News

No Man’s Land: il trailer della serie sulla guerra civile siriana

La serie di Hulu che vede le combattenti curde combattere l'ISIS

Hulu ha rilasciato il trailer ufficiale di No Man’s Land, serie ispirata alla guerra civile siriana. La serie uscirà sulla piattaforma streaming di Hulu il 18 novembre. Nel trailer si vedono alcune guerrigliere curde combattere durante la guerra, mentre il protagonista va alla ricerca della sorella, creduta morta. La serie è co-creata da Ron Leshem (Euphoria), Maria Fledman, Eitan Mansuri e Amit Cohen. No Man’s Land ha come protagonisti Félix Moati, Mélanie Thierry e James Purefoy. Tra gli interpreti anche Souheila Yacoub, Joe Ben Ayed, James Floyd, Dean Ridge, Julia Faure, François Caron e Céline Samie. La regia degli otto episodi che compongono la prima stagione di No man’s land è curata da Oded Ruskin.

No Man’s Land: il trailer della serie sulla guerra civile siriana

La creatrice della serie, Maria Feldman ha spiegato che:

Quando sentono i suoni [femminili] e vedono le sciarpe colorate, sanno che le donne sparano contro di loro [ i combattenti dell’ISIS] e talvolta impazziscono e scappano. Ecco perché i combattenti curdi, e in particolare le YPJ e i battaglioni femminili, svolgono un ruolo così importante nella sconfitta dell’ISIS. In questo modo, sono diventate una forza importante perché finalmente l’ISIS ha paura delle donne.

La sinossi di No Man’s Land:

La serie permetterà di addentrarsi nella guerra civile siriana attraverso lo sguardo di Antoine, un giovane francese che va alla ricerca della sorella, probabilmente morta. Mentre cerca di risolvere il mistero, Antoine finisce per unire le forze con un gruppo di combattenti curde, donne determinate che rappresentano il peggior incubo dell’ISIS e viaggia con loro attraverso i territori occupati. Il viaggio di Antoine gli permette di incontrare avventurieri, anarchici, spie e vittime innocenti, regalando una prospettiva unica sugli eventi tragici avvenuti in Siria e le conseguenze sul mondo intero.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button