Recensioni

Revolutionary Road: recensione del film con Leonardo DiCaprio e Kate Winslet

Sam Mendes dirige la coppia DiCaprio-Winslet in un dramma familiare ambientato negli anni '50

Revolutionary Road recensioneSam Mendes dirige nel 2008 una delle coppie più amate del cinema contemporaneo, Leonardo DiCaprio e Kate Winslet. I due, dopo aver interpretato i mitici Jack e Rose di Titanic, ritornano insieme sullo schermo per un elegante e crudo dramma su un infelice matrimonio. Revolutionary Road è un ritratto spietato e senza abbellimenti sulle disillusioni del matrimonio, immerse nella perfetta ma vuota provincia americana degli anni Cinquanta.

Per Sam Mendes è un ritorno ai temi più confacenti al suo estro, dopo le parentesi di Era mio padre e Jarhead. In American Beauty, suo esordio folgorante del 1999, il regista aveva dimostrato di saper creare e maneggiare grandi ritratti familiari, analizzati con grandi capacità. Per Kate Winslet e Leonardo DiCaprio Revolutionary Road rappresenta un altro grande passo nella loro filmografia. Nell’interpretare i due protagonisti, Frank e April Wheeler, i due attori danno vita a delle prove magistrali e indimenticabili, purtroppo ignorate dall’Academy. Scoprite qui di seguito la nostra recensione di Revolutionary Road, sulla piattaforma Netflix dall’inizio di aprile 2019.

Revolutionary Road: recensione

revolutionary road recensione

Nel 1955 Frank (Leonardo DiCaprio) e April Wheeler (Kate Winslet) abitano in una bellissima casa dei sobborghi di New York. Sono apparentemente una coppia perfetta della middle class: belli, intelligenti e con degli splendidi figli. Sono ammirati dai loro vicini e dall’invadente agente immobiliare che li ha sistemati (Kathy Bates). In realtà Frank e April non sono felici e cercano di andare avanti in un matrimonio privato dell’amore e distruttore di tutti i loro sogni.

Frank svolge un lavoro ordinario e monotono, che non soddisfa le sue aspirazioni, e cerca rifugio dalle sue frustrazioni in una relazione con una segretaria del suo ufficio. Anche April non è felice, pressata da conformismi che non le permettono di esaudire i suoi desideri. Proprio per questi motivi la donna pensa a una soluzione: fuggire dai conservatorismi e conformismi americani e trasferirsi a Parigi. Un’idea che riaccende le speranze e la passione della coppia, fino a quando tutto non arriva a naufragare nuovamente.

Revolutionary Road: un film al limite della realtà

Revolutionary Road è un’opera che sorprende per tanti motivi: si muove fra schermaglie al limite del plateale e situazioni quasi realistiche e non risparmia nulla all’occhio dello spettatore. Nessun dolore, nessuna crudeltà: tutto è sbattuto in faccia a chi guarda. Il progressivo distruggersi del matrimonio di Frank e April è immerso in un’ambientazione totalmente opposta: un sobborgo americano degli anni ’50. La compostezza di quei luoghi si scontra così con l”esplosione’ dei due protagonisti, le cui litigate e urla arrivano a sfiorare la realtà di momenti simili.

Sam Mendes e lo sceneggiatore Justin Hayte (che ha adattato l’omonimo romanzo di Richard Yates) restituiscono così un chiaro esempio della provincia e dei sobborghi americani, dove all’esterno tutto deve apparire perfetto. La noia e la normalità di quei luoghi distruggono chi vive di sogni e passioni mai realizzate. Il sogno della perfetta vita americana che si scontra con il fallimento di una vita familiare e di un amore in una società, che, per diversi aspetti, non sembra così lontana da quella di oggi.

revolutionary road recensione

Per restituire un simile affresco, Sam Mendes lavora su una regia elegante, composta e sobria, che segue forti e conflittuali dinamiche familiari. Hayte invece crea un meccanismo drammaturgico impressionante, dove a colpire sono numerosi dialoghi tra l’estrema teatralità e l’estremo realismo. Inoltre la costruzione dei personaggi è minuziosa e perfettamente distribuita fra protagonisti e comprimari.

Revolutionary Road: attori e aspetti tecnici

Kate Winslet e Leonardo DiCaprio nel film interpretano probabilmente alcuni dei ruoli più importanti della loro carriera. La capacità della Winslet di far trasparire il dolore di un personaggio, che si presenta sobrio e composto, è stata giustamente premiata ai Golden Globes. DiCaprio, dal canto suo, è perfetto per il ruolo di Frank: un uomo con tante aspirazioni naufragate, non in grado di mantenere un ruolo primario nella sua famiglia. Questo aspetto lo logora perché è totalmente immaturo e forse ancora troppo giovane: il volto dell’attore che sembra sempre giovane si sposa perfettamente con tutto questo.

Bravissimi anche Kathy Bates (Misery non deve morire) e Michael Shannon (La forma dell’acqua), candidato agli Oscar. Il personaggio di quest’ultimo è decisamente il più interessante ma anche il più irritante, perché privo di peli sulla lingua e in grado di mettere totalmente a nudo le debolezze dei due protagonisti. Sul fronte tecnico non sono da dimenticare gli importanti apporti di Roger Deakins nella fotografia e di Kristi Zea nella scenografia. Entrambi lavorano sul rendere le scene e i luoghi sempre luminosi, composti, caldi, in modo da rendere al meglio il contrasto con la tristezza e il dolore del matrimonio distrutto di Frank e April.

Revolutionary Road recensione: conclusioni

Con Revolutionary Road Sam Mendes ci restituisce, dopo American Beauty, un altro potente ritratto della vita dei sobborghi americani e delle famiglie che vi abitano. L’estremo realismo delle situazioni e una cura dei dialoghi che non risparmia nulla allo spettatore non è di facile digestione. Il tutto può risultare infatti piuttosto pesante da elaborare, soprattutto a causa dello sconvolgente finale. Lo spettatore viene lasciato nel vuoto e nel silenzio, i veri protagonisti delle ultime scene.

revolutionary road recensione

L’ottimo lavoro di regia, sceneggiatura e del cast attoriale e tecnico rende il film un buon prodotto drammatico difficile da scordare, sicuramente da includere fra le migliori opere di Sam Mendes. Se non l’avete visto, recuperatelo su Netflix, dove è tornato a inizio aprile 2019. Lo spettatore è però avvertito: un film drammatico così intenso e forte non è adatto a tutti: può risultare difficile da elaborare, a causa dell’eccessivo carico emozionale.

Revolutionary Road

Regia - 7.5
Recitazione - 8
Sceneggiatura - 7.5
Fotografia - 7.5
Emozione - 8

7.7

Lati positivi

  • Un grande lavoro di regia, sceneggiatura e recitazione
  • Ottima costruzione di situazioni fra l'estrema teatralità e l'estremo realismo

Lati negativi

  • L'eccessivo carico emozionale non è adatto a tutti

Tags

Seguici sui nostri canali social:

Facebook  Instagram

Back to top button
Close