News

Kaley Cuoco: ecco com’è stato essere Harley Quinn nella serie animata

L'attrice parla della sua esperienza di doppiaggio nella serie

Sappiamo che la seconda stagione della serie dedicata a Harley Quinn arriverà a breve e abbiamo appena visto Margot Robbie in Birds of Prey. Nel corso di un’intervista ad Entertainment Weekly, Kaley Cuoco ha parlato della sua esperienza nei panni di Harley Quinn. Ricordiamo che la celebre Penny di The Big Bang Theory ha prestato la sua voce al personaggio dei fumetti DC nella serie animata la cui prima stagione ha fatto il suo esordio negli Stati Uniti a novembre 2019.

Kaley Cuoco ha tenuto a sottolineare come abbia voluto dare un tocco personale alla sua Harley Quinn per differenziarla da quella di Margot Robbie. L’attrice ha raccontato di come gli showrunner della serie avrebbero voluto che modificasse il suo accento; scelta, questa, con cui la Cuoco non si è trovata d’accordo.

kaley cuoco harley quinn

Ci sono state tante Harley Quinn diverse e Margot Robbie ha fatto un ottimo lavoro in Suicide Squad, così era mia intenzione differenziarmi da queste interpretazioni. All’inizio avrebbero voluto che parlassi con un forte accento di Boston, ma ho spiegato agli showrunner che la mia è una voce particolarmente riconoscibile. Sarebbe stato un controsenso far finta che non fosse Kaley a recitare. Lo show è davvero unico e c’è molto di me nel personaggio: l’ho voluta far diventare una mia opera.

Sempre parlando del suo lavoro col personaggio di Harley Quinn, Kaley Cuoco ha poi dichiarato di essere rimasta particolarmente colpita da alcune situazioni della serie animata decisamente scorrette, dure e sorprendenti. Vediamo meglio il resto della dichiarazione dell’attrice.

Dopo aver letto le prime pagine del copione sono scoppiata a ridere. Si capisce subito che si tratta di una serie decisamente scorretta e folle. Gli autori ci hanno messo davvero tutta la loro abilità per creare situazioni come la possibile relazione tra Harley e Ivy. Una trovata che difficilmente ci si sarebbe potuti aspettare.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button