News

A Call To Spy: online il trailer del film di spionaggio con Radhika Apte

A Call To Spy vanta un team di produzione composto principalmente da donne

IFC Films ha pubblicato online il trailer del nuovo film di spionaggio con protagonista Radhika Apte, A Call To Spy. Alla regia c’è la nominata al premio Oscar Lydia Dean Pilcher. A Call To Spy è un thriller di spionaggio ambientato nella seconda guerra mondiale; racconta la vera storia delle donne reclutate come spie dall’amministrazione di Winston Churchill per sabotare le operazioni naziste in Francia. Gli inglesi erano quasi del tutto inconsapevoli di ciò che stava accadendo nella Francia occupata all’inizio della guerra. Così le donne, che presumibilmente non avrebbero destato sospetti nei nazisti, si introdussero nelle operazioni di spionaggio per conoscere le attività naziste e, se possibile, minarle. Non solo, dunque, la storia è tutta al femminile, ma anche il team di produzione è composto per la maggior parte da donne; ciò include anche la costumista Vanessa Porter, la production designer Kim Jennings e la compositrice Lillie Rebecca McDonough. A Call To Spy, di cui trovate il trailer qui sotto, uscirà il prossimo 2 ottobre in sala e in streaming.

A Call To Spy: online il trailer del film di spionaggio con Radhika Apte

Online il trailer del film con protagonista Radhika Apte, A Call To Spy. Insieme all’attrice indiana, nel cast troviamo anche Stana Katic, Sarah Megan Thomas Linus Roache, Rossif Sutherland, Marc Rissmann, Samuel Roukin e Laila Robins. La pellicola è stata presentata in anteprima al Edinburgh International Film Festival nel giugno 2019. Qui la regista Lydia Dean Pilcher ha dichiarato:

Mi sono ritrovata ad affrontare la sfida di ritrarre il viaggio di queste donne in un modo che potesse mostrare come l’esistenza stessa delle differenze nazionali ed etniche possano stimolare una più profonda connessione umanitaria. Mentre tutti affrontiamo l’attuale epidemia globale di estremismo nazionale, è sconvolgente rendersi conto che stiamo affrontando le stesse condizioni che hanno posto le basi per il nazismo.

 

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button