Tag: l’incredibile storia vera dietro al film con Jeremy Renner e Jon Hamm

Una partita a "ce l'hai" fra amici che va avanti da trent'anni

È da poco arrivato su Netflix ed è già nella classifica dei più visti Tag (Prendimi!), commedia scritta da Rob McKittrick e Mark Steilen e diretta da Jeff Tomsic. Come recita il sottotitolo, Tag è tratto da una storia vera; più precisamente, “la storia vera più assurda di sempre”. La storia di una partita a “ce l’hai” (o se vogliamo, acchiapparella) che va avanti da oltre trent’anni. Lo spunto ripreso nel film è il racconto fatto da Russell Adams sul The Wall Street Journal in un articolo intitolato It Takes Planning, Caution to Avoid Being It. Nel cast spiccano i nomi di Jon Hamm e Jeremy Renner accanto a Ed Helms, Jake Johnson, Annabelle Wallis, Hannibal Buress, Isla Fisher, Rashida Jones e Leslie Bibb.

Tag, la storia vera della partita a “ce l’hai” che va avanti dal 1990

La storia vera dietro Tag è quella di dieci amici che iniziano a giocare a “ce l’hai” nel 1982 mentre frequentano le superiori in una scuola di Spokane, nello stato di Washington. Un modo come un altro per passare il tempo ed esorcizzare l’esclusione dai gruppi degli studenti più popolari. A fine anno scolastico, archiviata l’esperienza alla high school, l’ultimo ad “avercela” è Joe Tombari. Otto anni dopo gli amici si ritrovano per un week end e Tombari decide che quella è una buona occasione per riprendere il gioco esattamente da dove lo avevano interrotto.

Il gruppo arriva addirittura a stilare e firmare un accordo di partecipazione con tutta una serie di regole da rispettare; fra queste il limite del gioco a un solo mese l’anno, per limitare i danni, dal momento che tutti prendono la faccenda decisamente sul serio. Il gioco si fa duro al punto che alcuni partecipanti hanno parlato di ansia, tensione, “pedinamenti, complotti e paranoie”. Nel corso degli anni, con l’avanzare dell’età del gruppo di amici, le strategie in campo cambiano. Sempre Joe Tombari, in un’intervista al Guardian ha dichiarato che con gli anni le armi principali sono diventate “sotterfugi, combutte con gli altri partecipanti e pianificazione”. Travestimenti, nascondigli improbabili e addirittura lunghi viaggi per tendere agguati sono diventati così parte integrante del gioco.

Se la storia vera di Tag vi ha incuriosito, il consiglio è quello di recuperare il film del 2018 su Netflix; di seguito, il trailer.

 

Articoli correlati