Film da vedereTop

Top: 5 film da vedere per l’interpretazione Robert De Niro

Vi presentiamo una classifica di 5 film da vedere con Robert De Niro, uno dei più grandi attori mai esistiti. In questo articolo parliamo di cinque capolavori che hanno fatto la storia del cinema ma la selezione per la nostra top si basa esclusivamente sulle interpretazioni di Robert De Niro.

Ecco una serie di film da vedere con Robert De Niro con le sue migliori interpretazioni!


5. Casinò (1995)

Le voci narranti di Joe Pesci e Robert de Niro accompagnano lo spettatore in questo particolarissimo mafia-movie diretto da Martin Scorsese. Asso (Robert De Niro) ha sempre avuto il gioco d’azzardo nel sangue, è un grande scommettitore, è astuto, maniacale e calcolatore, non lascia nulla al caso; è la persona perfetta per gestire per conto della mafia italiana il Tangiers, un lussuoso casinò di Las Vegas, e riempire di dollari le borse dei malavitosi. Asso però non ama sporcarsi le mani con traffici illeciti e violenza, lasciati volutamente al suo amico d’infanzia nonché “guardia del corpo” Nicky Santoro (Joe Pesci).

Asso ha un suo stile, dei suoi principi e una sua coerenza, che si rispecchia anche nella oculata scelta degli abbinamenti monocromatici di cravatte e camicie. E’ una persona tutta d’un pezzo con il fiuto per gli affari, la gallina dalle uova d’oro della mafia. Eppure anche lui ha un punto debole: la sua dolce metà (Sharon Stone).

La magistrale interpretazione di Robert De Niro, colonna portante dell’intera pellicola, vale, secondo il nostro giudizio, il quinto posto in questa TOP 5.

“In un casinò la regola fondamentale è di farli continuare a giocare e di farli continuare a tornare. Più giocano e più perdono. Alla fine becchiamo tutto noi.”

TOP 5 Robert De Niro


4. Il cacciatore (1978)

Pennsylvania, sei amici trascorrono le loro giornate tra caccia al cervo, lavoro in acciaieria e colpi di stecca al biliardo. Un’ esistenza spensierata e comune, fatta di amicizia, sogni e aspirazioni. La vita di tre di loro subisce però un brusco e drastico cambiamento nel momento in cui sono spediti in Vietnam, a combattere. La situazione precipita vertiginosamente quando Mike (Robert De Niro), Nick (Christopher Walken) e Steven (John Savage) finiscono prigionieri dei vietcong. Da cacciatori e giocatori di biliardo a prede e giocatori di una roulette russa spietata e mortale.

Mike, interpretato da Robert De Niro, è il protagonista del film. E’ un ragazzo come tanti ma si dimostra coraggioso, astuto e determinato nei momenti difficili. E’ un personaggio generoso e lo dimostra sia in guerra sia nel momento in cui torna per tentare di riportare a casa il suo amico Nick, completamente sconvolto e cambiato dagli orrori della guerra.

Robert De Niro recitò diverse scene di azione senza essere sostituito da controfigure, ad esempio la caduta nel fiume e i colpi ricevuti in faccia dai Vietcong. Le urla che si sentono nella scena in cui Mike e Steven salgono in elicottero sono reali e dovute alle ferite riportate dai due attori. Lo sputo di Nick a Mike durante la roulette russa fu una geniale improvvisazione di Walken; De Niro andò su tutte le furie dopo aver girato la scena.

Il film è una pellicola storica, candidato a 9 premi Oscar e vincitore di ben 5 statuette tra cui miglior film. De Niro fu candidato all’Oscar come miglior protagonista mentre Cristopher Walken vinse il miglior non protagonista. Tra gli altri grandi del cast doveroso citare il mitico Cazale. L’ interpretazione di Robert De Niro ne Il cacciatore vale il quarto posto della nostra classifica.

“Ricordi gli alberi? Ti ricordi come sono diversi gli alberi? Te lo ricordi? Te lo ricordi, eh? Le montagne…Ti ricordi le montagne?”

TOP 5 Robert De Niro


3. Il Padrino parte II (1974)

Secondo capitolo della leggendaria saga de Il Padrino. Robert De Niro interpreta un Vito Andolini ancora giovane. Le scene sono dei bei flashback che ci mostrano la New York dei primi del novecento. Il piccolo Vito assiste al massacro della sua famiglia dietro ordine del boss mafioso Don Ciccio in Sicilia. Per proteggerlo dalle minacce della malavita Vito viene fatto emigrare a New York dove cresce una famiglia e conosce un boss di quartiere, Don Fanucci. I flashback mostrano le origini dell’ impero criminale di Vito, futuro Don Corleone.

Il film ebbe 11 candidature con 6 premi oscar vinti tra cui Robert De Niro come miglior non protagonista e miglior film (il primo sequel nella storia del cinema a vincerne uno). Don Vito è stato l’ unico personaggio interpretato da due attori diversi entrambi premiati con l’oscar.

“-Baciamo le mani Don Ciccio. Si benedica.
-Benerittu. Come ti chiami?
-Mi chiamo Vito Corleone.
-Vito Corleone? Ahahah, ti pigghiasti ‘u nome ri stu paisi. Tuo padre come si chiama?
-Iddu si chiamava Antonio Andolini.
-Più forte, non ci sento bbonu. Avvicinati.
-Mio padre si chiamava Antonio Andolini… E chistu è pi tia!.
-Arrgh! Figghiu ‘i bottana!”

TOP 5 Robert De Niro


2. Taxi Driver (1976)

Taxi Driver è la storia di Travis Bickle (Robert De Niro), un tassista ventisettenne reduce dagli orrori del Vietnam. Travis soffre di insonnia e colma il vuoto delle sue notti guidando il suo Taxi giallo per le strade di una buia e fumosa NYC degli anni ’70; di giorno passa gran parte del tempo da solo affogando la sua solitudine in squallidi cinema a luci rosse.

Travis è un disadattato, una persona estremamente sola che cammina sull’orlo della depressione. La sua inadeguatezza sociale lo costringe a condurre una vita vuota  e ad avere solo qualche amico sul lavoro. L’amaro fallimento del tentativo di stringere una relazione amorosa con una donna di cui si è invaghito innesca pensieri morbosi in una mente sofferente e repressa. La delusione amorosa trasforma Travis che sente il bisogno di riscattare se stesso. Da timido e invisibile si eleva a improvvisato “giustiziere“ e “paladino” di una giustizia sociale che esiste solo nella sua testa. Trasformato nel fisico e nelle idee la sua malattia mentale latente esplode in un pericoloso delirio di violenza.

Tra riflessi di luci notturne sui vetri bagnati del taxi e malinconiche note di sax, Scorsese dirige elegantemente il claustrofobico psicodramma del giovane Travis, avvolto dalla solitudine e dal vuoto dopo il ritorno dalla guerra del Vietnam. Il film poggia interamente su Travis Bickle, interpretato da un giovanissimo ma già affermato De Niro. Un film che spesso divide il pubblico e che presenta diverse chiavi interpretative.

Per entrare nel suo personaggio De Niro lavorò come tassista per circa 6 mesi e studiò diverse malattie mentali. Improvvisò parte del famosissimo monologo allo specchio, una delle scene più iconiche nella storia del cinema. E’ sicuramente una delle sue recitazioni più memorabili meritando, a nostro giudizio, la “medaglia d’argento” di questa classifica.

“Ah sì certo, ah ah… Vaff****lo figlio di pu***na, ti ho visto arrivare sai, pezzo di me**a, avanti, avanti su, io non mi muovo, non mi muovo dai, prova a muoverti tu, e muoviti… Non ci provare str***o. Ma dici a me? Ma dici a me? … Ehi ma dici a me? Ehi con chi stai parlando? Dici a me? Eh, Non ci sono che io qui. Di’, ma con chi credi di parlare tu? Ah sì è e, va bene… “

TOP 5 Robert De Niro


1. Toro scatenato (1980)

Jake LaMotta (Robert De Niro) è uno scatenato pugile del Bronx che combatte sul ring con una ferocia tale che gli consente di mettere KO avversarsi su avversari fino a detenere il titolo di campione mondiale dei pesi medi. Sfrontato, strafottente, incosciente e scorbutico, il toro del bronx detta la sua dura legge sul ring. Come nella boxe, anche nella vita reale Jake è una miscela esplosiva di determinazione e rabbia, torturato da ossessioni mentali, come la paura del tradimento della moglie, che scatenano un’irrazionale violenza anche sulle persone a lui care.

La pellicola in bianco e nero si ispira a una storia vera e narra la parabola di ascesa, trionfo, declino e miseria del famoso pugile Jake LaMotta. La storia non si concentra eccessivamente sulla boxe come molti film di genere, ma è focalizzata nel raccontare la complessa figura umana del boxeur magistralmente interpretato da Robert De Niro, premiato con la statuetta per il miglior protagonista. Per la parte del pugile in declino la star hollywoodiana ingrassò circa 27,5 Kg in poco tempo compiendo una delle trasformazioni più memorabili e ben riuscite della storia del cinema. Firma la regia il solito geniale Martin Scorsese.

“Me li ricordo ancora gli applausi, me li sento ancora nelle orecchie, e me li porterò dietro per tutta la vita. Mi ricordo una sera… levai l’accappatoio e cascò il mondo: m’ero scordato i calzoncini. Ricordo tutti i K.O. e tutti i ganci, tutti i jab: è il sistema peggiore per fare una bella cura dimagrante. La mia non è stata una vita squallida: anch’io ho avuto… Ma mi farebbe piacere sentirmi applaudire quando recito, come fate con Laurence Olivier quando recita Shakespeare: “un cavallo, un cavallo”. “Il mio regno per un cavallo”… Sono sei mesi che non ne becco uno! Ma io non sono Olivier, anche se mi farebbe piacere. E poi lo vorrei vedere sul quadrato a recitare: se con Sugar si misurasse, chi sa quante ne pigliasse! Per cui datemi un’arena giacché il Toro si scatena, perché oltre al pugilato sono attore raffinato! Questo è spettacolo!

TOP 5 Robert De NiroTOP 5 Robert De Niro

 

 

Infine tra le altre storiche interpretazioni di De Niro, escluse da questa TOP 5, vogliamo menzionare i suoi ruoli in C’era una volta in America, Quei bravi ragazzi e Gli Intoccabili.

 

Leggi anche:

Robert De Niro: curiosità sull’attore Italo-Americano

TOP: 15 killer nel cinema


Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Rilevato

Per favore supportaci disabilitando il tuo Ad Blocker