News

Ghost Army: Ben Affleck al suo prossimo film da regista

Ben Affleck dirigerà e reciterà in Ghost Army

Ben Affleck ha finalmente trovato il suo prossimo progetto, Ghost Army infatti sarà il suo prossimo film da regista. Affleck oltre a dirigere sarà anche uno dei protagonisti del film. Ghost Army sarà distribuito dalla Universal Pictures ed è basato su una storia vera, e prenderà spunto dal libro di Rick Beyer ed Elizabeth Sayles dal titolo The Ghost Army of World War II.

A produrre il film sarà lo stesso Affleck con la sua casa di produzione la Pearl Street Films insieme a Andrew Lazar. Il primo film da regista di Ben Affleck risale al 2007, in cui diresse il fratello, Casey, in Gone Baby Gone. Arriveranno poi The Town (2010), Argo (2012), con cui ha vinto l’oscar per il miglior film, e, La legge della notte (2016). Ghost Army sarà quindi il quinto film da regista per Ben Affleck. A scrivere l’ultima stesura della sceneggiatura è Nic Pizzolatto, creatore di True Detective.

Ghost Army: Ben Affleck di nuovo in regia

ghost army ben affleck

Il nuovo film di Ben Affleck, Ghost Army, sarà dunque ambientato nella seconda Guerra Mondiale. Sarà incentrato su quelle squadre fantasma, formate da persone selezionate per la creatività e l’ingegno, che durante la seconda guerra mondiale, depistavano le armate tedesche, attraverso trucchi e trasmissioni radio false, nascondendo quindi le vere posizioni delle truppe americane, e, salvando innumerevoli vite.

Se l’ultimo film da regista risale al 2016, l’ultimo da attore di Ben Affleck è molto più recente. L’attore è infatti è tra i protagonisti di Triple Frontier, uno degli ultimi film di Netflix, disponibile in streaming da qualche settimana. Tra gli ultimi in cui ha recitato ci sono: L’amore bugiardo – Gone Girl (2014), The Accountant (2016). Ben Affleck ha anche vestito i panni di Batman in Batman v Superman: Dawn of Justice (2016) e Justice League (2017).

Con Ghost Army, Ben Affleck potrebbe davvero lasciarsi alle spalle il brutto periodo affrontato, tornando alla ribalta per il suo lavoro e non per i suoi problemi personali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button