News

Royal Family: YouTube rimuove il documentario sulla famiglia reale inglese

La famiglia reale inglese al centro di un nuovo "mistero"

È stato rimosso da YouTube “Royal Family”, documentario sulla famiglia reale inglese risalente al 1969 e caricato sulla piattaforma a gennaio. L’uscita della serie The Crown ha riacceso nel cuore di molte persone l’interesse per una delle casate più chiacchierate e antiche d’Europa. Non molti sanno però che più di 50 anni fa il Re Filippo e la Regina Elisabetta diedero il loro benestare affinché una troupe della BBC li seguisse e documentasse la loro vita per un intero anno. 43 ore totali di girato condensate in un’opera di 110 minuti che venne trasmessa per la prima volta solo nel 1972. Da quel momento però si sono perse le tracce del progetto; si temeva infatti che la famiglia reale potesse perdere quel potere tutto nobile di ammaliare le persone comuni.

Pubblicità

All’improvviso però agli inizi di gennaio 2021 il documentario ha fatto la sua comparsa su YouTube, raccogliendo un buon numero di visite. Le stime di The Huffington Post affermano che il video avrebbe totalizzato più di 10mila visualizzazioni. Ora come ora però non è più possibile trovarlo a causa di una rimozione avvenuta ufficialmente per violazione di copyright.

YouTube rimuove Royal Family, il documentario perduto sulla famiglia reale inglese

Pubblicità

Le recenti polemiche tra la Famiglia Reale Inglese e gli episodi della quarta stagione di The Crown hanno fatto sorgere più di qualche dubbio. C’è infatti il forte sospetto che la rimozione del video sia stata richiesta dai “piani alti”. Il principe Carlo e il figlio William avrebbero infatti protestato contro la ricostruzione fatta dalla serie del periodo compreso fra il 1979 e i primi anni Novanta. I temi al centro della discussione sono quelli legati ai problemi di salute di Lady D dovuti allo stress della vita di coppia con Carlo e al tradimento di lui con Camilla Parker Bowles.

royal family youtube
Royal Family, BBC, ITV

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button