Top

Le 10 migliori serie TV Marvel e DC secondo FilmPost.it

Tentiamo un Excursus tra le serie Tv Marvel e DC Comics per individuare le 10 migliori e/o più rappresentative del genere

Le 10 Migliori Serie Tv Marvel & DC. Abbiamo la percezione errata che il mondo della televisione abbia scoperto le potenzialità dei fumetti solo grazie ai film. Niente di più sbagliato! A onor del vero, molto prima dei trionfi del cinecomics, il piccolo schermo aveva capito tutto. Il mezzo televisivo, fin dai suoi primi anni di vita, aveva saccheggiato le storie a fumetti che intrattenevano, a fasi alterne, il pubblico più giovane. Considerato che alcuni eroi quali Superman e Batman erano in circolazione dagli anni ’30, avevano già un seguito di culto quando approdarono in TV.

Certo, con i recenti, enormi, successi non c’è studio televisivo che non abbia messo in cantiere un adattamento di serie a fumetti o preveda di farlo. Noi di FilmPost.it, però, vorremmo tentare un excursus fra le serie TV che, nel corso dei decenni, hanno cavalcato l’onda fumettistica. Ovviamente abbiamo dovuto fare una scelta; alcune sono state inserite per la loro qualità, altre per la rilevanza che hanno avuto nel loro campo e non solo. Ci siamo limitati a parlare di Marvel e DC senza entrare nel merito di altre case editrici o divisioni delle suddette (come la Vertigo). Come sempre, nel caso delle Top, attendiamo i vostri suggerimenti e i vostri consigli!

Indice:

Batman (1966-1968) – Migliori Serie TV Marvel e DC

Top Migliori Serie TV Marvel DC

Forse non stiamo parlando del non plus ultra dal punto di vista artistico, ma la serie TV anni ’60 di Batman non poteva mancare in questa Top. Ideata da William Dozier, partendo dai leggendari personaggi di Bob Kane e Bill Finger, questa serie fu un successo immane. Adam West nei panni dell’uomo pipistrello e Burt Ward in quelli del fedele Robin divennero iconici in brevissimo tempo. Nell’arco di 120 episodi suddivisi in tre stagioni e un film per il cinema uscito nel 1966 contribuirono a rendere celebre il personaggio anche ai non lettori.

Certo, potremmo obiettare che mai si era immaginato un Batman con la pancetta sotto una calzamaglia decisamente poco idonea agli scontri fisici. Certo, le esclamazioni ridicole di Robin, i marchingegni surreali (quasi come la Bat-Carta di Credito usata poi da George Clooney in Batman & Robin) e gli scontri con le onomatopee a vista rendevano il tutto molto camp. Eppure, proprio nell’epoca in cui la DC perdeva terreno a favore della rivale Marvel, questo prodotto riuscì a risollevare umore e introiti della casa editrice. A distanza di molti anni risulta difficile considerarla una serie irrinunciabile, ma è altrettanto impossibile non ritenerla, insieme al Superman di George Reeves di un decennio prima, una pietra miliare del genere.

L’Incredibile Hulk (1977-1982)

Top Migliori Serie TV Marvel DC

Anche in questo caso siamo di fronte a un prodotto televisivamente modesto ma di grande impatto mediatico. Le avventure del dottor David Banner (chiamato così e non Bruce come nei fumetti per evitare la classica allitterazione) divennero un successo inaspettato. All’epoca, Stan Lee stava cercando di creare prodotti televisivi dedicati ai suoi personaggi, ma fu ironico che proprio il colosso verde e non, ad esempio, l’amatissimo Spider-Man ce l’abbia fatta per primo. A interpretare il mostro fu chiamato il culturista Lou Ferrigno, con parruccona e pelle verde dipinta ad hoc. Si scelse di renderlo completamente muto, evitando le frasi come “Hulk Spacca!” perché i produttori sapevano che non tutto ciò che funziona su carta è valido anche su schermo, e avevano ragione.

La serie seguiva un canovaccio ben preciso: Banner era in costante fuga negli USA, si fermava in un luogo nel quale viveva un’avventura nei panni di Hulk e poi ripartiva. L’attore Bill Bixby, già celebre per la serie TV Il Mio Amico Marziano, ottenne una seconda giovinezza. L’Incredibile Hulk durò cinque stagioni ma generò anche alcuni film televisivi nei quali apparvero altri personaggi Marvel, da Kingpin a Thor. Lou Ferrigno, da allora destinato alla memoria collettiva, ha fatto un’amichevole comparsata nel film Hulk (2003) di Ang Lee, mentre chiacchierava proprio con Stan Lee!

Batman La Serie Animata (1992-1995)

Top Migliori Serie TV Marvel DC

Se doveste rivolgervi a un fan di Batman per chiedergli quale sia il suo adattamento preferito del personaggio ci sono fondate possibilità che vi risponda “la serie animata anni 90!” Perché, in effetti, questa versione creata da Bruce Timm e Paul Dini è riuscita laddove molte altre hanno fallito: accontentare i fan e i neofiti. Quel Batman che non rinunciava alla componente dark, in una Gotham City meravigliosamente caratterizzata, rappresenta ancora oggi un modello. L’uomo pipistrello si mostrava nel suo lato da “detective”, caratteristica spesso trascurata (la rivedremo nella versione con Robert Pattinson? Speriamo) e anche la caratterizzazione di Bruce Wayne era più curata: meno playboy gigione, più abile uomo d’affari.

Molto del successo si deve anche alla cura per i cattivi. Villain iconici come il Joker, Due Facce, l’Enigmista venivano doppiati da attori celebri come Mark Hamill e resi con estrema cura stilistico-narrativa. L’esempio più clamoroso di questo ottimo lavoro è il personaggio di Harley Quinn! Divenuta famosissima grazie alla performance di Margot Robbie in Suicide Squad, l’ex-psichiatra divenuta criminale fu creata proprio in questa serie TV e solo in seguito entrò a fare parte anche dell’universo fumettistico. Grazie al successo di Batman la Serie Animata, negli anni successivi la Warner mise in cantiere altre versioni dei personaggi DC, rivitalizzandoli per un pubblico nuovo.

Insuperabili X-Men (1992-1997) – Migliori Serie TV Marvel e DC

Top Migliori Serie TV Marvel DC

Anche la Marvel ebbe la sua serie di successo anni ’90, e riguardava la famiglia mutante. Insuperabili X-Men partì sotto i peggiori auspici, fra problemi di budget e artistici, per poi rivelarsi un trionfo soprattutto dal punto di vista degli ascolti. I 65 episodi previsti divennero 76 e la serie fece fare il salto di qualità ad Avi Arad, all’epoca responsabile del versante commerciale della Marvel e, in seguito, produttore della prima ondata di cinecomics. Fino all’arrivo in sala dei mutanti cinematografici questa serie, dal punto di vista narrativo e di fedeltà alla fonte, rappresentò il primo adattamento di qualità dei personaggi creati da Stan Lee e Steve Ditko. Ironico che questa produzione mietesse successi proprio in contemporanea con la bancarotta della Marvel Comics e con il momento più buio della sua storia editoriale.

Fun Fact: il regista Bryan Singer conosceva gli X-Men proprio per via di questo cartoon ma, non avendolo mai seguito, lo riteneva “roba per bambini” e per questo aveva rifiutato la regia del primo film sui mutanti. Solo dopo una discussione con il produttore Tom De Santo e, soprattutto, con Stan Lee, il cineasta capì l’errore che stava per commettere. Tornò a rivedere l’intera serie e si immerse nei fumetti, comprendendo le potenzialità di una gestione “matura” dei personaggi. Giusto per rimarcare il suo debito verso Insuperabili X-Men, Singer fece fare una comparsata a George Buza (il doppiatore di Bestia) nei panni di un camionista!

Smallville (2001-2011) – Migliori Serie TV Marvel e DC

Top Migliori Serie TV Marvel DC

Molto prima che nascesse la CW (la rete che oggi trasmette tutte le serie TV della DC Comics) c’era la Warner Bros Television Network. Proprio su questo canale debuttò nel 2001 Smallville, il primo timido tentativo di mescolare teen drama e supereroi. L’idea era forte e potenzialmente interessante: non raccontare l’ennesimo adattamento di Superman ma focalizzarsi sugli anni giovanili dell’alter-ego Clark Kent. L’adolescenza nella cittadina di Smallville, la consapevolezza della propria diversità, le prime battaglie con il futuro nemico Lex Luthor; il tutto condito con dosi massicce di amori e gelosie. Un mix visto con scetticismo dai lettori dei fumetti ma che si è rivelato vincente.

Smallville fu creato dalla coppia di sceneggiatori Alfred Gough & Miles Millar, molto attivi all’epoca, e riuscì con il tempo a costruirsi un buon fandom. Molte le strizzate d’occhio alla cultura nerd: Jonathan Kent era interpretato dal John Schneider di Hazzard, mentre Martha era Annette O’Toole, già Lana Lang in Superman III (1983). L’apparizione che fece maggiormente scalpore, però, fu quella dell’Uomo d’Acciaio cinematografico più amato di sempre, Christopher Reeve, nei panni dello scienziato Virgil Swann, colui che innesca la genesi degli elementi supereroistici della serie. Il successo di Smallville non si fermò con la chiusura della serie: una ulteriore stagione ma in formato di fumetto digitale fu pubblicata dalla DC Comics a partire dal 2012.

Daredevil (2015-2018)

Top Migliori Serie TV Marvel DC

Ci avevano provato nel 2003 con Ben Affleck nei panni di Matt Murdock e il risultato fu una somma delusione. Il personaggio di Daredevil è troppo sfaccettato, troppo avvolto da contraddizioni e asperità per manifestarsi in tutta la sua complessità nell’arco di 120 minuti. Quando Netflix strinse un accordo con i Marvel Studios per la realizzazione di serial basati sugli eroi “metropolitani” della Casa delle Idee, decise di partire proprio con l’eroe cieco di Hell’s Kitchen. La prima stagione di Daredevil, sviluppata dal Drew Goddard di 7 Sconosciuti a El Royale, approdò in streaming nel 2015 e fece saltare di gioia i fan del personaggio. Interpretato dal bravo Charlie Cox, finalmente l’avvocato non vedente dagli iper sensi sviluppati, sembrava riadattato con la giusta fedeltà al tono e alla complessità del personaggio. Brilla la presenza del tocco di Frank Miller, fumettista che contribuì con il suo lavoro alla definizione del personaggio ma che, spiace dirlo, non viene mai citato nemmeno nei credits.

Il successo di Daredevil ha lanciato l’intera line degli Eroi Netflix con Jessica Jones, Luke Cage, Iron Fist, il Punitore e i Difensori. Peccato che, salvo rare eccezioni, tutte queste produzioni non abbiano brillato per qualità e ora abbiano chiuso. Tra tutte, crediamo valga la pena ricordare soprattutto la prima stagione di questa serie, ben gestita nonostante la lunghezza eccessiva (grande difetto collettivo di questi prodotti). Menzione d’onore a un Vincent D’Onofrio semplicemente magistrale nei panni di Wilson Fisk, il Kingpin criminale di New York. Nonostante il budget spesso risicato che generava ironia negli spettatori più smaliziati (la battuta sul fatto che sembrasse tutto girato nello stesso vicolo o sullo stesso tetto notturno), questo Daredevil vanta una notevole qualità.

Agent Carter (2015-2016)

Top Migliori Serie TV Marvel DC

Avremmo potuto parlare di Agents of S.H.I.E.L.D., la prima serie targata Marvel per la ABC ma, per quanto sia migliorata negli anni, continuiamo a trovarlo un prodotto incerto sulla direzione da prendere. Tutto il contrario di questa Agent Carter, nata come miniserie e graziata di una seconda stagione grazie al suo successo. Creata da Christopher Markus & Stephen McFeely (già sceneggiatori dei film di Captain America e futuri autori di Avengers Infinity War e Avengers Endgame), la serie voleva indagare sulla vita dell’agente Peggy Carter. Collegamento britannico al progetto del Super Soldato, Peggy si era innamorata di Steve Rogers, il leggendario Cap, per poi credere di vederlo morire al termine del film The First Avenger (2011). Questa serie esplora la sua vita negli anni ’50 e l’ascesa nel mondo dello spionaggio.

Nonostante la breve durata, Agent Carter ha rappresentato una brillante variazione sul fronte delle serie TV tratte dai fumetti. Esplorare un’epoca relativamente poco frequentata nei film ha permesso di giocare con atmosfere da Cinema del Passato ma anche con l’intera mitologia del Marvel Cinematic Universe. Pur non eccellendo sul fronte della profondità, è un prodotto ben curato ed efficace che poggia molto sulla performance della brava Hayley Hatwell. Chi si sente orfano di Agent Carter avrà provato un brivido di gioia quando, in Avengers Endgame, ha fatto la sua apparizione Jarvis, il maggiordomo di Howard Stark. In questa produzione, infatti, è proprio il co-protagonista ed è servito dalla deliziosa interpretazione dell’inglese James D’Arcy.

Legends of Tomorrow (2016-)

Top Migliori Serie TV Marvel DC

Scrivere un articolo come questo e non citare un prodotto dell’Arrowverse sarebbe ridicolo. Abbiamo valutato se parlare proprio del capostipite, Arrow, o del gradevole The Flash. Infine, abbiamo optato per quella che, sicuramente, è la serie più folle dell’intero catalogo, ovvero Legends of Tomorrow. Partita come “riempitivo” che coprisse la fascia gennaio – maggio della rete si è poi trasformata in un cult che prosegue ancora adesso. Un viaggiatore nel tempo, Rip Hunter, approda nel 2016 per prevenire una catastrofe e, per farlo, crea un team composto da “eroi”… che, in realtà, sono villain e comprimari delle altre serie TV DC trasmesse dalla CW.

Legends of Tomorrow vive di una leggerezza giocosa e colorata, nonostante molti dei protagonisti siano supercriminali. In un costante salto avanti e indietro nel tempo, cambia costantemente le carte in tavola e diverte senza annoiare. Certo, non parliamo di una produzione particolarmente “ambiziosa” ma, di certo, è una scheggia impazzita all’interno dell’Arrowverse se messa a confronto con la struttura più convenzionale delle serie a lei associate. Nel cast spiccano il Wentworth Miller di Prison Break, l’ex-Superman Brandon Routh e il bravo caratterista Victor Garber.

Legion (2017-) – Migliori Serie TV Marvel e DC

Top Migliori Serie TV Marvel DC

L’universo mutante, evidentemente, è quello che sembra riuscire più di tutti a proliferare nel mezzo televisivo. Negli ultimi anni, ben due produzioni legate ai portatori del gene X Marvel, sono approdate su piccolo schermo. Mentre The Gifted si è rivelata una modesta variante di Heroes, a colpire nel segno è stata Legion. Creata da quel Noah Hawley rivelatosi con la meravigliosa Fargo, è riuscita a sedurre anche chi inizia ad accusare il colpo e lamentarsi del numero eccessivo di cinecomics in circolazione. Merito dello sceneggiatore che ha capito subito come affrontare l’universo mutante nella sua accezione più estrema e visionaria, attraverso il personaggio di David Haller.

Nei fumetti, David è figlio di Charles Xavier, leader degli X-Men. Ragazzo problematico, in costante lotta con la figura paterna, vive un’esistenza divisa fra le innumerevoli personalità alternative che albergano nella sua testa. La mutazione come malattia mentale, l’homo superior visto come un pericolo per se stesso e per la società. Noah Hawler sfrutta un character “minore” della Marvel per avere maggiore libertà e imbastisce uno straordinario otto-volante visivo e narrativo.  Le interpretazioni di Dan Stevens e Aubrey Plaza fanno il resto, trasformando Legion in una di quelle serie poco commentate online ma assolutamente indispensabile.

The Runaways (2017-) – Migliori Serie TV Marvel e DC

Top Migliori Serie TV Marvel DC

I “fuggitivi” della Marvel arrivano da lontano. Nel 2003 furono protagonisti di una serie scritta da Brian K. Vaughan e disegnata da Adrian Alphona, ottenendo un ottimo successo di pubblico e critica. Si trattava del genere di prodotto ambientato nell’universo di Spider-Man e soci ma non eccessivamente “connesso” ad altre testate della Casa Editrice. Lo spunto era brillante: un gruppo di adolescenti di buona famiglia si ritrovava a combattere contro i genitori una volta scoperto che erano i membri di una efferata squadra di super criminali! Per riuscire nell’impresa anche loro acquisivano (o scoprivano di possedere) poteri e abilità sovrannaturali. Una tipica collana dedicata a un super gruppo ma declinata in un’ottica ancora più aderente al target di destinazione e dotata di una profondità di sguardo mai banale.

La serie TV, prodotta da Hulu, riesce fin dai primi episodi a trasporre efficacemente il mix fra supereroismo e turbe adolescenziali. Merito, probabilmente, dello showrunner Josh Schwartz, già responsabile di The O.C. e Chuck e vero esperto nell’arte di rappresentare credibili teenager televisivi. Nonostante la scarsa promozione televisiva e le rare discussioni online al riguardo, The Runaways è un adattamento che potrebbe rendere felici anche i fan del fumetto. Certo, il sogno di vedere questi super-ragazzetti spalleggiare Captain America o Iron Man come accadeva nei fumetti resterà probabilmente tale ma chissà…

 

 

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close