News

La regina degli scacchi: il cast non esclude una seconda stagione

Sia Anya Taylor-Joy che Harry Melling non hanno escluso una possibile seconda stagione della serie Netflix

In un’intervista rilasciata alla testata online Town & Country, la protagonista de La regina degli scacchi, Anya Taylor-Joy, non esclude la possibilità di una seconda stagione della serie Netflix. Rispondendo alle domande dei giornalisti, l’attrice che nella serie interpreta il personaggio di Beth Harmon, ha dichiarato:

Se ho imparato qualcosa lavorando in questo settore è mai dire mai. Adoro questo personaggio e se me lo chiedessero vorrei di nuovo interpretarla, ma credo che abbiamo concluso la sua vicenda in un momento perfetto. Credo che il resto della sua vita sarà avventuroso come quello che abbiamo visto, considerando il suo obiettivo di vivere in pace con se stessa, credo che finisca nel migliore dei modi.

La regina degli scacchi: non è da escludere una possibile seconda stagione

Anche il suo collega Harry Melling, che nella serie televisiva interpreta il personaggio di Harry Beltik, non ha escluso a priori la possibilità di una seconda stagione de La regina degli scacchi. Le sue parole:

Sarebbe bello vero, vedere La Regina degli Scacchi in una seconda stagione? Il finale della miniserie coincide con il finale del libro. Non so se sia possibile continuare, ma cose ben più strane sono accadute.

Entrambi gli attori non hanno quindi smentito la possibilità di una seconda stagione, lasciando spazio alle speranze di alcuni fan della serie. Con protagonista la bravissima Anya Taylor-Joy, La Regina degli Scacchi racconta la storia di una giovane bambina prodigio degli scacchi e la sua ascesa al successo mentre combatte contro la dipendenza da alcool e droghe. Oltre alla già decantata Anya Taylor-Joy, tra i membri del cast troviamo anche Harry Melling, il capriccioso Dudley di Harry Potter Thomas Brodie-Sangster (Il Trono di Spade). Lo show è basato sul romanzo di Walter Tevis. Scott Frank è regista e co-autore del progetto insieme ad Allan Scott.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button