La regina degli scacchi: la campionessa Nona Gaprindashvili fa causa a Netflix

Netflix è finita sul banco degli imputati per un'inesattezza sulla vera campionessa sovietica Nona Gaprindashvili

La campionessa georgiana di scacchi e prima donna a ottenere il titolo di Grande Maestro Nona Gaprindashvili, ha fatto causa a Netflix per i rifermenti alla sua persona contenuti nella serie La regina degli scacchi. Una denuncia di diffamazione per una linea di dialogo nel finale della popolare serie; che falsifica i suoi successi nella vita reale e li paragona a quelli del personaggio di Anya Taylor-Joy. La frase pronunciata da un commentatore mentre Beth Harmon è impegnata in un match a Mosca recita:

L’unica cosa insolita di lei, davvero, è il suo sesso, e anche questo non è unico in Russia. C’è Nona Gaprindashvili, ma lei è la campionessa del mondo femminile e non ha mai incontrato uomini.

La regina degli scacchi: la campionessa Nona Gaprindashvili fa causa a Netflix

Come riporta il New York Times e i legali di Gaprindashvili, la miniserie Netflix ha inserito nel dialogo una grossa imprecisione definita, come si legge nel testo della causa:

Nona Gaprindashvili è una pioniera degli scacchi femminili e un’icona molto amata nel suo paese natale, la Georgia. Durante la sua straordinaria carriera, ha vinto molti campionati, ha battuto alcuni dei migliori giocatori di scacchi maschi del mondo. Ed è stata la prima donna nella storia a raggiungere lo status di grande maestro internazionale di scacchi tra gli uomini. L’affermazione che Nona Gaprindashvili non abbia mai affrontato uomini è manifestamente falsa, oltre ad essere grossolanamente sessista e sminuente.

Nel 1968, l’anno in cui è ambientato questo episodio, aveva gareggiato contro almeno 59 giocatori di scacchi maschi (28 dei quali contemporaneamente in una partita), inclusi almeno dieci Grandi Maestri di quel tempo tra cui Dragolyub Velimirovich, Svetozar Gligoric, Paul Keres, Bojan Kurajica, Boris Spassky, Viswanathan Anand e Mikhail Tal. Gli ultimi tre sono stati anche campioni del mondo durante la loro carriera. Netflix ha mentito sfacciatamente e deliberatamente sui successi di Gaprindashvili. Al cinico scopo di accrescere il dramma facendo sembrare che la sua eroina immaginaria fosse riuscita a fare ciò che nessun’altra donna, inclusa Gaprindashvili, aveva fatto. Così, in una storia che avrebbe dovuto ispirare le donne mostrando una giovane donna che gareggia con gli uomini ai massimi livelli degli scacchi mondiali, Netflix ha umiliato l’unica vera donna che aveva affrontato e sconfitto gli uomini sulla scena mondiale nella stessa era.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati