FilmPost consigliaSerie Tv

Scrubs – Una delle serie tv migliori di sempre

Cos’è Scrubs? Una sitcom? Una delle tante serie tv ambientate in un ospedale?
Può darsi. Può essere che sia una o entrambe le cose. Ma Scrubs è anche molto di più. Creata nel 2001 da Bill Lawrence ed andata in onda per nove stagioni, Scrubs è una delle serie più divertenti e allo stesso tempo profonde dell’intero panorama televisivo.

Uno show senza tempo

Scrubs è uno di quei telefilm che andrebbero visti ripetutamente e in tempi e periodi diversi della propria vita. Tutto questo perché ad ogni visione di Scrubs si scopre sempre qualcosa di nuovo. Non qualcosa della serie in sé, quanto piuttosto qualcosa di nuovo di se stessi. La storia di Scrubs si adatta a qualunque età: che sia un liceale,un universitario o un lavoratore più o meno esperto, Scrubs avrà sempre un messaggio da trasmettere al proprio spettatore.

Ed è la varietà dei personaggi presenti in scena a creare tale senso di completezza nella serie. Se è vero che il protagonista principale è JD, ventiseienne tirocinante dell’ospedale Sacro Cuore, è pur vero che durante le stagioni troviamo un comparto di personaggi comprimari che rendono lo show la perla che è.
A partire da Turk, il migliore amico di JD fino a Elliot, più che un’amica per il giovane dottore, Carla, l’infermiera fidanzata con Turk e altri personaggi come l’Inserviente, Tod e Ted, lo show può contare sulla presenza di numerosi caratteri in scena.

Tra risate e drammi

L’umorismo con cui vengono affrontate le tragedie quotidiane di un ospedale non va confuso con la leggerezza e la superficialità. Come dice il dottor Cox in un episodio “le battute e l’umorismo servono a tirare avanti”. Ed è interessante notare come le differenze di esperienza e di età giochino un ruolo fondamentale nell’approccio di ciascun personaggio nei confronti di uno stesso evento.

Se per JD il tutto risulta nuovo, spaventoso e affascinante, il punta di vista di altri personaggi risulterà decisamente variegato e differente. E questo fa sì che, spesso, non si potrà decidere se essere d’accordo con un personaggio piuttosto che con un altro, ma se ne apprezzeranno le sfumature. Ciò che rende unico Scrubs è il modo con cui ogni singolo lavoratore del Sacro Cuore reagisce ai traumi. Ognuno con le proprie ragioni e nessuno in torto al 100%.

Per cui, nonostante il cinismo e i modi di fare, non potremo non parteggiare per il dottor Cox quando affronta di petto la realtà e la sputa in faccia al giovane neo dottore. E non potremo non cercare di metterci nei panni del dottor Kelso e chiederci “cosa faremmo se avessimo le responsabilità di un primario di un grande ospedale?”. Così, crescendo, si inizia a riguardare la serie con occhi diversi; si inizia a lavorare, e si iniziano a capire certe dinamiche che, avendo seguito la serie da adolescente per le prime volte, magari ci sono sfuggite.

E tutto ciò soltanto per quanto riguarda l’argomento lavoro.

Scrubs: una serie che osa

Sessismo, razzismo, la morte come costante, le relazioni interpersonali. Queste sono solo alcune delle tante problematiche trattate da uno show che ha saputo fare del bilanciamento tra comicità ed emotività il proprio cavallo di battaglia. Non sarà raro infatti guardare un’intera puntata ridendo per poi, infine, ritrovarsi commossi e riflettere su se stessi.

Impossibile non citare il “vizio” di JD di piegare la testa di lato, guardare verso l’alto e immaginare qualche scenetta senza senso. Gli autori sono stati bravissimi a non aver paura di spezzare una scena comica con il dramma e viceversa. E, come dice il dottor Cox, l’umorismo nella vita è come una medicina che ti permette di sopravvivere alla triste quotidianità.

Ciò rende ancora di più Scrubs una delle serie migliori dell’intero panorama televisivo.

Quella che abbiamo grattato è solo la punta di un iceberg che, sotto di se, nasconde un corpo immenso. Si potrebbe tranquillamente dedicare un articolo per ogni singolo episodio.

Scrubs è un patrimonio che va preservato, tramandato e da cui chiunque può imparare qualcosa per diventare una persona migliore.

 

Leggi anche:

Westworld 2: rilasciato il teaser trailer della seconda stagione!

Non c’è bisogno di presentazioni: lo show di David Letterman su Netflix

Film sconosciuti da vedere: Circle


Ti è piaciuto questo articolo? Metti mi piace alla nostra pagina Facebook per rimanere aggiornato su tutte le novità dal mondo del cinema e della tv!

FilmPost.it Fan Page

Close

Adblock Rilevato

Per favore supportaci disabilitando il tuo Ad Blocker