News

Batwoman: l’attrice protagonista lascia la serie dopo la prima stagione

Un'inaspettata notizia sconvolge i piani futuri della serie tv su Batwoman

L‘interprete di Batwoman, Ruby Rose, ha deciso inaspettatamente di lasciare la serie dopo appena una stagione. La notizia ha colpito tutti, soprattutto i fan, dato che non c’erano state avvisaglie di un qualcosa del genere. La serie era stata infatti da poco rinnovata per una seconda stagione.

Voci di corridoio hanno suggerito che la decisione dell’attrice sia stata presa a causa di alcuni problemi fisici. Ruby Rose infatti nell’ultimo periodo sarebbe stata sottoposta ad un’operazione per rimuovere ben due ernie del disco. Fonti vicine alla donna hanno però smentito queste dicerie. Qualunque sia il motivo dell’allontanamento volontario dell’interprete della protagonista ora per The Cw c’è una bella gatta da pelare. La produzione sarà infatti costretta a fare un recasting per Batwoman.

Ruby Rose lascia il suo ruolo in Batwoman

Nonostante Ruby Rose non si sia esposta decidendo di non rivelare le cause che l’hanno portata ad una decisione tanto estrema ha rilasciato un comunicato di addio. Variety ha raccolto le sue parole:

Ho preso la difficile decisione di non ritornare come Batwoman la prossima stagione. Non è stata una decisione presa alla leggera in quanto rispetto molto il lavoro di tutto il cast, della crew e di tutti quelli coinvolti nella produzione; sia a Vancouver che a Los Angeles. Ho più che ammirazione per Greg Berlanti, Sarah Schechter e Caroline Dries non solo per avermi dato quest’incredibile opportunità; ma per avermi fatto entrare nell’universo DC che così splendidamente hanno creato. Grazie a Peter Roth e Mark Pedowitz e a tutto il team Warner Bros, e alla The CW che ha puntato tantissimo sullo show e ha sempre creduto in me. Grazie a tutti quelli che hanno reso un successo la prima stagione, sono più che grata a tutti.

batwoman ruby rose
Batwoman, Berlanti Productions, Mad Ghost Productions, DC Entertainment, Warner Bros. Television

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button