Neil Patrick Harris: “C’è qualcosa di sexy in un attore etero che interpreta un personaggio gay”

L'attore ha condiviso il suo punto di vista parlando con The Times

Neil Patrick Harris, uno degli esponenti di spicco della comunità LGBTQ+ ad Hollywood, ha parlato a The Times di un argomento che ha suscitato molte polemiche negli ultimi mesi. É giusto che un attore eterosessuale interpreti un personaggio gay? Per la star di How I Met Your Mother la risposta è assolutamente si ed anzi, la ritiene una cosa sexy. L’attore che è attualmente protagonista della miniserie drammatica It’s a Sin, di Russell T. Davies, in onda su Channel 4, pensa che i casting non dovrebbero essere in alcun modo guidati dalle preferenze sessuali. Lui stesso ha dichiarato:

Per nove anni in How I Met Your Mother ho interpretato un personaggio che non aveva niente a che fare con me. Penso che ci sia qualcosa di sexy nello scegliere un attore etero per interpretare un ruolo gay, perché dimostra quanto siano pronti a investire su di esso. C’è un nervosismo, a riguardo, che deriva dalla novità di tutto questo. Dichiarando che non lo faresti mai, potresti perdere delle opportunità. Come attore speri sicuramente di poter essere un’opzione visibile per tutti i tipi di ruoli. Nel mondo in cui viviamo non puoi davvero come regista esigere che un attore abbia un determinato orientamento sessuale. Chi deve determinare quanto sia gay qualcuno?

Neil Patrick Harris e il ruolo in How I Met Your Mother

In How I Met Your Mother, come dimenticarlo, Neil Patrick Harris interpretava un personaggio eterosessuale. 209 episodi e nove stagioni che gli hanno dato popolarità e ricchezza. In qualità di regista, Neil ha poi ammesso che vorrebbe sicuramente trovare il miglior attore, a prescindere dal suo orientamento sessuale. Harris ha fatto coming out nel 2006, dalle pagine di People, quando la sua relazione con l’attore David Burtka era diventata di dominio pubblico. I due vivono insieme dal 2004 e sono diventati genitori dei gemelli Harper Grace e Gideon Scott, nati da madre surrogata, il 12 ottobre 2010.

Articoli correlati