Just Say Yes: recensione della nuova commedia romantica Netflix

Una commedia su un’inguaribile romantica e la scoperta dell’amore verso sé stessa

Just Say Yes è la nuova commedia romantica approdata su Netflix di cui vi proponiamo la recensione. Il film olandese è diretto da Appie Boudellah e Aram van de Rest. Al centro della storia c’è Lotte, una producer trentenne che lavora in un’emittente televisiva ed è innamorata del conduttore del programma: Alex. Lotte vede Alex come un vero e proprio principe azzurro. Sogna, da sempre, il matrimonio ma lui non è attratto dall’idea di sposarsi. Quando finalmente, il ragazzo le farà la fatidica proposta, Lotte si sentirà al massimo della felicità. Ma, ben presto, tutte le sue certezze crolleranno.

Il film divertente e colorato pone al centro della storia non solo l’amore, ma anche una positiva spinta verso il cambiamento per ricercare l’equilibrio personale. Lotte farà un viaggio dentro e fuori il proprio corpo per imparare ad amarsi prima di amare tutti gli altri. Tra momenti vivaci e riflessivi, spicca la performance della protagonista Yolanthe Cabau e dell’affascinante Jim Bakkum, che con il suo Chris entrerà a capofitto nella vita di Lotte. La pellicola, grazie ad un cast corposo, è una leggera commedia romantica da guardare durante il weekend ma nulla più.

Indice:

Trama – Just Say Yes, la recensione

Se proprio vuoi saperlo, io sono Lotte, un’inguaribile romantica. Spero in una proposta di matrimonio e preferibilmente da lui: Alex, il mio principe sul cavallo bianco.

Lotte è una trentenne romantica e sognatrice. Lavora come producer, proprio accanto al fidanzato Alex, uno dei conduttori dell’emittente televisiva. Per lei, il matrimonio rappresenta una vera fiaba. Mentre, per Alex, è un ‘concetto desolato e borghese’. Quando, finalmente, Alex fa a Lotte la fatidica proposta di matrimonio, la ragazza si sente al settimo cielo e coinvolge le sue amiche nella preparazione del grande evento. Tra tutte spicca Estelle, la sorella di Lotte, una bella influencer che posta tutta la sua vita sui social (persino il funerale della nonna). Accanto ad Estelle, c’è sempre Kim, la sua inseparabile ed irritante migliore amica. 

I preparativi del matrimonio procedono, ma improvvisamente Alex decide di lasciarla. Lo fa in diretta tv ed il video fa il giro del web, in pochissimo tempo. I sogni e le certezze di Lotte crollano. Le amiche le consigliano di  ripartire da zero. Inoltre, Estelle inizia una relazione proprio con il capo della sorella. Tutto sembra andare a rotoli, fino a quando nella vita di Lotte arriva improvvisamente Chris, un collega affascinante che la mette alla prova.

Just Say Yes: recensione della nuova commedia romantica Netflix

Just Say Yes, AM Pictures

La spinta al cambiamento 

A volte, non si deve pensare ma fare. Perché se non fai niente, allora una cosa è sicura: le cose non cambieranno mai. E credetemi, è il momento di cambiare.

Come già anticipato all’inizio della nostra recensione, oltre al tema dell’amore, in Just Say Yes emerge il tema del cambiamento. Sin da subito, infatti, Chris spinge Lotte ad uscire fuori dal bozzolo che lei stessa si è creata. Vuole che la ragazza valorizzi ogni sua capacità per amare la sua persona e poi, tutto il resto. E così, Chris la aiuta a cambiare look e a far emergere tutta la bellezza nascosta di Lotte. La ragazza sorprende tutti, presentandosi a lavoro più sicura che mai. In più, Chris incita Lotte a presentare alcuni servizi televisivi. I video della ragazza, in cui presenta a volte in sella ad una moto, altre vestita da pollo, diventano virali ed evidenziano la sua ironia e la sua dinamicità. Il cambiamento e la sicurezza che Lotte riacquista sorprendono tutti. 

Alex torna ad interessarsi a lei, ma Lotte non si fida più del ragazzo e cerca di tenerlo distante. Intanto, Estella sta per sposare il capo della sorella e chiede a Lotte e Kim di aiutarla nell’organizzazione del matrimonio da favola. Nonostante un leggero dispiacere, Lotte decide di aiutare la sorella. Intanto, il rapporto professionale e amichevole tra Chris e Lotte è sempre più forte e i due passano molto tempo insieme. Lui la sostiene nella realizzazione del suo programma televisivo sulle proposte di matrimonio. Ma Alex sorprende Lotte, facendole una proposta di matrimonio davanti a tutti. La giovane donna decide di accettare, ma in cuor suo qualcosa è finalmente cambiato. 

Just Say Yes: recensione della nuova commedia romantica Netflix

Just Say Yes, AM Pictures

La scoperta dell’amore – Just Say Yes, la recensione

Just Say Yes ci mostra quanto sia importante cambiare, amare sé stessi per riuscire ad amare le persone che abbiamo intorno a noi. Tra rocamboleschi imprevisti e nuove consapevolezze, Lotte capisce di amare Chris che, da sempre, le ha mostrato i suoi sentimenti. Ma, tutto ormai è andato perduto in quanto il ragazzo sta per partire per New York. Dopo un grande litigio con Estella e dopo aver scoperto che Alex non è il principe che pensava, Lotte crea il suo programma dal titolo Just Say Yes e si butta a capofitto nel lavoro, ristabilisce un equilibrio nella sua vita e nei suoi rapporti umani. Al matrimonio della sorella, Chris e Lotte si rincontreranno, in modo inaspettato.

Continuiamo la nostra recensione, sottolineando l’empatica performance di Yolanthe Cabau che dona al personaggio un cambiamento molto evidente nel corso della storia. Non solo ricorda velatamente una moderna Bridget Jones, ma a tratti anche una colorata Maggie di Runaway Bride. Diventa una donna affascinante ma soprattutto determinata nel suo lavoro ed attenta alle relazioni umane che ha intorno. Anche Noortje Herlaar, che interpreta la bella Estelle, è un personaggio energetico e ricco di sfumature. Non mancano, però, personaggi e situazioni ricche di cliché. Alcune delle amiche di Lotte, per esempio, sono eccessivamente stereotipate: c’è la single Pam, la casalinga disperata Guusje e l’irritante Alex. Anche il personaggio di Alex è una figura scontata soprattutto se viene presentato come il principe con il cavallo bianco.

Considerazioni finali

La mia fiaba non è ancora finita, è solo all’inizio. 

Siamo giunti al termine della recensione di Just Say Yes. Da un punto di vista tecnico, possiamo affermare che i due registi sono attenti a consegnare agli spettatori un film colorato. Infatti, la fotografia ha dei toni cromatici accesi e freschi, che rispecchiano la storia giovanile. Anche la soundtrack del film è creata ad hoc per colorare la storia. La narrazione non ha sicuramente dinamiche inedite. La storia ha qualcosa di già visto. Ma, è positiva e tratta temi delicati come il cambiamento e l’amore riuscendo a generare qualche minimo spunto di riflessione. Le situazioni comiche, però, nell’arco dell’intera narrazione risultano banali e, a tratti, forzate. Non sempre, le scene esilaranti riescono a strappare una risata.

Quindi, non rappresentano un punto di forza del film. Inoltre, i personaggi maschili non sono raccontati in modo profondo. Da un lato troviamo il classico bello e superficiale Alex, che a tratti sembra quasi fastidioso. Dall’altro lato c’è Chris, il ragazzo intelligente ed affascinante. Ci sarebbe piaciuto vedere maggiormente Chris e Lotte in più situazioni insieme. Invece, la loro storia d’amore sboccia quasi in sordina, nonostante la chimica tra i due sia evidente. Nonostante il finale prevedibile, Just Say Yes è una commedia romantica piacevole da poter guardare insieme a tutta la famiglia.

Just Say Yes

Voto - 6

6

Lati positivi

  • Lotte, la protagonista, è un personaggio ben costruito
  • La fotografia e la regia sono colorati e giovanili
  • Temi come il cambiamento e l'amore verso sé stessi sono ben argomentati

Lati negativi

  • Le dinamiche narrative non sono inedite
  • Le situazioni comiche non sempre suscitano la risata
  • Alcuni personaggi sono eccessivamente stereotipati

Articoli correlati