Pixar: al via i casting per il primo personaggio transgender

Alla ricerca di una doppiatrice per un progetto ancora segreto

La Pixar ha appena diffuso un comunicato con cui annuncia i casting per il primo personaggio transgender. Come riporta, fra gli altri, anche Screen Rant, il progetto per cui ha preso avvio la ricerca non è ancora stato svelato e rimane al momento segreto. I Pixar Animation Studios sono famosi per la loro computer grafica innovativa e per un occhio sempre attento alla tematica dell’inclusione. Già lo scorso anno, con Onward, avevano introdotto il loro primo personaggio LGBT+, l’agente Specter, doppiata nella versione originale da Lena Waithe. Da Toy Story (1995) la Pixar ha rilasciato altri 22 film, il più recente dei quali è Soul di Pete Docter. Sia Soul che Onward concorrono agli Oscar 2021 nella categoria Miglior film d’animazione. Attualmente gli Studios hanno tre film in cantiere: Luca, che uscirà quest’anno, e Turning Red e Lightyear, in previsione per il 2022.

Il casting della Pixar per il personaggio di una ragazzina transgender

Nel comunicato condiviso su Twitter da TransMarch, la Pixar annuncia la ricerca di una doppiatrice per il primo personaggio transgender. Nella nota non c’è alcun dettaglio sul progetto in questione ma le caratteristiche del personaggio sono descritte a chiare lettere. “Pixar sta cercando una giovane doppiatrice per un progetto in fase di sviluppo. Il personaggio, Jess, è una quattordicenne transgender. È compassionevole, divertente e sempre pronta a dare una mano”. Gli Studios specificano poi di essere alla ricerca di una giovane attrice di età compresa fra i 12 e 17 anni.

La candidata ideale, si legge, deve essere entusiasta, spigliata, divertente e piena di energia. Deve sentirsi a suo agio a recitare di fronte a un microfono e, ancor più importante, dev’essere in grado di rappresentare in maniera autentica il personaggio di una ragazzina transgender. Questo progetto della Pixar, ancora senza nome, sarà il primo a portare in scena un personaggio transgender. Negli ultimi anni la comunità transgender è spesso stata emarginata e tagliata fuori. La decisione della Pixar di dar spazio a un personaggio transgender, fedelmente rappresentato, è sicuramente un passo avanti sulla strada giusta.

Articoli correlati