News

Killing Eve accusato di mancanza di diversità tra il team di autori

Una foto postata su Twitter accende le polemiche sulla scarsa diversità nel team di scrittori della serie

La fortunata serie della BBC Killing Eve si è ritrovata al centro della polemica a causa di una foto postata su Twitter. La foto incriminante ritrae il team autori in riunione su Zoom. L’immagine in questione, ora cancellata da Twitter, mostrava nove persone, per lo più donne e tutti di etnia caucasica. Il pubblico ha immediatamente espresso il suo disappunto sulla mancanza di diversità tra gli autori di Killing Eve. La polemica nasce dal fatto che tra gli sceneggiatori della serie non ci sia nemmeno una persona di colore. Keyleigh Llewellyn, una delle autrici di Killing Eve, ha ora cancellato il post, ma la foto è stata prontamente condivisa dagli utenti di Twitter.

Anche il regista e produttore Matthew A. Cherry ha sottolineato questa mancanza e ha ritwittato il post della Llewellyn scrivendo:

Dovete essere davvero orgogliosi nel condividere questi screenshot di un team di autori per nulla diverso come se fosse qualcosa da celebrare.

Killing Eve accusato di mancanza di diversità tra il team di autori

Anche la sceneggiatrice britannica Rachel De-lahay, autrice di Noughts+Crosses e The Eddy, ha espresso il suo disappunto sulla questione della mancanza di diversità nel team di Killing Eve. La donna ha sottolineato come gli scrittori siano

la prossima generazione che non sembra interessarsi al problema.

Altri utenti hanno espresso la loro opinione su Twitter evidenziando come nel cast di Killing Eve sia presente Sandra Oh, attrice di origine asiatica, mentre tra gli sceneggiatori non vi sia alcuna attenzione alla diversità. Non è certo la prima volta che un prodotto televisivo o cinematografico finisce al centro di accuse simili. Il Tweet è stato pubblicato in un momento molto delicato che sta vivendo il mondo intero a causa dei movimenti di protesta della Black Lives Matter. La mancata diversità etnica tra gli autori del team di Killing Eve non poteva certamente passare inosservata in questo periodo.

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button