Fast and Furious 9 – The Fast Saga: recensione del film di Justin Lin

Justin Lin dirige Vin Diesel e John Cena nel nono capitolo di una delle saghe cinematografiche più celebri

Sono passati esattamente 20 anni da quando Vin Diesel e Paul Walker scorrazzavano per le strade nel primo capitolo di una delle saghe più famose di sempre. Da allora di gare clandestine ce ne sono state tante ma la posta in gioco si è alzata sempre di più. Nel corso degli anni Fast and Furious è diventata una serie action abbandonando sempre di più il genere di classiche corse automobilistiche. Insomma nel corso degli anni il marchio FF si è rinnovato più volte perdendo pian piano la sua natura originaria. Il 2021 è l’anno di Fast and Furious 9 – The Fast Saga di cui parleremo più approfonditamente nella nostra recensione. L’ordine mondiale è di nuovo in pericolo. Questa volta abbiamo a che fare con una tecnologia in grado di controllare tutte le intelligenze artificiali nel mondo.

Inutile dire che il cattivo di turno voglia metterci le mani sopra per rivendicare il suo dominio sul nostro bel pianeta; e questa volta l’antagonista della storia ha veramente la faccia di un duro. Stiamo parlando del famoso wrestler John Cena (anche nel cast di The Suicide Squad) che dopo il suo lontano esordio al cinema in Presa mortale nel 2006 torna con un ruolo di spessore, quello appunto del nemico numero uno di Toretto. Nel cast del film anche l’immancabile Vin Diesel (Dom Toretto), Michelle Rodriguez (Letty), Charlize Teron (Cipher) e Kurt Russell (Mr. Nessuno) più un simpatico cameo di Helen Mirren. A dirigere l’intera truppa dietro la cinepresa torna invece Justin Lin che ha già diretto altri episodi della saga. Se volete sapere la nostra opinione su Fast and Furious 9 non vi resta che proseguire a leggere la recensione di seguito.

Indice:

Trama – Fast and Furious 9, la recensione 

Dopo gli accadimenti dell’ultimo capitolo della saga, Dom Toretto (Vin Diesel) è profondamente cambiato ed ha deciso di ritirarsi a vita privata insieme a Letty (Michelle Rodriguez) e suo figlio Brian. Quest’idilliaca cornice familiare viene però turbata dall’ennesima minaccia sull’ordine mondiale. I cattivi di turno vogliono impossessarsi del progetto Aires, sofisticato marchingegno che consentirebbe di controllare tutti i computer del mondo garantendo praticamente un dominio totale. Di fronte a tutto ciò Dom si convince a rientrare nuovamente in scena nonostante si fosse promesso di starne alla larga.

Ma il gioco si fa ancora più interessante quando scopre che a voler mettere le mani sul progetto Aires e niente di meno che suo fratello minore Jakob (John Cena) a cui è legato da un oscuro passato. Jakob oltre ad essere un formidabile pilota è anche un ladro nato; cosa che renderà la partita tra i due fratelli particolarmente complessa. Le sorti dell’intero pianeta sono in mano a Toretto ed alla sua banda. In una corsa contro il tempo senza esclusione di colpi Dom cercherà non solo di recuperare il progetto Aires ma di regolare anche un conto lasciato in sospeso da anni con suo fratello Jakob.

Analisi – Fast and Furious 9, la recensione

Non avevamo dubbi che anche questo ennesimo capitolo della saga avrebbe messo a dura prova i nostri sensi durante la visione al cinema. Così come non avevamo dubbi che gli sceneggiatori sarebbero incappati per l’ennesima volta nel più grande dilemma che affligge ogni serie di lunga durata: “E adesso cosa ci inventiamo?”. Dobbiamo dire che qualcosa di nuovo è stato introdotto; tuttavia il livello di credibilità delle azioni in Fast and Furious 9 sfiora sempre di più il ridicolo. Non che la pellicola abbia pretese di essere verosimile. Ormai è palesemente ricercato un tipo di finzione che sia esclusivamente divertente. Talvolta l’azione è talmente stravagante e bizzarra che fa ridere, cosa che crediamo sempre più fermamente sia addirittura voluta.

fast and furious 9 recensione

Fast and Furious 9. Original Film, Universal Pictures

Fast and Furious 9 è il prototipo del film action che punta al divertimento dello spettatore senza pensarci troppo. Macchine truccate, velocità, adrenalina, spari, pugni violenti e tonanti come esplosioni, muscoli, belle donne, soldi. Insomma la formula è sempre la stessa ma ogni capitolo cerca di alzare la posta in gioco per cambiare le carte in tavola. Come immaginerete Fast and Furious 9 non brilla certo per la sua sceneggiatura. Tuttavia, va detto che, rispetto ad altri capitoli, l’inserimento di un background con continui flashback che ci raccontano del passato dei due Toretto sia da apprezzare. Proprio la storyline di Dom e Jakob, oltre a essere uno dei cardini della struttura dell’intero film, è ricca di rivelazioni e colpi di scena che arricchiscono la trama principale. Il parallelismo tra il passato e il presente è il vero fulcro di Fast and Furious 9 – The Fast Saga.

Panem et circenses – Fast and Furious 9, la recensione

O in altre parole date al “pubblico medio” ciò che vuole. Questo può essere riassunto, come dicevamo sopra, in fiumi di adrenalina, divertimento, effetti speciali, macchine modificate, scene action e belle donne. Una formula che per quanto grezza e ripetitiva sembra funzionare sempre visti anche gli incassi e la fama dei precedenti capitoli. Ma in effetti perché ogni volta che ci sediamo al cinema dobbiamo vederci necessariamente un qualcosa di impegnato? Non sentiamo tutti noi il bisogno di spengere ogni tanto il cervello per un paio di ore concentrandoci sul puro divertimento? Che sia irrealistico, che la trama sia banale non importa se poi alla fine della fiera lo spettacolo intrattiene. E sarebbe anche da ridefinire il concetto di pubblico medio se proprio vogliamo dirla tutta; perché andare al cinema non è una performance intellettuale, è innanzitutto divertimento e sano intrattenimento.

fast and furious 9 recensione

Fast and Furious 9. Original Film, Universal Pictures

Insomma, se si cerca commozione, si potrebbe rivedere I ponti di Madison County; se invece si ricercano stimoli e continue sfide mentali, c’è sempre Inland Empire di Lynch. Di certo è che, nel cinema come nella vita, è importante di tanto in tanto cambiare il menù, non mangiare sempre le stesse cose, non prendersi troppo sul serio. Non si può andare sempre di gourmet e nouvelle cuisine, a volte anche il tanto criticato fast food va bene. Questo di certo non significa che Fast and Furious 9 sia il film dell’anno, assolutamente no. È scontato, banale ed oltre a puntare ad un irrealismo comico talvolta sfiora il ridicolo. Ma, nonostante tutti i suoi difetti, può avere un senso anche la sua visione; in base a quello che si ricerca in un film e tenendo ben presente le varie premesse. Inaspettatamente spezziamo una lancia a favore di FF9.

Conclusioni

Il nono capitolo della saga più veloce della storia del cinema arriva a distanza di ben venti anni dal primo. Da quel lontanissimo 2001 personaggi e situazioni si sono evolute trasformando l’essenza del film. Se Dom Toretto e compagnia avessero i superpoteri, potrebbe tranquillamente essere un film di supereroi; ma considerando l’evoluzione nel tempo mai dire mai. I 145 minuti di girato sono decisamente troppi per un film così rumoroso e carico di sequenze ricche di effetti speciali, soprattutto perché, salvo qualche eccezione, la trama non prende mai evoluzioni brillanti. L’introduzione nel cast del wrestler John Cena ci fa capire quale sia la filosofia di Fast and Furious, il pubblico a cui mira ed il tipo di divertimento ricercato.

Nonostante tutto non ci sentiamo di poter dire di aver buttato due ore e trenta della nostra giornata. Il film alla fine dei conti ci ha divertito, a tratti forse anche sorpreso; di certo non ci siamo mai annoiati tranne un po’ alla fine quando la storia andava ormai per le lunghe. Quindi, come già affermato poco sopra nella nostra recensione, può aver senso anche andare a vedere un film come Fast and Furious 9 anche se non si è assolutamente amanti del genere. Inutile dire che chi ama questo genere di action e ha visto l’intera serie con gli occhi del più accanito dei fans troverà pane per i suoi denti con questo ultimo film. Magari non indimenticabile, non particolarmente interessante e solo a tratti divertente; ma certamente in grado di raggiungere e rispondere adeguatamente alla richiesta di un pubblico vasto.

Fast and Furious 9 -The Fast Saga

Voto - 6

6

Lati positivi

  • Diverte e riesce a intrattenere
  • Le backstory dei personaggi principali arricchiscono la trama

Lati negativi

  • La sceneggiatura
  • A tratti alcune trovate sono semplicemente ridicole
  • 145 minuti di durata sono davvero troppi

Articoli correlati