News

Joker: 50 milioni a Joaquin Phoenix per due sequel?

Un contratto da 50 milioni offerto all'attore dalla Warner Bros.

Per il momento si tratta ancora di rumours non confermati, ma stando a quanto riferisce il Mirror la Warner Bros. starebbe corteggiando Joaquin Phoenix per realizzare due sequel di Joker. La fonte principale è un insider che avrebbe riportato al tabloid inglese che l’attore avrebbe cambiato idea sulla possibilità di vestire ancora i panni del Joker sul grande schermo. Per la sua straordinaria interpretazione nel film di Todd Phillips, Phoenix ha vinto il premio come miglior attore protagonista agli Oscar 2020. Presentato in concorso alla 76° Mostra del Cinema di Venezia, Joker conquistò il Leone d’Oro; agli Academy Awards il film ha vinto anche il premio per la miglior colonna sonora. Vediamo qui di seguito le voci riportate dal Mirror.

Joaquin Phoenix protagonista in due sequel di Joker?

Joaquin sentiva Joker come un film standalone, ma adesso avrebbe cambiato idea. Ha detto di voler interpretare ancora il personaggio nonostante le polemiche sollevate dalla pellicola. Al momento l’attore starebbe ancora negoziando gli accordi, ma gli script sarebbero pronti. Il piano è quello di girare due sequel nei prossimi quattro anni; quindi con un impegno a lungo termine nei confronti di Joaquin, del regista Todd Phillips e del produttore Bradley Cooper. Si tratta di vedere se Joaquin accetterà i termini e la paga più ingente mai ottenuta finora in carriera.

La cifra ingente di cui parla la fonte del Mirror ammonterebbe a 50 milioni; questo dunque il valore del contratto che la Warner Bros. avrebbe offerto a Joaquin Phoenix per i due sequel di Joker. In occasione del primo film, l’attore aveva rimandato fino all’ultimo momento la firma del contratto. In questo caso l’impegno sarebbe a lungo termine; abbiamo visto come le voci riferiscano di due film che potrebbero uscire nel 2022 e nel 204. Naturalmente occorre precisare di nuovo che si tratta di una voce non ufficiale e non confermata. Non resta solo che aspettare e vedere se ci saranno aggiornamenti a riguardo.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button