News

Star Wars: George Lucas motiva la vendita della saga alla Disney

George Lucas ammette: "se non avessi venduto alla Disney non avrei mai chiuso con la saga"

George Lucas ha rivelato i motivi della vendita della saga di Star Wars alla Disney, avvenuta nel 2012. Il papà della saga di Star Wars ammette:

Se non avessi venduto alla Disney non avrei mai chiuso con la saga.

Nel 2012 George Lucas aveva 69 anni, tantissimi successi alle spalle e assicurati molti successi futuri. La vendita della saga di Star Wars alla Disney è stato di certo un evento traumatico., Non è facile dover abbandonare la propria creatura, un addio duro come quello di qualsiasi genitore che deve lasciar andare via il proprio figlio. George Lucas ha visto nascere e crescere Star Wars ma è stato costretto dalle circostanze a lasciarlo andar via. Il saluto è stato definitivo, infatti, il regista non ha voluto nemmeno una clausola in cui poteva figurare come collaboratore di secondo piano. Spiega:

Non avrei potuto vendere la Lucasfilm e convincere qualcuno a dirigere le produzioni, questo non è un ritiro. Ne L’impero colpisce ancora e Il ritorno dello Jedi ho cercato di stare alla larga, ma non ci sono riuscito. Ero sul set tutti i giorni. Anche se le persone erano mie amiche e facevano un ottimo lavoro, non era come se lo stessi realizzando io; era come essere stato licenziato. Sapevo che probabilmente non avrebbe funzionato di nuovo, che mi avrebbe creato frustrazione. Sono uno di quei micromanager, non posso farci niente. Quindi ho pensato che avrei dovuto rinunciare e godermi quello che avevo e poi non vedevo l’ora di crescere mia figlia.

George Lucas dice la sua sulla cessione dei diritti di Star Wars

Ma il motivo principale del triste addio a Star Wars, lo spiega lo stesso George Lucas in un’intervista:

Nel 2012 avevo 69 anni. La domanda che mi sono posto è stata ‘Che cosa farò per il resto della mia vita? Voglio continuare così?’ Alla fine ho deciso che preferivo crescere mia figlia e godermi la vita per un po’.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button