Notizie dal mondo: recensione del nuovo film Netflix con Tom Hanks

Un viaggio estenuante in un western diverso dal solito

In passato il Western è stato uno dei generi cinematografici più prolifici, per poi andare via via scomparendo fino ai giorni nostri. Le lande aride ed i pistoleri hanno gradualmente perso attrattiva su un pubblico in cerca di un intrattenimento più spettacolare e nel 2021 il western non è più uno dei generi di punta. Nonostante le premesse, sul catalogo Netflix è stato rilasciato Notizie dal mondo il nuovo film con protagonista Tom Hanks, di cui vi proponiamo la recensione. Diretto da Paul Greengrass, che in passato ha già collaborato con Hanks per Captain Philipps – Attacco in mare aperto, Notizie dal mondo è un “road movie” ambientato nel Texas del 1870.

Tratto dall’omonimo romanzo di Juliette Jiles, la pellicola narra il viaggio di un veterano della guerra civile americana per riportare a casa una bambina orfana interpretata da Helena Zegel. Per questo ruolo la Zegel ha ottenuto una nomination ai prossimi Golden Globe. Notizie dal mondo è una prospettiva diversa su quello che siamo soliti considerare il selvaggio West, riuscendo a rendere interessante una trama ampiamente sdoganata. Il film, uscito a Natale nelle sale statunitensi è stato rilasciato poco dopo on demand per poi essere essere distribuito da Netflix in tutto il mondo.

Indice

Trama: in viaggio verso casa – Notizie dal mondo, la recensione

Il Capitano Jeffrey Kidd è un veterano della Guerra di Secessione americana, che vedeva il Nord contrapporsi al Sud per l’abolizione della schiavitù negli Stati Uniti. Passati ormai 5 anni dal conflitto, Jeff ha abbandonato le armi e vaga di città in città leggendo le notizie per la gente del posto. Di ritorno da Wichita Falls, una piccola cittadina del Texas, l’ex soldato si imbatte in una tenace bambina dai capelli biondi. La ragazzina senza nome è di origini tedesche ed in tenera età fu strappata alle braccia dei genitori dai Kiowa, una popolazione di nativi americani. Gli indiani l’hanno cresciuta come una di loro, insegnandole la lingua, le canzoni e le usanze fin quando la ragazza non è rimasta orfana di nuovo. Gli americani lottano contro i nativi per il possesso delle terre e i nativi lottano per riconquistarle; nel frattempo migliaia di vite vengono rovinate.

Il Capitano Kidd scopre che la piccola si chiama Johanna Leonberger e che a circa 600 miglia dalla loro posizione si trovano i suoi zii. Dopo il rifiuto delle autorità di riportarla a casa, il capitano decide di accompagnarla personalmente. Così un vecchio veterano ed una bambina cresciuta dagli indiani si mettono in viaggio per le aride e desolate lande del Texas. La guerra è terminata da poco e nel remoto sud le conseguenze della sconfitta rendono la vita difficile per tutti; tra pazzi fuorilegge e selvaggi nativi, Jeffrey Kidd e Johanna Leonberger attraverseranno il selvaggio West nella speranza che nessuno interrompa il loro pacifico viaggio.

notizie dal mondo recensione

Notizie dal mondo. Perfect World Pictures. Playtone. Pretty Pictures. Universal Pictures.

Un western atipico – Notizie dal mondo, la recensione

Notizie dal mondo non è il classico western, perciò non aspettatevi sparatorie in stile Ok Corral; Notizie dal mondo è la storia di un viaggio. Jeffrey Kidd è un uomo disilluso e un portatore di speranza, un ex veterano ed una persona pacifica, due lati della stessa medaglia. Viaggiando tra gli estremi del Texas, il West è mostrato sotto una prospettiva diversa; uno sguardo che non fa distinzione tra bene e male, ma che piuttosto evidenzia le sfumature di grigio. La fine della guerra ha segnato l’abolizione della schiavitù, la libertà istituzionale conferita al popolo nero è motivo di festa, ma non tutti la pensano così. Poco prima della guerra gli stati del Sud totalizzavano la più alta percentuale di schiavi, basando l’economia su coltivazioni di cotone e manodopera schiavile. La Guerra Civile ha segnato il crollo della loro economia e un immenso numero di persone ne ha sofferto.

Kidd legge le notizie; che siano positive o negative dà a questa gente motivo di credere che al di là della propria cittadina qualcuno viva una vita migliore e che forse un giorno toccherà anche loro. Nonostante la fine della guerra, le battaglie tra i nativi e gli americani continuano e i più deboli soffrono il pugno di ferro. In contesti come questo anche gli scarti della società approfittano del caos per acquisire potere, in una terra in cui la guerra non è mai finita. È tra questi due poli che si collocano i personaggi del film; persone comuni costrette ad affrontare pericoli di ogni tipo pur di aver salva la vita. Il viaggio dei protagonisti permette di effettuare una panoramica su un mondo allo sbando, in cui distinguere il bene dal male è estremamente difficile.

Girare in tondo per andare avanti – Notizie dal mondo, la recensione

Percorrere 600 miglia con un’irrequieta bambina che non parla la tua lingua non è impresa facile. Il rapporto tra Johanna ed il capitano Kidd non inizia nel migliore dei modi ma si evolve durante il corso del film diventando la caratteristica più apprezzata della pellicola. I due rappresentano visioni opposte del mondo: una bambina ed un vecchio, un’indiana ed un americano, la linea retta contro il cerchio della vita. La ragazzina apre gli occhi al capitano mostrandogli un modo diverso di vedere le cose. La vita non è una linea dritta, ma un cerchio in cui tutto combacia perfettamente. Dopo la guerra Kidd non è mai tornato a casa, continuando a vagare di terra in terra, segnato dalle azioni commesse in passato. In un mondo come questo guardarsi indietro è peccato, si può solo andare avanti e seppellire i ricordi a fianco ai morti.

Così come i sudisti, incapaci di accettare la sconfitta ed il cambiamento, Jeffrey Kidd si rifiuta di accettare ciò che è stato, incapace di comprendere che è necessario affrontare il passato per procedere verso il futuro; ritornare sui propri passi solo per andare avanti. Il bambino che insegna all’anziano è un tema già visto più volte, ciò nonostante il rapporto tra Johanna e Kidd non perde di valore. La graduale evoluzione dei personaggi durante il percorso è il reale motore del film, incentrato totalmente sui suoi protagonisti. Helena Zegel e Tom Hanks hanno fornito delle interpretazioni ottime, con quest’ultimo in forma smagliante. Notizie dal mondo è un film introspettivo che però, oltre ai due protagonisti, non dà spazio all’approfondimento di altri personaggi; fortunatamente gli attori catalizzano l’attenzione su di sé riuscendo a tenere le redini di un carro che procede con estrema lentezza.

notizie dal mondo recensione

Notizie dal mondo. Perfect World Pictures. Playtone. Pretty Pictures. Universal Pictures.

Considerazioni finali

Il lungo viaggio tra le cittadine del Texas è mostrato molto lentamente. La volontà di ridare allo spettatore la difficoltà del percorso è apprezzata, ma finisce per appesantire la visione. Come già detto in questa recensione, Notizie dal mondo presenta poche scene d’azione incredibilmente efficaci; per il resto del film, però, tutto procede troppo lentamente. Il ritmo discontinuo non inficia eccessivamente sulla godibilità del prodotto, ma una narrazione più movimentata avrebbe giovato. Anche se interessante ed avvincente la storia non eccelle per originalità. La messa in scena del racconto rende il tutto più affascinante e le interpretazioni degli attori forniscono una marcia in più; ma per quanto si possa aggiungere la trama resta quella.

Notizie dal mondo è un western atipico che per le caratteristiche sopra citate si fa decisamente apprezzare, al di là di questo c’è però qualcosa che manca. Forse il ritmo troppo lento, forse l’assenza di altri personaggi o forse una trama poco ispirata; quel che è certo è che si sarebbe potuto fare di meglio. In conclusione, Paul Greengrass ha dato alla storia più appeal di quanto ne avesse in partenza e il lavoro svolto per il film è da elogiare; ciò nonostante Notizie dal mondo non riesce a brillare, pur restando un ottimo film.

Notizie dal mondo

Voto - 7.5

7.5

Lati positivi

  • Interpretazioni magistrali da parte di Tom Hanks e Helena Ziegel
  • Prospettiva differente sulle condizioni di vita nel West

Lati negativi

  • La lentezza della narrazione appesantisce la visione

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *