Senza rimorso: recensione del film di Stefano Sollima

Michael B. Jordan in Senza rimorso, il nuovo film diretto da Stefano Sollima

La saga di romanzi scritti da Tom Clancy sembra destinata a proseguire quell’avventura cinematografica iniziata ormai tanti anni fa con Caccia a ottobre rosso (1990). Le avventure di spionaggio scritte dal celebre romanziere statunitense hanno da sempre ispirato la creazione di un vero e proprio franchise sia in campo cinematografico che videoludico. Grazie ad Amazon, nonostante la pandemia in corso, è stato aggiunto un ennesimo tassello a questo complesso ed intricato mosaico. Non stiamo parlando della recente serie TV Jack Ryan con John Krasinski (regia per A quiet place) bensì di Senza rimorso di cui vi proponiamo la nostra recensione. Il film, diretto dal nostro Stefano Sollima, era stato inizialmente pensato per il debutto su grande schermo ma per forza di cose la produzione ha dovuto rivederne la distribuzione.

Senza rimorso è infatti disponibile dal 30 aprile in streaming su Prime Video. Si tratta di un thriller action, una storia di spionaggio che si porta dietro i retaggi della guerra fredda con un Michael B. Jordan nei panni del protagonista John Clarke. Sollima rilegge e reinventa a modo suo Tom Clancy, prendendo tutt’altra strada rispetto al filone narrativo dell’omonimo romanzo uscito nel 1993. Inutile dire che la storia apre a ulteriori scenari che fanno da terreno fertile per eventuali sequel. Che sia l’inizio di una nuova saga con protagonista Michael B. Jordan un po’ come è stato per Mission Impossible o il più recente John Wick? Se siete curiosi di sapere la nostra su Senza rimorso di Stefano Sollima proseguite con la lettura della nostra recensione.

Indice:

Senza Rimorso recensione – Trama

Dopo una rischiosa missione ad Aleppo in Siria John Clarke, agente CIA e membro del corpo scelto Navy SEALs, fa finalmente ritorno a casa dove l’aspetta sua moglie incinta. Proprio mentre la sua vita sembra riprendere il normale corso al di fuori delle azioni militari arriva però l’ennesima minaccia. Alcuni dei membri della missione in Siria infatti sono stati rintracciati ed uccisi per strada da un misterioso commando che agisce come un vero e proprio gruppo terroristico. Le esecuzioni hanno avuto luogo sia di notte che alla luce del giorno, in maniera brutale e pubblica. Nel mirino di questo temibile e spietato nemico assetato di vendetta ci sono purtroppo anche John e sua moglie.

A seguito di uno scontro all’ultimo sangue avvenuto nella sua abitazione l’agente speciale dei Navy SEALs riesce a sopravvivere facendo fuori l’intero gruppo che lo ha assalito; tutti eccetto uno, che è riuscito a fuggire. L’unica cosa che gli interessa adesso è la vendetta personale e capire cosa ci sia dietro questa follia. Mentre si muove per rintracciare il fuggitivo John si imbatte in qualcosa più grande di lui: una sorta di complotto internazionale sta ponendo le basi per un nuovo conflitto tra USA e Russia. Ben presto capirà di essere un semplice pedone utilizzato come vittima sacrificale per un gioco spietato e cinico. Spionaggio, azione, politica e tanto altro…

Senza Rimorso recensione

Senza rimorso – Amazon Studios, Paramount Pictures, Skydance Media

Senza Rimorso recensione – Analisi

Senza rimorso è un thriller di azione e spionaggio con uno sfondo politico ereditato da una guerra fredda che non sembra essere mai terminata realmente. La storia si ispira all’omonimo romanzo di Tom Clancy anche se prende poi un’altra direzione. Non serve molta fantasia per capire che il film vada a parare sull’ennesima cospirazione internazionale tra USA e URSS in tempi moderni. Si tratta sicuramente di un capitolo trattato in tutte le salse in campo cinematografico e non solo; motivo per cui la sceneggiatura del nuovo film di Sollima non stupisce ed appassiona mai pienamente lo spettatore.

C’è tutto il cinema del regista romano nei 110 minuti di film: suspence, azione, una storia drammatica e cinica allo stesso tempo. Dalle atmosfere cupe e dall’adrenalinica frenesia dell’azione trasuda tutta l’expertise di Sollima nel girare e dirigere questo genere di pellicole; ma non è abbastanza per salvare del tutto il film che ha anche il compito di creare i presupposti per quella che dovrebbe essere una nuova saga nell’universo filmico dello spionaggio. Senza rimorso ha un buon ritmo, scorre facilmente, l’action è ben congegnata ma fallisce miseramente in tutto il resto tradendo delle aspettative alte almeno in partenza.

Senza Rimorso recensione – Personaggi

Mentre per il comparto tecnico ci ha complessivamente convinto non possiamo dire lo stesso per i protagonisti della vicenda. Quello che abbiamo sempre amato dei film diretti da Stefano Sollima è sicuramente la presenza di personaggi carismatici e ben scritti, principali o secondari che siano. Basti pensare all’importanza dei characters in pellicole come Suburra, A.C.A.B. e Soldado. Senza rimorso si incentra completamente sull’azione di Michael B. Jordan che veste i panni di John Clarke, un protagonista con poche sfaccettature, sfrontato e determinato; tutte cose che abbiamo già visto in altre centinaia di film dello stesso genere.

Gli eventi iniziali scatenano la furia vendicativa di John Clarke che, salvo qualche scena, rimane sempre abbastanza se stesso; un protagonista che in un certo senso non evolve mai definitivamente neanche di fronte alle tragedie. A lasciarci ancora più dubbiosi è l’assenza di personaggi secondari che abbiano un buon impatto scenico

Senza Rimorso recensione – Cosa non funziona

Nonostante il titolo abbia delle potenzialità il film complessivamente non ci ha convinti del tutto. John Clarke viene fiondato direttamente nell’azione senza soffermarsi troppo sul suo background e sul su essere persona in quanto tale. La sua personalità non emerge mai completamente, rimane piatta, schiacciata dalla figura di John in versione agente speciale. Manca inoltre l’identificazione di un vero e proprio antagonista carismatico così come anche di quei co-protagonisti che potrebbero dare una svolta al film. Come dicevamo prima nessun personaggio nello specifico cattura la scena, i dialoghi incappano spesso in frasi di circostanza. Nonostante diversi colpi di scena la storia è abbastanza prevedibile dal momento che il film segue la tradizione del filone narrativo a cui appartiene, e che tutti ormai ci aspettiamo.

Sfruttando infatti una sorta ad “effetto matrioska” Senza rimorso parte da eventi apparentemente meno significativi per passare poi a situazioni più complesse che vedono implicate sempre più persone e figure di spicco. La posta in gioco insomma si alza sempre di più e da una semplice vendetta personale contro un gruppo terroristico si passa al rischio di una guerra tra USA e URSS. Dietro le fila a comandare i giochi i soliti politici, le solite missioni top secret e agenzie governative che non sono così pulite come ci si aspetta. In definitiva Senza rimorso è un thriller action divertente con una narrativa ben bilanciata con l’azione, ma che non aggiunge nulla di nuovo ad un universo cinematografico ormai saturo. Intelligentemente però Stefano Sollima ha cercato di creare le basi per eventuali sequel, sempre sulle tracce dei romanzi di Tom Clancy.

Senza rimorso – Conclusioni

Stefano Sollima si getta sullo spionaggio tecno-politico scegliendo Michael B. Jordan come alfiere di quello che potrebbe avere tutte le carte in regola per essere un nuovo franchise alla stregua dei vari John Wick, Mission Impossible e 007. Rileggendo le avventure romanzate di Tom Clancy il regista romano fa suo un genere che sembra avere già nelle corde dai tempi di Soldado. Sebbene si riconosca il suo stile e la sua presenza dietro la cinepresa Senza rimorso non convince mai del tutto.

Delle buone sequenze action unite ad un ritmo incalzante non salvano un prodotto immaturo complice la scrittura forse troppo semplicistica di trama e personaggi. Insomma l’ennesima cospirazione internazionale tra USA e URSS ha bisogno di molto ma molto di più per stupire un pubblico ormai sazio di certe situazioni. In definitiva siamo contenti che Stefano Sollima si affacci sempre maggiormente ad un cinema che va oltre i confini del nostro stivale ma, come in questo caso, il risultato non è sempre garantito. Se con la nostra recensione vi abbiamo incuriosito potete recuperare Senza rimorso su Prime Video.

Senza rimorso

Voto - 6

6

Lati positivi

  • Azione
  • Regia, scenografia

Lati negativi

  • Sceneggiatura e personaggi

Articoli correlati