The Weekend Away: la recensione del thriller con Leighton Meester su Netflix

Un thriller Netflix assolutamente privo di suspense e di mistero

The Weekend Away, di cui vi presentiamo la recensione in questo articolo, è un film diretto da Kim Farrant disponibile su Netflix dal 3 marzo. La pellicola è tratta dall’omonimo romanzo di Sarah Alderson. Nel cast è presente Leighton Meester, nota per il ruolo di Blair in Gossip girl. La trama racconta di Beth, una donna sposata, non troppo felicemente, che ha anche una figlia. Contattata dall’amica Kate (Christina Wolfe), Beth lascia tutto per andarla a trovare in Croazia. Una notte di bagordi, la scomparsa improvvisa di Kate e l’amnesia di Beth il giorno dopo saranno solo l’inizio di una serie di indagini e avvenimenti che stravolgeranno la vita della donna. L’incipit del film rientra nel tema: stranieri in vacanza che si ritrovano alle prese con reati e delitti e devono rispondere delle loro azioni. The Weekend Away non brilla affatto nel genere, né per tensione né per colpi di scena: né, a dire il vero, per interpretazione.

Prima di addentrarci più dettagliatamente nella recensione e spiegarne il perché, citiamo alcuni film più riusciti su questo tema. Primo tra tutti viene in mente Frantic, scritto e diretto da Roman Polanski. In questo thriller ad alta tensione con Harrison Ford ed Emmanuelle Seigner, Parigi diventa una città da incubo. Un chirurgo di San Francisco ospite nella città per un convegno si ritrova dall’oggi al domani, a dover rintracciare la moglie, misteriosamente scomparsa. Un altro film del genere è L’angolo rosso –  Colpevole fino a prova contraria, in cui l’avvocato protagonista (Richard Gere), in viaggio a Pechino, dopo aver passato una notte assieme ad una donna cinese, la ritrova morta il giorno dopo e viene accusato dell’omicidio. Vittima di un complotto, è lasciato a se stesso e non viene protetto nemmeno dal governo americano, ma solo da un’avvocatessa cinese, nominata d’ufficio. Se siete curiosi di conoscere il nostro parere, proseguite nella lettura della nostra recensione di The Weekend Away.

The Weekend Away recensione

The Weekend Away. 42

Indice:

Un viaggio di piacere andato male in un thriller che non decolla – The Weekend Away recensione

Tornando a The Weekend Away, come si diceva, si tratta di un film che non convince sotto molti aspetti. A mancare è innanzitutto la suspense. La prevedibilità della trama è tale, infatti, da oscurare qualsiasi elemento di sorpresa. Anche i drammi affrontati dalla protagonista vengono rivelati più come gossip svelati, che come dinamiche di un thriller, in grado di innescare la tensione. Nonostante la protagonista si trovi in una città che non conosce, in questo film, paradossalmente la ragazza non appare mai davvero in pericolo. Anche la sua guida improvvisata, un tassista, che potrebbe anche imbrogliarla, si mostra sin da subito come un personaggio privo di mistero. Le indagini di Beth appaiono abbastanza confuse e poco credibili, attraverso alcuni errori logici davvero macroscopici. Un esempio è dato dal cellulare della ragazza scomparsa che, ritrovato insieme alla borsa della donna dalla polizia, non viene minimamente analizzato da quest’ultima.

Insomma, in The Weekend Away vi sono davvero troppi cliché e manca assolutamente il senso di abbandono o di smarrimento della protagonista, che, tutto sommato, si comporta superficialmente come se ancora fosse in un viaggio di vacanza o di svago. Tutto ciò mina irrimediabilmente la narrazione. Sebbene, infine, ogni tassello della storia sarà ricostruito, l’assenza di sorpresa rende la visione del film parecchio noiosa. I drammi correlati al caso principale, che pure potevano essere approfonditi, sono decisamente troppo preparati e presto intuibili. Poco convincente anche la prova dell’attrice protagonista, Leighton Meester in una recitazione più da fiction che da lungometraggio. La mancanza di rischio e di pericolo è palpabile in questo film. In tal senso The Weekend Away è molto lontano da un altro film recente di produzione Netflix, che invece, la evoca con verosimiglianza, con uno stile registico asciutto, ma martellante. Parliamo di Beckett del regista italiano Ferdinando Cito Filomarino.

The Weekend Away recensione

The Weekend Away. 42

Due film Netflix a confronto – The Weekend Away recensione

In Beckett, film riuscito e ben diretto che ha per protagonista John David Washington, una coppia di turisti in vacanza in Grecia, è vittima di un terribile incidente in auto. Sopravvissuto all’incidente, l’uomo, testimone suo malgrado di qualcosa che non doveva vedere, diventa il bersaglio della polizia greca che cerca in tutti i modi di ucciderlo. Anche thriller politico, Beckett è un percorso di accettazione del dolore per il protagonista, che nella fuga per la sopravvivenza trova un motivo per sopravvivere, quando non sembrava esserci più alcuna ragione per vivere. Al contrario di quanto accade in The Weekend Away, il dramma vissuto dal protagonista lo segna nel profondo. Tutto ciò che lo circonda è ostile (la polizia, le campagne, le distanze, i mezzi di trasporto sorvegliati) e lo fa fuggire continuamente, in una contemporanea indagine per scoprire la verità. Il protagonista soffre, viene malmenato e cacciato per i percorsi sconosciuti della città.

Ben troppo comodo è invece il soggiorno di Beth in Croazia, nonostante ci sia il sospetto che anche lei possa aver subito violenze. In The Weekend Away le azioni della protagonista sono davvero poco credibili, condite con il detto “segui il tuo cuore”, che banalizza non poco l’intreccio neutralizzando qualsiasi carica adrenalinica data dai colpi di scena, che sono preparati malissimo. La sensazione complessiva è quella di vedere una puntata di una serie tv (non troppo ispirata) che sia stata tirata per le lunghe. Tutti questi elementi non giovano a favore di The Weekend Away che ha davvero poco da dire. Manca poi l’interazione tra Beth e la Croazia, il che poteva conferire attrattiva, mistero e incuriosire lo spettatore sul luogo in cui si svolge la vicenda. Anche in questo caso l’elemento passa in sordina e sembra più un contorno, poco ispirato, come del resto la parte centrale del film.

The Weekend Away recensione

Beckett. Frenesy Film Company, MeMo Films, Rai Cinema, RT Features

 

The Weekend Away

Voto - 4

4

Lati negativi

  • Un thriller assolutamente privo di tensione e di mistero
  • I drammi vissuti dalla protagonista non sono adeguatamente approfonditi
  • L’interpretazione del cast non convince

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *