Nightmare Alley: il nuovo film di Guillermo del Toro sarà vietato ai minori

La presenza di violenza estrema e sanguinosa sarebbe la causa del divieto ai minori

Nightmare Alley, nuovo atteso progetto di Guillermo del Toro, ha ricevuto il visto censura R negli USA, sarà quindi vietato ai minori per la “violenza estrema e sanguinosa, contenuti sessuali, nudità e linguaggio volgare” in esso contenuta. Il film è stato co-scritto da del Toro insieme a Kim Morgan, ed è basato sul romanzo omonimo di William Lindsay, già adattato nel 1947 in un noir con protagonista Tyrone Power, in un musical teatrale nel 2010 e una graphic novel nel 2012. La sinossi del film anticipa:

Un ambizioso giovane giostraio (Bradley Cooper) con un talento per manipolare le persone con un paio di parole ben scelte ha una relazione con una psichiatra (Cate Blanchett), ancora più pericolosa rispetto a lui. Nel cast del circo ci sono poi Molly (Rooney Mara), l’imbonitore Clem (Willem Dafoe) e Ron Perlman nella parte dell’uomo forzuto. Richard Jenkins interpreterà un membro dell’alta società, l’industriale Ezra Grindle.

Nightmare Alley: il nuovo film di Guillermo del Toro sarà vietato ai minori

Il film arriverà nelle sale cinematografiche italiane probabilmente dal prossimo mese di gennaio. Guillermo del Toro ha confessato di non aver preso ispirazione dal film con Power ma di voler attenersi molto più fedelmente al libro.

Quel libro mi è stato regalato nel 1992 da Ron Perlman prima di vedere il film con Tyrone Power e ho adorato il libro. Il mio adattamento che ho fatto con Kim Morgan non è necessariamente l’intero libro, è impossibile, è una saga. Ma ci sono elementi che sono più oscuri nel libro, ed è la prima possibilità che ho di fare noir. Nei miei cortometraggi volevo fare noir. Era horror e noir. E ora è la prima possibilità che ho di fare un vero e proprio film con un retroscena di tipo sociale. Non ci sono elementi soprannaturali. Solo una storia lineare e davvero oscura.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *