Smile: spiegazione della trama e del finale dell’horror psicologico di Parker Finn

Il nuovo horror psicologico di Parker Finn, Smile, è stato definito il film più terrificante dell'anno. La narrazione ha lasciato gli spettatori a bocca aperta, ma cosa sarà successo a Rosie? Scopriamolo!

Nonostante non sia ancora ottobre, la stagione dei film horror sembra ufficialmente iniziata. A dare il via alle danze è stato Smile, uscito nelle sale italiane il 29 settembre. Il film è stato molto apprezzato dalla critica, offrendo un’esperienza intensa ed emozionante, che mette in mostra alcune delle più grandi paure cinematografiche dell’anno. Insieme alle reazioni più viscerali che il pubblico sperimenterà, il film introduce gli spettatori ad un’affascinante mitologia dietro gli orrori, che porta con sé alcune connessioni con le esperienze del mondo reale.

Per tutti coloro che vogliono approfondire la narrazione e vogliono saperne di più sulla storia intrigante di Smile, senza sottoporsi al terrore, di seguito abbiamo spiegato la trama ed il finale.

*** ATTENZIONE SPOILER ***

Spiegazione della trama e del finale di Smile, dal 29 settembre al cinema

Recensione di Smile

Smile, Temple Hill Entertainment, Paramount Players

Smile si apre con la psichiatra Rosie (Sosie Bacon) che risponde alla paziente Laura (Caitlin Stasey), la quale spiega di essere seguita da una sorta di entità con un sorriso orrendamente inquietante. Dopo che Rosie tenta di affrontare il vero problema con Laura, quest’ultima afferma che la figura è nella stanza con lei solo per soccombere alle sue paure. Quando Rosie chiede aiuto, è già troppo tardi. Laura si è tagliata la gola. Dopo la tragedia, Rosie inizia a vedere le stesse figure che hanno spaventato Laura.

Mentre indaga sul passato di Laura, Rosie scopre che c’è stata una catena di persone che hanno assistito a violenti suicidi avvenuti davanti a loro. Mentre lo stato mentale di Rosie inizia a peggiorare, il suo ex fidanzato Joel (Kyle Gallner) scopre i rapporti della polizia di venti persone che hanno assistito ad un suicidio prima di togliersi la vita. Un individuo, tuttavia, non si è ucciso, ma ha ucciso qualcun altro e Rosie è stata in grado di organizzare un incontro con il prigioniero Robert (Rob Morgan).

Durante questo incontro, Robert afferma che esiste un’entità che si nutre di traumi e salta da una persona all’altra, spiegando di aver trovato casi simili di catene di suicidio in altre parti del mondo. Quando ogni individuo viene “maledetto” dopo aver assistito ad un suicidio, questa entità infetta la loro mente, facendo vedere loro cose che non ci sono e fare cose al di fuori del loro controllo. Rosie, ad esempio, ha ucciso il suo gatto e l’ha avvolto come regalo per suo nipote senza che se ne rendesse conto. Robert, tuttavia, è riuscito a sopravvivere uccidendo qualcun altro mentre era presente un testimone nelle vicinanze.

Ciò significa che l’entità ha visto il trauma dell’omicidio sul viso dello spettatore e vi è saltata dentro, continuando il ciclo di paura e liberando Robert dalla maledizione. Rosie si rende conto che se nessun’altra persona è presente per assistere ad un trauma, può affrontare il nemico. Guida fino alla casa della sua infanzia, dove ha assistito alla morte di sua madre per overdose di sostanze stupefacenti. Nel film viene rivelato che la madre di Rosie aveva chiesto aiuto, durante l’overdose, alla figlia, ma lei ha scelto di far morire la madre. Sola in questa casa, Rosie affronta il volto di sua madre, che rappresenta la presenza malvagia che alimenta il trauma.

Cosa succede alla fine di Smile?

Recensione di Smile

Smile: Temple Hill Entertainment, Paramount Players

Rosie dà fuoco all’entità, permettendole di bruciare nella casa della sua infanzia, mettendo finalmente a tacere il senso di colpa che si è portata dietro per tutta la vita. Dopo, torna in città per far sapere a Joel che ha posto fine alla maledizione, ma in realtà è solo un’allucinazione. Rosie è ancora nella casa. Il pubblico vede apparire la creatura e sopraffare la ragazza, rivelando la sua faccia orribile. Joel arriva a casa troppo tardi e, mentre entra, vede Rosie sfoggiare il caratteristico sorriso prima di darsi fuoco. A testimoniarlo è il riflesso degli occhi di Joel, confermando che la maledizione continuerà in lui.

Qualunque cosa il futuro possa riservare a Joel è sconosciuta, poiché Smile si interrompe mentre il pubblico assiste al suo shock per Rosie che si dà fuoco. Smile è nelle sale ora.

Articoli correlati

1 commento

  • Michela ha detto:

    A me non è piaciuto….un mix tra colori e bianco e nero, una Marilyn sempre sull orlo della depressione e della paura, troppo caos!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *