Last Night in Soho: le nuove foto del film con Anya Taylor-Joy

Il film si concentrerà sullo sfruttamento delle donne e delle minoranze

Empire ha diffuso due nuove foto esclusive di Last Night in Soho, in attesa della premiere veneziana del thriller psicologico di Edgar Wright, anticipando inoltre i temi del film. La storia ruota attorno a una ragazza, Eloise, fan di Sandy, una cantante degli anni Sessanta. Pur di incontrare il suo idolo, la giovane riesce misteriosamente a rivivere quel decennio musicale. Ma la Londra degli anni ’60 non è un posto tranquillo come Eloise immagina e il suo viaggio nel tempo avrà delle terribili conseguenze. Nelle foto vediamo le protagoniste Thomasin McKenzie, immersa in una Londra cupa e notturna dai colori lividi ed elettrici, e Anya Taylor-Joy sul set a fianco del collega Matt Smith e del regista, anche co-sceneggiatore insieme a Krysty Wilson-Cairns.

Empire Magazine

Last Night in Soho nuove foto

Empire Magazine

 

Last Night in Soho: le nuove foto del film di Edgar Wright

Proprio Wilson-Cairns ha anticipato a Empire le tematiche del film:

Riguarda lo sfruttamento delle donne. E lo sfruttamento di qualsiasi gruppo emarginato. Non credo che la gente ne parli abbastanza. Non penso che lo vediamo abbastanza sullo schermo e non penso che ne comprendiamo tutte le implicazioni. E penso che dobbiamo parlarne nella finzione perché è così che le persone iniziano a confrontarsi con cose che non sono direttamente collegate a loro. Non potevamo non affrontare il tema, perché stiamo parlando degli anni ’60 e allora era dilagante.

Continuando a parlare della collaborazione con Edgar Wright, il cui cinema finora ha visto per lo più protagonisti maschili, Krysty Wilson-Cairns ha aggiunto:

Non è che entri e dici ‘Vogliamo scrivere grandi ruoli femminili per superare il Bechdel Test. Per raccontare questa storia, era importante avere due personaggi femminili forti. Era più importante raccontare la storia correttamente e sviluppare personaggi interessanti piuttosto che scrivere di donne per il gusto di farlo. Non avrei mai accettato in quel caso. Ma ammiro Edgar per aver detto ‘Sai una cosa? Ho intenzione di accettare questa sfida’.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *