HorrorRecensioniThriller

Noi: recensione del film di Jordan Peele

Dopo il successo di “Get Out” il regista torna in sala con un altro horror entusiasmante

Noi recensione. Noi (Us) è il film protagonista di questa nostra recensione. Trattasi di un nuovo progetto che vede alla regia uno dei più acclamati astri nascenti della cinematografia mondiale, lo statunitense Jordan Peele. Quest’ultimo reduce da un 2018 a dir poco trionfale, visto proprio l’inatteso successo globale che ha riscontrato con Get Out, la sua pellicola d’esordio. Get Out è stato talmente ben accolto che (con più di 250 milioni di dollari incassati nei box office di tutto il mondo) è valso a Peele la vittoria dell’Oscar alla migliore sceneggiatura originale 2018.

In quel caso ci trovavamo di fronte ad un horror dalle numerose sfumature, capace di spaziare dall’angoscia alla satira con una naturalezza sorprendente. Con Noi però la volontà è quella di spingersi oltre, ossia di concepire un intero mondo che si muova al ritmo di una trama magistrale. Eccovi quindi la recensione di Noi: un horror che, volendo essere lungimiranti, farà parlare di sé per molto tempo.

 

Noi recensione: trama

Noi recensione film jordan peele

I Wilson hanno fatto i bagagli, allacciato le cinture e sono finalmente pronti a partire per un viaggio sulle spiagge soleggiate di Santa Cruz, in California. I nostri protagonisti sono Adelaide (Lupita Nyong’o), suo marito Gabe (Winston Duke) e i figli Zora and Jason. Il posto scelto come alloggio per l’intera durata della vacanza è la vecchia casa d’infanzia di Adelaide, un’oasi molto accogliente immersa nel verde. Inizialmente la loro sembra essere una permanenza ricca di relax e serenità, ma da dopo il loro arrivo sul posto qualcosa cambia. Adelaide sente pian piano riaffiorare dentro sé vecchi traumi risalenti alla sua età più fanciullesca, legati in particolar modo ad una spiaggia di Santa Cruz.

Le paranoie crescono, l’ansia aumenta e, nonostante i tentativi di apertura verso Gabe alla ricerca di un conforto, sente di non essere compresa. Tuttavia una notte, davanti allo stupore dell’intera famiglia Wilson, una seconda famiglia si palesa sul viale del loro giardino. Sono in quattro, immobili, avvolti dalle tenebre che lascia risaltare all’occhio solo il loro abbigliamento rosso acceso. Osservando meticolosamente gli estranei dalle finestre i Wilson, dopo un attimo di spaesamento misto a terrore, giungono attoniti alla più angosciante delle conclusioni: quelli fuori non sono estranei, ma i loro alter ego.

 

Noi recensione: analisi

Noi recensione film jordan peele

Jordan Peele, dopo l’eccellente lavoro svolto col suo titolo d’esordio, si lancia in un nuovo progetto dalle caratteristiche affini a quelle del suo primo film. Ritroviamo nuovamente persone di colore vestire i panni dei protagonisti, così come toccò a Daniel Kaluuya interpretare Chris in Get Out. In Noi il cast è impeccabile, gli attori fanno sfoggio di performance incredibilmente variopinte. Lupita Nyong’o (Oscar alla migliore attrice non protagonista 2014 per 12 anni schiavo) riesce ad impersonare con eguale classe sia l’Adelaide timorosa e terrorizzata, sia la sua gemella maligna, infondendo un forte senso d’inquietudine anche solo con le sue espressioni visive.

L’esilarante personaggio di Gabe Wilson, interpretato da Winston Duke, è invece la dimostrazione tangibile di come un buon background comico costituisca una marcia in più per la stesura di una trama. Avendo lavorato nel corso degli anni a diverse comedy (come la celebre serie Key and Peele, molto apprezzata negli States), Jordan Peele questo background se l’è foggiato a dovere. I canoni classici dell’horror non includono la risata come elemento necessario, è previsto spazio solo per lo spavento. Ecco invece che Peele arriva e cambia le carte in tavola, mischia terrore e satira, paura e ilarità, in un’alchimia armoniosa che ha il sapore di rivoluzione horror. Ciò è fondamentale per sperare di dare più dinamismo e freschezza ad un settore saturo come il cinema dell’orrore, carente in fatto d’innovazione.

Noi recensione film jordan peele

La sceneggiatura in Noi è persino più ambiziosa e contorta di quella di Get Out, già di per sé ottima. La premessa qui è intrigante, suggestiva, inusuale. Gli horror hanno abituato lo spettatore all’idea del “cattivo”, dell’entità malvagia da sconfiggere o dalla quale fuggire. In questo caso il cattivo siamo invece noi stessi, ovvero nello specifico le proiezioni malvagie dei protagonisti, le loro nemesi.

 

Noi recensione: conclusioni

Noi recensione film jordan peele

Ad arricchire una trama già molto efficace si aggiungono plot-twist sconvolgenti, gag geniali e una regia ponderata ma esteticamente appagante. Menzione d’onore per la colonna sonora che alterna una dopo l’altra pietre miliari dell’Hip Hop Old School come “I Got 5 On It” dei Luniz o l’indimenticabile “Fuck Tha Police” dei N.W.A., un tocco di classe. Concludendo: con Noi Jordan Peele si conferma l’uomo della svolta di questo genere, rappresentando una sorta di Spike Lee dell’horror moderno. Il paragone con Lee appare doveroso, visti specialmente i molteplici punti di contatto presenti tra i due. Uno tra questi ad esempio è la volontà di avere dei protagonisti di colore al centro dei propri film, argomento sul quale Peele stesso dice:

Sono molto privilegiato di essere in questa posizione in cui posso proporre un film, con una famiglia nera al centro di una storia horror, che è esattamente il tipo di film con il quale sarei voluto crescere io. Torno quindi a quest’idea del fare ciò che qualcuno farebbe per me.

In Noi c’è tutto: tensione, spavento, atmosfera, storia, ironia, sangue, emozioni. Forse non sarà l’horror tutto jumpscare e urla che ormai il mercato propone incessantemente (e che il pubblico invoca a grande richiesta) ma parliamo in ogni caso di una pellicola che merita solo elogi, così come il suo regista ed i suoi attori. Un’inquietante ed avvincente favola dark dell’orrore dove, per restare uniti e salvarsi, non bisogna più scappare via da loro, ma da noi.

Noi

Voto - 9

9

Lati positivi

  • Originale ed interessante, dona una ventata di freschezza al panorama horror
  • Trama
  • Performance attoriali
  • Regia
  • Colonna sonora

Lati negativi

  • Potrebbe deludere gli amanti dei jumpscare

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close