Changeling: la vera storia dietro il film di Clint Eastwood con Angelina Jolie

Il film di Clint Eastwood con Angelina Jolie in onda oggi in prima serata su Rete 4

Il titolo del film del 2008 per la regia di Clint Eastwood e con protagonista Angelina Jolie, Changeling, si riferisce a una leggenda europea. Questa narra di come a volte le fate, gli elfi o persino il Diavolo in persona sottraggano i neonati dalle culle per sostituirli con un rimpiazzo; un “changeling”, appunto. Se dietro al titolo del film si cela un’antica leggenda, Changeling si ispira invece a una tragica storia vera. Un fatto di cronaca sconvolgente e incredibile, rimasto nascosto per decenni e che, però, ha qualcosa in comune con la leggenda.

La vera storia che ha ispirato Changeling è quella di Walter Collins e di sua madre, Christine, che nel film ha il volto di Angelina Jolie. Walter Collins ha solo nove anni quando, il 10 marzo del 1928 scompare nel nulla. Sua madre Christine gli ha dato i soldi per il cinema e il permesso di uscire, senza immaginare che non lo avrebbe più rivisto. All’inizio la polizia manifesta un certo disinteresse per il caso, mentre la scomparsa suscita una crescente attenzione nella comunità. La scomparsa di Walter diventa rapidamente un caso di interesse nazionale. La polizia di Los Angeles segue una serie di piste inconcludenti e, col passare dei mesi, la pressione dell’opinione pubblica ne mette a dura prova la credibilità.

La scomparsa di Walter Collins: la vera storia dietro Changeling di Clint Eastwood

Cinque mesi dopo la sparizione, nell’Illinois, un ragazzino dichiara di essere il figlio di Christine Collins. Ed è qui che la vera storia dietro Changeling assume un contorno bizzarro e ancor più drammatico. Sotto le pressioni della polizia, Christine accoglie in casa il ragazzo, nonostante fin da subito sia convinta che quello non sia suo figlio. Passano alcune settimane e la donna si presenta alla polizia ribadendo con forza come il ragazzino non sia Walter; a supporto della sua tesi porta con sé le cartelle cliniche del figlio e riporta testimonianze di alcuni amici. Per evitare ulteriore discredito con la stampa e l’opinione pubblica, la polizia fa ricoverare Christine in un ospedale psichiatrico, facendola passare per mentalmente instabile.

Qualche tempo dopo, il ragazzino confessa di chiamarsi Arthur Hutchens e di essere un impostore e Christine può tornare a casa. Walter non fu mai ritrovato e il caso venne dichiarato chiuso l’anno successivo. La morte di Walter Collins rientra nella serie di delitti conosciuta come i Wineville Chicken Murders, i cui colpevoli sono Gordon Stewart Northcott e sua madre Sarah Louise. Il dramma della famiglia Collins si inserisce quindi in questo drammatico contesto. Tra il 1928 e il 1930 Gordon Stewart Northcott rapì, torturò e uccise oltre venti bambini.

Questa la storia vera dietro Changeling di Clint Eastwood, che andrà in onda oggi in prima serata alle 21.20 su Rete 4.

Articoli correlati