News

Resident Evil: svelati i primi dettagli della trama della serie tv

Prime curiosità trapelate sull'attesa serie tv Netflix

È già di un po’ di tempo fa la notizia, inizialmente riportata da Deadline, che Netflix sta sviluppando una serie tv su Resident Evil. Sappiamo anche che l’inizio delle riprese è stato fissato per il prossimo giugno e che andranno avanti fino ad ottobre in Sud Africa. Quello che non conoscevamo, almeno fino ad oggi, sono i primi dettagli relativi alla trama.

La serie tv su Resident Evil esplorerà le dinamiche e il lavoro della Umbrella Corporation e il nuovo ordine mondiale che si è venuto a creare a seguito dello sviluppo del T-virus. Ora, grazie a una nuova descrizione diffusa in rete da Netflix e subito cancellata, possiamo dare insieme un’occhiata a qualche primo dettaglio sulla trama. Vediamo insieme di cosa si tratta.

La città di Clearfield, Maryland, è rimasta a lungo nell’ombra di tre colossi apparentemente separati tra loro: la Umbrella Corporation, il dismesso Greenwood Asylum e Washington DC. Oggi, ventisei anni dopo la scoperta del T-virus, i segreti custoditi dai tre inizieranno a rivelarsi con i primi segnali dello scoppio dell’epidemia. 

Questo è ciò che si legge riguardo la trama della serie tv Netflix di Resident Evil grazie a Wayback Machine. Che ve ne pare di queste prime indiscrezioni? Resident Evil è un celebre videogioco survival horror creato da Capcom e distribuito in Giappone col titolo di Bio Hazard. Il videogioco, uscito per la prima volta nel 1996, ha dato origine a una serie di film con protagonista l’attrice Milla Jovovic nei panni di Alice.

resident evil serie tv

La saga cinematografica di Resident Evil si compone di 6 pellicole: ha avuto inizio nel 2002 con il film omonimo diretto da Paul W.S. Anderson e si è conclusa nel 2016 con Resident Evil: The Final Chapter, firmato sempre dallo stesso regista. Non resta che aspettare ulteriori aggiornamenti, e magari qualche altro dettaglio sulla trama della serie tv che dovrebbe approdare nel 2021 su Netflix.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button