News

The Upper World: Daniel Kaluuya protagonista del film Netflix

Daniel Kaluuya sarà protagonista e produttore del nuovo film Netflix

Secondo Variety, Daniel Kaluuya sarà protagonista e produttore di The Upper World, un adattamento del romanzo scritto da Femi Fadubga che verrà prodotto per Netflix. Il fantasy, pubblicato dalla Penguin nel Regno Unito e da Harper Collins negli USA, sarà disponibile nelle librerie a partire da metà 2021/inizio 2022 e dovrebbe essere il primo di una serie. Daniel Kaluuya interpreterà Esso, il viaggiatore del tempo protagonista della storia. La sinossi:

In The Upper World, Esso è coinvolto in una faida mortale e sull’orlo dell’espulsione quando si rende conto di avere un dono inaspettato: l’accesso a un mondo in cui può vedere scorci del passato e del futuro. A una generazione di distanza, Rhia sta andando ad allenamento di calcio nel 2035, ignara che il misterioso sconosciuto che sta per incontrare ha un disperato bisogno del suo aiuto per evitare un proiettile sparato 15 anni fa.

The Upper World: le parole di Tendo Nagenda e dello scrittore del romanzo

Tendo Nagenda, il vice presidente di Netflix Film, ha dichiarato:

Raramente mi trovo di fronte ad una storia alla quale mi sento connesso in modo così viscerale. È una sensazione davvero rara, resa ancora più speciale dal fatto che hai la possibilità di dare vita alla storia realizzando un film. I film possono avere un forte impatto e cambiare il modo in cui le persone vedono la vita, espandendo i loro orizzonti. The Upper World sarà uno di questi film.

Lo scrittore del romanzo ha spiegato così da dove è nata l’idea del romanzo:

Quando frequentavo l’università ho scritto un saggio sulla fisica quantistica che è stato pubblicato nello stesso giornale dove Einstein condivideva molte delle sue idee più famose.

La sera in cui ha ricevuto un premio, Femi ha però visto vicino a casa sua le conseguenze di un attacco violento subito da un ragazzo di circa quindici anni nell’area in cui viveva, rendendosi conto di aver evitato di trovarsi al suo posto solo grazie a un viaggio di venti minuti in autobus. Fadubga ha dichiarato di aver vissuto in luoghi molti diversi tra loro come Kigali, Somerset, Oxford e Philadelphia, e di aver capito un giorno che poteva unire la storia di un ragazzino cresciuto nell’area a sud di Londra con i principi fisici dei viaggi nel tempo con una storia che fosse coinvolgente e attirasse molte categorie diverse di persone.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button