Disney: dopo Johansson altri attori stanno considerando azioni legali

Altri attori Disney stanno prendendo in considerazione azioni legali

Diversi attori Disney stanno prendendo in considerazione azioni legali in seguito alla notizia del caso di Scarlett Johansson riguardo a Black Widow. Mentre doveva essere rilasciato a maggio 2020, il film è stato ritardato tre volte a causa della pandemia. Quest’ultimo è stato infine rilasciato contemporaneamente nei cinema e su Disney+ con Premier Access il 9 luglio. Questa scelta ha fatto perdere soldi sul back-end che ha pagato in base alla performance al botteghino teatrale. Variety ha riferito che molti altri attori Disney hanno preso in considerazione azioni legali dopo questa notizia. Con la causa di Johansson aperta, altri attori presumibilmente stanno facendo il tifo per lei e stanno considerando come andare avanti con le proprie situazioni. Un talent agent di Hollywood ha dichiarato:

Buon per lei. Molti altri attori stanno facendo il tifo per Scarlett. Ha molto potere e questo rende questa conversazione visibile. Facendo tutto questo in pubblico, potrebbe essere in grado di cambiare il regolamento.

Disney: dopo Johansson altri attori stanno considerando azioni legali

Non molti lo sanno, ma le star di Hollywood firmano contratti complicatissimi che garantiscono loro una certa cifra, destinata però a salire mostruosamente a seconda dell’incasso del film. Questo sistema collaudatissimo è pressoché finito con l’avvento dello streaming: sia i musicisti (con Spotify) che gli attori, dallo streaming via Internet non riescono a guadagnare come prima. Un altro esempio recente, è stato quando la Warner Bros. ha annunciato che avrebbero rilasciato l’intera lista di film del 2021 su HBO Max nella stessa data della loro uscita nelle sale. Alcuni attori e registi si sono espressi apertamente contro questa decisione e hanno espresso le loro frustrazioni. Tuttavia, la Warner Bros. ha rielaborato i contratti per scendere a compromessi in base al potenziale impatto sul back-end.

Lo studio ha finito per pagare oltre $ 250 milioni in accordi con attori tra cui Will Smith (King Richard), Denzel Washington (The Little Things) e Gal Gadot (Wonder Woman 1984). Nonostante l’esito di questa battaglia legale, Scarlett Johansson ha fatto luce su un problema di cui nessuno voleva parlare pubblicamente e che coinvolge tutto il mondo dello streaming; non solo quello dell’industria cinematografica. 

Articoli correlati