News

Michael Madsen: il film sui fratelli Vega mai realizzato da Quentin Tarantino

L'attore de Le Iene racconta qualche dettaglio sul progetto mai realizzato di Quentin Tarantino

Michael Madsen, il Mr. Blonde del film Le Iene del 1992, ha recentemente parlato del film sui fratelli Vega mai realizzato da Quentin Tarantino. Da anni ormai si sentiva parlare di questo progetto che avrebbe unito due film iconici del regista, Le Iene e Pulp Fiction. Nelle due pellicole appaiono i due fratelli Vega, nel primo Vic Vega e nel secondo Vincent Vega. Entrambi i personaggi muoiono, ma Tarantino ha sempre detto di voler sviluppare un prequel dedicato interamente ai fratelli Vega, interpretati da Michael Madsen e John Travolta. Il progetto, purtroppo, non ha mai visto la luce, ma avrebbe dovuto spiegare come i due fratelli sono diventati spietati criminali. Michael Madsen ha rilasciato un’intervista all’Hollywood Reporter in cui racconta alcuni dettagli a proposito del prequel mai realizzato da Quentin Tarantino:

Dovevamo essere attivi come criminali ad Amsterdam. Il film sarebbe dovuto iniziare con noi due scarcerati dalla prigione in due stati diversi. Quindi aprivamo un club ad Amsterdam.

Per tutti i fan di Quentin Tarantino, Amsterdam non è una città che passa inosservata. In Pulp FictionVincent Vega parla a Jules (Samuel L. Jackson) del suo viaggio proprio ad Amsterdam, discutendo di hashish bar e hamburger di McDonald’s. Il progetto rimase purtroppo bloccato e inevitabilmente, Michael Madsen e John Travolta invecchiarono troppo per interpretare di nuovo i fratelli Vega nel prequel ipotizzato da Quentin Tarantino. Madsen aggiunge:

Se ne era uscito con questa idea che ci sarebbero stati i fratelli gemelli di Vic e Vincent, che si sarebbero incontrati dopo la morte dei fratelli. Era molto complicata, ma quando Quentin inizia a discutere un’idea è molto facile lasciarsi trasportare.

michael madsen quentin tarantino
Michael Madsen, Harvey Keitel, Steve Buscemi, Le Iene. Miramax Films

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button