News

Scrubs: gli episodi cancellati per il blackface potrebbero tornare con le scene tagliate

A dirlo il creatore della serie Bill Lawrence nel podcast di Zach Braff e Donald Faison

A seguito della censura dovuta ad episodi con contenuti poco sensitivi a livello razziale, Hulu ha rimosso gli episodi della serie Scrubs “My Fifteen Seconds” della terza stagione, “My Jiggly Ball” e “My Chopped Liver” della quinta stagione, in cui J.D. (Zach Braff) e Elliot (Sarah Chalke) fanno uso del Blackface. Il creatore di Scrubs, Bill Lawrence, si è espresso in merito nel podcast Fake Doctors, Real Friends With Zach + Donald, realizzato da Zach Braff e Donald Faison. Lo showrunner si è innanzitutto scusato con i due attori e Sarah Chalke (Elliot Reid) per la scomoda posizione in cui li ha, involontariamente messi, aprendo poi ad un possibile ritorno degli episodi rimossi a causa del blackface. 

Scrubs: gli episodi cancellati per il blackface potrebbero tornare con le scene tagliate

Le scuse agli attori della serie:

Il motivo per cui esiste la parola “showrunner” nel mondo della televisione è perché tu sei il custode, e hai la responsabilità di tutto quello che viene mostrato in uno show. Proprio per questo mi dispiace che alcuni di voi abbiamo dovuto affrontare delle conseguenze. Anche perché se da un lato è vero che siamo tutti amici e abbiamo lavorato in un ambiente caratterizzato da creatività e reciprocità, è anche vero che voi ragazzi lo avete fatto ed eravate disposti a fare ogni ogni cosa che vi chiedessimo di fare.

In merito alla possibilità di rivedere le puntate di Scrubs senza le scene con il blackface:

Su Twitter mi hanno chiesto: “Perché hai tolto gli episodi? Perché non li hai semplicemente modificati togliendo quei momenti?”. È una pandemia, al momento non ho a disposizione una struttura per il rimontaggio. È una cosa che probabilmente farò, ma prima di tutto volevo toglierli dalla TV, perché questa cosa mi ha letteralmente devastato a livello personale. Mi ha letteralmente fatto sentire una m***a.

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button