News

Vikings 6: la seconda parte in arrivo nel 2021?

Si fanno insistenti le voci circa uno slittamento

La pandemia legata al Covid-19 ha messo i bastoni tra le ruote del mondo dello spettacolo a tutto tondo. Fra produzioni rallentate, stop ai set, quarantene, cancellazioni e rimandi il 2020 è stato e continua ad essere un anno particolarmente impegnativo. Fra le varie serie tv, l’onda lunga del coronavirus ha colpito anche Vikings 6. Nelle intenzioni originarie dei dirigenti di History, la sesta stagione della serie scritta e creata da Michael Hirst avrebbe dovuto essere divisa in due metà, ciascuna sviluppata in dieci episodi. In parte, i piani sono stati rispettati, dal momento che la prima metà è andata regolarmente in onda alla fine del 2019; nel nostro Paese è disponibile nel catalogo di Amazon Prime Video, Netflix e TimVision. I problemi sorgono con la seconda parte di Vikings 6, inizialmente prevista per il 2020.

Quando arriverà la seconda parte di Vikings 6?

Nel corso dell’edizione virtuale del San Diego Comic-Con i fan avevano potuto dare un primo sguardo alla seconda parte di Vikings 6 in un teaser trailer. In quell’occasione, con grande sollievo degli appassionati della serie, abbiamo scoperto che il personaggio di Bjorn è sopravvissuto alle coltellate del fratello Ivar. L’undicesimo episodio della sesta stagione di Vikings avrebbe dovuto andare in onda tra novembre e dicembre 2020. Mentre alcuni pensano che l’arrivo della seconda parte di Vikings 6 sia slittata al mese di dicembre, sono in molti a pensare che l’attesa sarà ben maggiore.

Ufficialmente non si hanno notizie certe e gli account ufficiali della serie non riportano informazioni. Questo porta a pensare che la seconda parte della stagione potrebbe slittare al 2021. Fra le varie ipotesi per la ragione di tale slittamento c’è quella che la pandemia da Covid-19 abbia causato dei rallentamenti in fase di post-produzione. Ipotesi, questa, che anche alla luce delle notizie dei vari show il cui andamento è influenzato dalla situazione sanitaria, sembra abbastanza probabile. Non resta che attende e vedere se le voci circa uno spostamento al 2021 siano effettivamente fondate.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button