News

Sean Bean: l’attore è tornato a parlare della scena della morte di Ned Stark

L'attore torna a parlare di uno dei suoi personaggi più iconici

Sean Bean, a dieci anni dalla messa in onda di Game of Thrones, è tornato a parlare della morte di Ned Stark. La serie debuttò nell’aprile del 2011 segnando un punto di svolta per il mondo seriale, rappresentando una vera e propria pietra miliare per il mondo dell’intrattenimento. Il suo impatto è stato tale che un recente studio ha rivelato che il pubblico di HBO, emittente su cui andava in onda la serie, è diminuito di oltre la metà dopo il finale de Il trono di Spade. La serie basata sui romanzi di George R.R. Martin è rimasta così nel cuore delle persone che ancora oggi i protagonisti si trovano a rispondere a molte domande che la riguardano. Lo stesso Sean Bean mentre promuoveva il suo nuovo film di animazione “Wolfwalkers” è tornato a parlare ad Entertainment Weekly del suo personaggio e della sua morte.

Ciò che volevo trasmettere era orrore e incredulità per il fatto che Joffrey avesse cambiato idea (sull’esilio di Ned n.d.r.) e poi rassegnazione per il fatto che stavo vedendo Arya per l’ultima volta. Stavo cercando di pensare a tutte e quattro le cose. Quel mix di sentimenti è ciò che ha reso la scena quello che era. Ci è voluto circa un giorno intero per filmarla e mi sono concentrato sul fatto che stavo per incontrare la morte. Era molto caldo in quel momento e questo probabilmente ha aiutato. E le reazioni di tutti gli altri sono state fantastiche. È stato molto commovente grazie a tutto quel pathos.

Sean Bean torna a parlare della morte di Ned Stark

Durante l’intervista l’attore non ha però menzionato uno dei momenti più misteriosi dell’esecuzione: cosa ha sussurrato poco prima che la sua testa venisse tagliata? A diradare questo mistero ci sono per fortuna le parole del regista Alan Taylor.

Bean ha chiesto a qualcuno quale sarebbe stata una preghiera appropriata per qualcuno del suo credo. Le persone hanno cercato di indovinare cosa avesse detto, ma è qualcosa di unico che Sean ha ideato in quel momento.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button