CuriositàFilmPost consigliaRubriche

Personaggi iconici – Hank Moody, il protagonista di Californication

Analizziamo insieme per questo appuntamento della rubrica "personaggi iconici", uno dei personaggi più cult delle serie tv: Hank Moody!

Per la nostra rubrica Personaggi iconici oggi parliamo del protagonista della serie tv Californication, lo scrittore Hank Moody. Per chi non conoscesse Californication, la serie racconta dello scrittore Hank Moody e del suo trasferimento da New York a Los Angeles. Finito nella Città delle stelle per seguire l’adattamento cinematografico di un suo romanzo, Hank scoprirà presto che la città degli angeli è più simile all’inferno che al paradiso.

Personaggi iconici – Hank Moody, il protagonista di Californication

Il protagonista della serie è l’affascinante Hank Moody, scrittore di romanzi diventati cult in tutto il paese. Questa fama attira l’interesse dell’industria di Hollywood, che vuole trasformare il suo libro più famoso, Dio ci odia tutti, in una banale commedia romantica. Dal titolo: A crazy little thing called love.

Il viaggio di Hank, interpretato da David Duchovny, già celebre per il suo ruolo da protagonista in X-Files, viene affrontato insieme alla propria compagna di vita, Karen. Karen rappresenta per Hank la propria musa, sia per quanto riguarda il proprio talento, sia per quanto riguarda la vita quotidiana.

Hank Moody

Ma, come detto, la Città degli Angeli è infestata da molti diavoli tentatori, fra cui belle donne, alcool e droghe. Ed è così che la storia d’amore fra lo scrittore e Karen, dalla quale il protagonista ha avuto una figlia, Becca, inizia a vacillare fino alla rottura.

Quando facciamo la conoscenza di Hank la storia con Karen è già naufragata. Ed è difficile capire di chi sia la colpa, se mai uno dei due ne abbia. Ma è a questo punto che la vita di Hank inizia a diventare un carnevale di vizi e perdizione. Quello che è interessante notare in Hank è la sua incapacità nel tenersi lontano da situazioni che lo allontanano dal suo obiettivo principale. Riconquistare Karen.

La ricerca della felicità

Durante le sette stagioni di Californication, Hank tenterà in tutti i modi di sistemare la propria vita; e tenterà anche di costruire quella “staccionata bianca con giardino” con la propria baby mama. Nel fare ciò, però, Hank fa puntualmente qualcosa che lo allontana ancora di più da quel sogno.

Il motivo di tale paradosso è da trovare nel mix di narcisismo, autolesionismo e auto compassione che Hank prova verso se stesso. Anche nei momenti più favorevoli ad un ritorno di fiamma con la bellissima Karen, Hank sentirà, spesso egoisticamente, di non meritare tale felicità.

Hank Moody

L’egocentrismo e la megalomania di Hank derivano dalla propria convinzione di essere un novello Bukowski. E ciò lo porta ad accettare più facilmente l’infelicità piuttosto che la felicità. Hank si fida di  più della propria insoddisfazione e del proprio cinismo. E se da un lato ne riconosce il potere distruttivo, dall’altro questi sentimenti sono per lui un grande carburante creativo. È proprio nei momenti bui che Hank tira fuori il proprio talento per scrivere dei capolavori.

Bizzarro is the way

Hank Moody

Non soddisfatto della propria bizzarria, Hank si circonda de personaggi più grotteschi che la città possa offrire. Se è vero che Hank mette del suo nel cacciarsi nei guai, il più delle volte parte della colpa da si deve ai personaggi che lo affiancano nelle stagioni. Rapper violenti, cantanti narcisisti, Marylin Manson, professori alcolizzati che si esibiscono in strane pose nude, ricchi produttori; questi sono solo alcuni dei personaggi con cui Hank fa i conti quotidianamente.

 


Hank Moody

Menzione speciale per due personaggi che, invece, hanno un’influenza fondamentale per il protagonista. Il primo è sicuramente il fidato Charlie, agente di lunga data e migliore amico di Hank. Charlie è un personaggio unico nel suo genere; nonostante il numero sconfinato di situazioni folli in cui si trova durante le stagioni, Charlie è l’unico che si preoccupa davvero del baratro in cui Hank sta finendo.

 


Hank Moody

Il secondo personaggio è Lew Ashby. Nella seconda stagione, probabilmente la migliore, Hank deve scrivere la biografia di un grande produttore discografico di musica rock, Lew Ashby appunto. La profonda amicizia che lega sin da subito i due personaggi è un passaggio fondamentale per la crescita di Hank. Lew, infatti, rappresenta ciò che Hank potrebbe diventare se continua nella direzione presa. Un uomo ricco, pieno di donne, ma profondamente solo e triste. La differenza fra Lew e Hank sta nel fatto che il primo si è rassegnato definitivamente alla propria natura. Il tragico epilogo della seconda stagione rappresenta una lezione importantissima per il protagonista.

Amante e padre

Il rapporto di Hank con le donne è uno dei fulcri principali della narrazione. Hank ama le donne e le donne amano Hank. Il problema è che non importa quanto importante possa essere una storia: il suo amore è solo per Karen.

Ma, aldilà dell’amore verso di lei, ciò che li lega davvero è la figlia, Becca. Becca è un personaggio che spesso potrà risultare fastidioso. Ma come le si potrebbe dare torto? Nel suo tentativo di essere un buon compagno e un buon padre, Hank delude puntualmente la giovane figlia. Che, dal canto suo, crescerà adulta sin da subito, mostrandosi spesso più matura dei genitori.

Hank Moody

Cinquanta sfumature di Hank

Sicuramente la parabola dello scrittore maledette viene ben delineata nelle prime quattro stagioni, dove tale parabola ha un inizio e una fine. L’aver continuato la serie fino alla settima stagione, se da un lato ha soddisfatto la sete di altri episodi, dall’altro ha spesso sminuito il personaggio.

Tuttavia Hank resta uno dei personaggi più emblematici della scena televisiva, nonché modello di bad boy per molti. Il suo fascino con le donne e il suo savoir faire sono stati spesso citati come manuale per conquistare una donna. Comunque la si veda, è indubbio che le avventure di Hank e del fido agente Charlie ci mancano da morire. Quanto vorremmo sentire il simpatico pelatone urlare “Ho un’offerta per te”?

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Rilevato

Per favore supportaci disabilitando il tuo Ad Blocker