News

Paolo Sorrentino: Diego Armando Maradona contrario al film Netflix su di lui

Controversie legali fra Maradona e Sorrentino

È stata la mano di Dio: è questo il titolo del film Netflix che Paolo Sorrentino girerà nella sua Napoli e dedicherà a Diego Armando Maradona. Peccato che il campione argentino abbia, a questo proposito, qualcosa da ridire. Tramite il suo avvocato Matias Morla, Diego Armando Maradona ha infatti fatto sapere che non autorizzerà il regista ad usare il suo nome per il film originale Netflix.

Diego Armando Maradona contrario al film di Paolo Sorrentino

Il titolo del film di Paolo Sorrentino è un ovvio riferimento al gol segnato di mano da Diego Armando Maradona nel 1986, nei quarti di finale dei Mondiali. L’ammirazione del regista per il campione è cosa ben nota; Sorrentino è da sempre grande tifoso del Napoli e ha dedicato a Maradona il premio Oscar vinto nel 2014 per La grande bellezza. Ciò nonostante, sembra proprio che El Pibe de Oro non abbia intenzione di “ripagare” il regista con altrettanto affetto e ammirazione. Vediamo di seguito insieme la dichiarazione rilasciata dall’avvocato Morla tramite Twitter.

Diego Maradona non ha autorizzato l’utilizzo della sua immagine per questo film. Con i nostri colleghi italiani stiamo già valutando una strategia legale per una protesta formale davanti alla Giustizia per uso indebito di un marchio registrato.

Nonostante È stata la mano di Dio si preannunci come un racconto autobiografico della vita di Paolo Sorrentino, i riferimenti a Diego Armando Maradona hanno sollevato questioni legali. Nel tweet dell’avvocato Matias Morla vi sono chiari riferimenti a un uso indebito di un marchio registrato; non è ancora chiaro se il problema sia legato allo stesso nome del campione o al riferimento alla “mano di Dio”.

Il film di Paolo Sorrentino è stato annunciato come un vero e proprio evento; nonché come un’opera intima e personale, affascinante ed emozionante. Resta da vedere se gli avvocati coinvolti nella vicenda legale riusciranno o meno a trovare un accordo tra le parti e a risolvere questo problema.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button