News

The OA: Netflix cancella la serie dopo la seconda stagione

La serie The OA è stata cancellata da Netflix dopo sole due stagioni

The OA è stata cancellata da Netflix dopo sole due stagioni. La storia rimarrà dunque in sospeso dopo gli eventi mostrati nel finale della seconda stagione. Lo show, creato da Brit Marling e Zal Batmanglij, giunge dunque al termine dopo giudizi contrastanti. Cindy Hollans, responsabile dei contenuti originali Netflix, ha dichiarato in proposito alla cancellazione di The OA:

Siamo incredibilmente orgogliosi dei sedici affascinanti capitoli e siamo grati a Brit e Zal per aver condiviso la loro audace creazione e per averla realizzata tramite la loro incredibile capacità artistica. Non vediamo l’ora di lavorare nuovamente con loro in futuro, in questa e forse molte altre dimensioni.

The OA – Cancellata

the oa cancellata

Secondo quanto riporta Variety, la serie Netflix The OA è stata cancellata e non avrà una terza stagione, fermandosi alle due attualmente in streaming. La decisione sembra sia stata presa da Netflix in base agli ascolti inferiori alle aspettative. La piattaforma streaming ha infatti fatto sapere più volte che le decisioni sul rinnovo delle serie vengono prese in considerazione in base ai dati sull’audience in rapporto ai costi di produzione.

La serie, nella seconda stagione, segue le vicende di OA (Original Angel), interpretata da Brit Marling, e il suo ingresso in una nuova dimensione. Ad aspettarla una vita completamente diversa, da ereditiera russa ma ugualmente prigioniera di Hap. Nel mentre il percorso del detective Karim Washington si incrocia con quello di OA, nel tentativo di ritrovare Michelle Vu. Insieme indagano sul mistero della sparizione di Michelle e sulla scoperta di una casa a Nob Hill legata alla scomparsa di diversi ragazzi.

La serie è co-creata dalla stessa Marling insieme a Zal Batmanglij. I due sono anche produttori esecutivi insieme a Brad Pitt, Dede Gardner, Jeremy Kleiner, Sarah Esberg e Michael Sugar. Nel caso in cui non si decidesse di creare un epilogo di qualche tipo come accaduto con Sense 8The OA si è dunque conclusa con un ulteriore colpo di scena.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close