Met Gala 2021: Timothée Chalamet co-conduttore della nuova edizione

Torna il Met Gala con due date, due feste e due mostre sulla moda americana

Timothée Chalamet è stato scelto per ricoprire il ruolo di co-conduttore del Met Gala 2021, insieme alla poetessa Amanda Gorman e il designer Tom Ford. In questi anni, Chalamet ha richiamato l’attenzione di molte maison e ha indossato sui red carpet look di Gucci, Alexander McQueen, Louis Vuitton e Haider Ackermann. Nelle precedenti edizioni hanno sfilato sul red carpet del Met Gala praticamente tutti i personaggi più in vista, da Lady Gaga a Elon Musk. Tra gli artisti che si sono esibiti, memorabili le performance di Rihanna, The Weeknd e Cher. L’evento torna con due date, non il primo lunedì del mese perché quella data è già occupata dal Labor Day, ma il 18 settembre, a conclusione della Fashion Week per la Primavera/Estate 2022. La seconda data sarà il 5 maggio 2022, tornando quindi nel tradizionale calendario dell’evento. I due party avranno diverse location, temi differenti (ma con lo stesso filo conduttore) e due mostre. 

Met Gala 2021: Timothée Chalamet co-conduttore della nuova edizione

Il filo conduttore di entrambi gli eventi del Met Gala 2021 sarà la moda statunitense del ventunesimo secolo. Il focus di settembre 2021 sarà “America: a Lexicon of fashion”, e metterà in mostra i designer americani del 21esimo secolo. La mostra si terrà all’Anna Wintour Costume Center nel MOMA, il 18 settembre 2021, e sarà allestita in 21 stanze, ciascuna con uno stile diverso. La seconda mostra dei Met Gala 2021, invece, è intitolata “In America: An Anthology of Fashion”.  Si svolgerà sempre al Moma il 5 maggio 2022 nelle sale d’epoca dell’ala americana e ripercorrerà 300 anni di storia della moda e le influenze che ha avuto sulla nascente moda americana. L’evento è super esclusivo e si accede solo su invito. I biglietti costano attorno ai 30.000 dollari, e il costo di un tavolo parte da 275.000 dollari. I proventi confluiscono nella raccolta di fondi per il Metropolitan Museum of Art’s Costume Institute.

Articoli correlati