Curiosità

Quando la post-produzione si trasforma in stile: Bleach-bypass

“Seven”

Bleach-Bypass

In Seven l’ idea di Fincher era quella di creare un thriller “noir” ricco di scene in ambienti chiusi dove prevalgono ombre profonde dai toni molto “dark”. Il discorso di Seven è un po’ più complesso in quanto esistono ben 7 versioni che si differenziano per la  post-produzione. A mio giudizio la versione blu ray italiana (2009) è una delle peggiori perché ha dei contrasti meno forti e ombre troppo “aperte”(chiare).

Pertanto ho preso come esempio un fotogramma estratto dal Blu Ray Warner del 2010 (NewLine cinema). Rispetto ad altre versioni ha una colorimetria con un viraggio leggermente tendente al giallo/arancio ma presenta anche un contrasto “robusto” con una buona gradazione di ombre fino ad arrivare a toni molto scuri (anche con totale perdita di dettaglio) proprio come era nelle intenzioni del regista. L’ utilizzo del bleach-bypass comporta un inevitabile aumento della grana che è stata volutamente lasciata nelle varie versioni per rendere meglio l’ idea di un film poliziesco anni ’90 (la versione del 2010 con la sua particolare colorimetria forse lo rende un po’ più moderno). Il fotogramma riportato in questo articolo rende bene per contrasto e profondità delle ombre (mentre si apprezza meno la grana).

Il Bleach-Bypass è pertanto un tipo di post-produzione che ben si adatta a film dai toni drammatici ( e generalmente violenti).

Di seguito un interessantissimo link con elencate altre pellicole in bleach-bypass:

https://forum.fanres.com/printthread.php?tid=1252&page=1 



Pagina precedente 1 2 3

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button