Il talento di Mr. Crocodile: recensione del musical

Un musical per famiglie diretto da Will Speck e Josh Gordon e con protagonisti Javier Bardem e Constance Wu

Il Talento di Mr. Crocodile (in originale Lyle, Lyle Crocodile), di cui vi proponiamo la nostra recensione, è un musical per famiglie diretto da Will Speck e Josh Gordon, mentre le musiche sono composte da Justin Paul e Benj Pasek, noti soprattutto per aver composto le colonne sonore di La La Land e di The Greatest Showman. I due compositori figurano anche fra i produttori esecutivi di questa pellicola, tratta dall’omonimo romanzo di Bernard Waber. Di Il Talento di Mr. Crocodile (qui il trailer) vi proponiamo ora la recensione, così che possiate valutare se è il film adatto da vedere in un weekend in famiglia.

Indice

Trama – Il talento di Mr. Crocodile recensione

Hector (Javier Bardem), un uomo alla ricerca del successo, pensa di aver trovato la soluzione ai suoi problemi quando si imbatte in Lyle (Shawn Mendes), un coccodrillo che sa cantare. Le cose però non vanno come previsto ed Hector abbandona Lyle nella soffitta della sua casa, andandosene. 18 mesi dopo, in quella casa arrivano il signore (Scoot McNairy) e la signora (Constance Wu) Primm insieme al loro figlio Josh (Winslow Fegley). Josh è un ragazzo timido e pieno di ansie, ma tutto cambierà quando scoprirà di Lyle, ancora nascosto in soffitta.

Analisi tecnica – Il talento di Mr. Crocodile recensione

La regia è molto interessante e dinamica e si fa notare soprattutto quando deve filtrare le percezioni dei personaggi: Josh sente rumori di cui non conosce la provenienza in soffitta e la soffitta viene inquadrata come un luogo inquietante. E ancora quando Josh ha paura di scendere delle scale pericolanti, la macchina da presa le fa sembrare molto più lunghe. Il montaggio non sempre riesce purtroppo ad essere allo stesso livello della regia. Se nell’ultima parte ha anche degli stacchi anche piuttosto divertenti, nella prima parte è poco chiaro, soprattutto nella sequenza dedicata alla crescita di Lyle, che sembra avvenire in un pomeriggio.

Le scenografie, seppur semplici, sono molto curate. Le musiche, seppur curate da due compositori di una certa esperienza e fama, non riescono ad essere d’impatto come vorrebbero. Ma il vero disastro da un punto di vista tecnico riguarda gli effetti visivi. Oltre a Lyle, ci sono vari animali realizzati in CGI e sono sinceramente tutti inguardabili. In particolare, Lyle da cucciolo ha un design terribile e realizzato con degli effetti scadenti.

il talento di mr. crocodile recensione

Il Talento di Mr. Crocodile. Columbia Pictures, Eagle Pictures

Rappresentazioni interessanti – Il talento di Mr. Crocodile recensione

Nella pellicola c’è una rappresentazione piuttosto ampia: la madre di Josh è asiatica e nella scuola vediamo vari studenti e studentesse di varie etnie. Oltre questo, ci sono alcune inversioni di stereotipi molto interessanti: se di solito il padre è il genitore più divertente e la madre quella più rigida, quasi “noiosa”, qui avviene il contrario. Inoltre l’inquilino del piano di sotto, Alistair Grumps (Brett Gelman), è l’inquilino scorbutico, attaccato alle regole e gattaro, tutti stereotipi anche questi associati al genere femminile che qui vediamo invece associati ad un personaggio maschile. La signora Primm non è la madre biologica di Josh, questa è infatti morta quando lui aveva due anni. Questo, al contrario di quanto spesso accade, non è mai un elemento rilevante o motivo di contrasto, non c’è insomma il classico momento da “tu non sei la mia vera madre!”.

Lo stesso Josh è un protagonista abbastanza atipico: è un ragazzino che sembra effettivamente un ragazzino (non è insomma il classico film in cui viene scelto un trentenne per fare un adolescente), ha un aspetto abbastanza comune, soprattutto all’inizio è ansioso e lo vediamo anche avere un attacco di panico. L’ansia non la vediamo praticamente mai rappresentata in un film per famiglie e viene spesso associata all’instabilità, cosa che invece qui non accade. Insomma, a parte per qualche piccola sbavatura, Il Talento di Mr. Crocodile potrebbe essere la scelta giusta per un film da guardare in famiglia, magari nel weekend.

Il Talento di Mr. Crocodile

Voto - 7.5

7.5

Lati positivi

  • La regia è buona e fa capire le percezioni dei personaggi
  • Ci sono delle rappresentazioni molto interessanti

Lati negativi

  • La colonna sonora non è abbastanza d'impatto
  • Gli effetti visivi sono veramente scadenti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *