News

Mangrove: il film aprirà il BFI London Film Festival 2020

Mangrove, episodio della serie antologica di Steve McQueen Small Axe, inaugurerà il BFI London Film Festival 2020

Mangrove, diretto dal regista premio Oscar Steve McQueen, inaugurerà il il 64° BFI London Film Festival 2020,  festival cinematografico non competitivo nato nel 1956. Scritto da McQueen e Alastair Siddons, Mangrove è uno dei cinque film che compongono la serie antologica BBC Small Axe. Ambientati tra la fine degli anni ’60 e metà degli anni ’80, i cinque film che compongono Small Axe raccontano storie ambientare nella comunità londinese di West Indian sono:

  • Mangrove
  • Lovers Rock
  • Education
  • Alex Wheatle e Red
  • White and Blue

Mangrove racconta la vera storia dei Mangrove 9, gruppo di attivisti neri che si scontrò con la polizia di Londra durante una marcia di protesta nel marzo 1970, e del processo che li vide coinvolti. Nel cast del film ci sono Letitia Wright, Shaun Parkes, Malachi Kirby, Rochenda Sandall, Jack Lowden, Sam Spruell, Gershwyn Eustache Jnr., Nathaniel Martello-White, Richie Campbell, Jumayn Hunter e Gary Beadle.

Mangrove: le parole del regista Steve McQueen

Il regista Steve McQueen ha dichiarato:

Non potrei essere più felice del fatto che Mangrove aprirà questa edizione del BFI London Film Festival. Sebbene i temi siano universali, Mangrove è una storia londinese. Anche se è avvenuta 50 anni fa, è attuale e rilevante oggi come allora.

 La serie britannico-americana debutterà sulla BBC e su Amazon Prime Video. I primi tre episodi della serie antologica di film apriranno la cinquantottesima edizione del New York Film Festival il prossimo 25 settembre 2020. La serie antologica è una produzione di Turbine Studios e Lammas Park per BBC One, che ha sviluppato e commissionato la serie, con Amazon Studios coproduttore per gli Stati Uniti. È prodotta esecutivamente da Tracey Scoffield e David Tanner per Turbine Studios e Steve McQueen per Lammas Park. Mike Elliot sta producendo per EMU Films con Turbine Studios e Anita Overland.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button