sul proprio canale Youtube, il regista Kevin Smith ha pubblicato il trailer del suo prossimo film horror, Killroy Was Here. La creatura della commedia-horror antologica è stata ispirata dai graffiti di “Kilroy Was Here”. Kilroy was here (letteralmente “Kilroy è stato qui”) è una espressione della cultura di massa statunitense, spesso rappresentata sotto forma di graffito.

La sua origine è attualmente ancora controversa, ma la frase e il disegno di “Kilroy” – un pupazzo calvo, con un naso prominente, che sbircia da sopra un muro, aggrappato con entrambe le mani – erano molto noti tra gli statunitensi durante la seconda guerra mondiale. Il meme risulta avere avuto origine tra i soldati americani che disegnavano l’omino e la scritta Kilroy è stato qui sui muri o su qualsiasi altro posto dove si fermavano, si accampavano, o che visitavano.

Anticipando che sarà simile a V / H / S,  Kevin Smith, che lo ha diretto e ne ha anche scritto la sceneggiatura con Andy McElfresh, ha detto:

Ha un tema principale che lo attraversa e tutte queste piccole storie che accadono intorno a [Killroy]. È un po’ come un bambino Vendicatore. Se fai un cazzata con un ragazzino, comparirà Killroy. E lui sembra meravigliosamente goffo. Testa calva e naso prominente. [Robert Kurtzman] ha progettato qualcosa che è piuttosto terrificante, ma è anche goffo allo stesso tempo.

Killroy Was Here: il trailer del film horror di Kevin Smith

La pellicola arriva per gentile concessione di Smodcast Pictures & Semkor Productions, in associazione con il Ringling College of Art & Design. Il film dovrebbe essere rilasciato nel 2021. Tra i protagonisti ci sono il fedelissimo Jason Mewes (ClerksDogma), la figlia Harley Quinn Smith, Ryan O’Nan, Azita Ghanizada, Betty Aberlin e Chris Jericho (MacGruber). Kevin Smith ha diretto la pellicola horror e scritto la sceneggiatura con Andy McElfresh.

Ecco il trailer di Killroy Was Here:

 

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button