The Disciple: Netflix acquista i diritti del film prodotto da Alfonso Cuaron

Il film ha vinto miglior sceneggiatura al Festival del cinema di Venezia

Netflix ha acquisito i diritti mondiali del film The Disciple, prodotto dal premio Oscar Alfonso Cuaron. Scritto, diretto e montato da Chaitanya Tamhane, il ben accolto dramma ambientato a Mumbai traccia la storia di Sharad Nerulkar. Quest’ultimo ha dedicato la sua vita a diventare un cantante di musica classica indiana, seguendo diligentemente le tradizioni e la disciplina degli antichi maestri, il suo guru e suo padre. Ma con il passare degli anni, Sharad inizia a chiedersi se sia davvero possibile raggiungere l’eccellenza che lui cerca. Endeavor Content e New Europe Film Sales hanno raggiunto l’accordo con Netflix. Il film ha ricevuto il premio FIPRESCI a Venezia e il premio alla miglior sceneggiatura prima di andare in scena a Toronto, dove ha vinto un Amplify Voices Award. Alfonso Cuarón ha commentato:Credo che Chaitanya sia una delle nuove voci più importanti del cinema contemporaneo e sono entusiasta che The Disciple possa essere apprezzato dal pubblico di tutto il mondo”.

Netflix acquista i diritti del film The Disciple

Parlando del suo nuovo film e di Netflix, il regista Tamhane ha detto:

La storia di The Disciple è nata dalla mia ricerca dell’eccellenza e della regia. Si tratta di quanti di noi seguono tutte le regole eppure, a volte, scoprono che manca qualcosa. Sono stato onorato di avere l’opportunità di lavorare con un genio creativo come Alfonso Cuarón – che ha diretto Roma e Gravity. E ora, Netflix l’ha acquisito per trasmetterlo in streaming a un pubblico globale esigente. Sono davvero grato e onorato che i sostenitori dell’industria globale abbiano trovato questo film degno. Una grande quantità di ricerca è necessaria per realizzare un film e il mio obiettivo come regista è sempre stato quello di raccontare la mia storia in modo autentico all’interno di una cornice drammatica. Bisogna anche offrire l’intelligenza e l’intuizione del pubblico per poter investire nella propria storia, indipendentemente dal contesto culturale. Sono contento che questo approccio abbia funzionato bene per The Disciple.

Articoli correlati