News

The Conners: ecco le mascherine nella terza stagione della serie

Nella terza stagione della sitcom americana i personaggi indossano le mascherine

Il 21 ottobre è andata in onda, in America, la terza stagione della serie The Conners, e tutti i personaggi indossano le mascherine. Nella trama della sitcom americana dell’ABC però, il Covid-19 non è protagonista; la serie ha voluto introdurre le mascherine in quanto sono ormai la “nuova normalità” del mondo che stiamo vivendo. Come spiega infatti l’attrice Sara Gilbert, in un’intervista al New York Times:

Abbiamo sempre cercato di rappresentare le famiglie appartenenti alla classe media e operaia, e far finta che tutto questo non stesse accadendo ci è sembrato poco realistico.

Aggiunge lo showrunner della serie, Bruce Helford:

I personaggi possono abbassare o non portare la mascherina nelle scene in cui sono presenti dei loro conviventi o membri della famiglia, ma se sono fuori o al lavoro, assieme ad altre persone, devono tenere su mascherine e protezioni varie.

The Conners: il debutto della terza stagione con le mascherine

Nella serie, si andrà ad esplorare le conseguenze della pandemia sulle attività a conduzione familiare (come la lotta di Jackie per salvare il suo ristorante), o come la situazione abbia influenzato a livello psicologico i più giovani.

Mark (Ames McNamara), il più giovane dei Conner, è sicuramente colui ne ha più risentito. È quello che si mette fuori dalla porta per controllare la temperatura di tutti quelli che entrano in casa, facendo impazzire tutti.

La comedy, creata da Matt Williams e con protagonista John Goodman, è lo spin-off della celebre sitcom Pappa e Ciccia e segue le vicende dei Conners, una famiglia della classe operaia alle prese con le lotte quotidiane della vita e le difficoltà finanziarie. In onda ogni settimana sull’emittente americana, la serie andrà a rispecchiare la realtà con i suoi prossimi episodi. Il secondo, in arrivo il 28 ottobre – tre giorni prima di Halloween e sei prima dell’Election Day -, celebrerà la festa preferita dalla famiglia, e non mancheranno riferimenti politici.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button