Top

I 10 peggiori flop della storia del cinema

Non sempre tutti i film prodotti sbancano al botteghino, eccovi una top 10 sui peggiori flop della storia del cinema!

Quando si produce un film la miglior ricompensa che questo possa avere è diventare un box office in poco tempo. Ma non sempre le cose vanno come si vogliono. Moltissimi film purtroppo si sono ritrovati ad essere delle vere delusioni al botteghino, incassando a volte anche meno della metà del budget di produzione iniziale. Questo succede perché la trama è poco accattivante o gli elementi tecnici lasciano molto a desiderare. Nonostante le pubblicità martellanti, locandine e azioni di marketing mirate, quando il film è considerato “brutto” o “noioso” dalla critica e dal pubblico, si dà il via ad un passaparola negativo che sancisce la morte del film.

Non sempre però succede questo. Infatti, ci sono film che si sono riscontrati dei flop iniziali, ma che poi sono diventati dei veri cult. Ad esempio, Donnie Darko o Quarto Potere all’uscita nelle sale cinematografiche sono stati dei veri flop. In questo articolo ci concentreremo sui peggiori flop del cinema, prenderemo in rassegna 10 film che si sono rivelati degli insuccessi al botteghino e che sono categorizzati come dei flop commerciali.

Corsari – peggiori flop del cinema

Reduce del grande successo ricevuto con Thelma & Louise, Geena Davis fu scritturata dalla casa di produzione Carolco Pictures per il ruolo di Morgan Adams nel film Corsari. La pellicola racconta la storia del pirata donna Morgan Adams alla ricerca del tesoro lasciatole dal padre. Pirata scaltra e furba, intraprende un viaggio avventuroso per il mar dei Caraibi e trovare l’eredità del padre. Un film con una trama tutto sommato avventurosa e curiosa, ma che si rivelò uno dei flop al cinema più famosi. Le spese di produzione superarono i 100 milioni di dollari, mente il guadagno non andò oltre gli 11 milioni. Il film fallì al botteghino perché sia il regista, Renny Harlin che l’attrice Geena Davis, causarono spese extra alla produzione.

Inoltre, molti lamentano anche una cattiva gestione delle economie e della distribuzione. Quello che è certo è il fatto che il film abbia causato il fallimento della casa di produzione, la Carolco Pictures. Curioso è il fatto che i grandi produttori hollywoodiani, dopo il flop del film, videro ostico e poco sicuro i film a tema piratesco. Stesso sentimento lo provarono i produttori ed i distributori della saga Disney di Pirati dei Caraibi che invece sbancò il botteghino e si classificò come la saga più redditizia dopo a quella de Il signore degli anelli.

peggiori flop del cinema

Il 13° guerriero – film flop

Antonio Banderas interpreta Ahmed ibn Fahdlan ne Il 13° guerriero film diretto da John McTiernan. La pellicola è un adattamento cinematografico del libro di Michael Crichton Mangiatori di morte.  La storia segue le vicende Ahmed ibn Fahdlan, un colto cortigiano di Baghdad, che dopo la scoperta di una sua relazione clandestina, viene nominato dal Califfo ambasciatore delle Terre del Nord. Divenne così un cronista, uno dei più famosi della sua epoca per aver avuto dei contatti con le popolazioni Vichinghe del Nord Europa. Egli ne documentò usanze, costumi e tradizioni e si alleò a loro nella lotta contro i Wendol. Nonostante la storia sia vera ed accattivante, il film fu un vero flop al botteghino.

A fronte dei costi di produzione che raggiunsero i 160 milioni di dollari, il film incassò solo 61,7 milioni. Sebbene la performance di Banderas convinse la critica, il film non ottenne il successo sperato. La storia tra l’altro è ispirata al poema epico di Beowulf, da cui sono state tratte diverse pellicole che riscontrarono un discreto successo. Ricordiamo ad esempio La leggenda di Beowulf di Robert Zemeckis con protagonisti Anthony Hopkins e Angelina Jolie.

peggiori flop del cinema

Titan A. E. – peggiori flop del cinema

Titan A. E. è un film d’animazione prodotto dalla 20tn Century Fox. La pellicola di carattere fantascientifico è ambientata nel 3028 e racconta la fuga degli abitanti della Terra a seguito di un’invasione aliena. La casa di produzione non è nuova ai film d’animazione, ma con Titan A. E. non raggiunse la stessa fama che ottenne con gli altri. Infatti, i costi di produzione superarono di gran lunga i ricavi al botteghino conducendo la casa di produzione ad una crisi. Su 90 milioni spesi per il film, esso ne incassò solo 36. Nonostante vanta di un cast di doppiaggio abbastanza noto, la pellicola non ottenne il risultato previsto. Tra i doppiatori compaiono Matt Damon, reduce dal successo di Will Hunting, e Drew Barrymore, uno dei volti più in voga negli anni ’90.

La casa di produzione fece un grande flop al botteghino con Titan A. E. mentre riuscì a riscattarsi con altri film d’animazione. Ricordiamo Anastasia, storia della presunta discendente della casata Romanov, e L’era glaciale, fortunatissimo format che vede protagonista un Mammut, un Opossum e una Tigre nell’era preistorica. Insomma, con questo film ha fatto un buco nell’acqua, ma diciamo che poi si è risollevata nel migliore dei modi.

peggiori flop del cinema

Pluto Nash – film flop

Quando c’è Eddie Murphy sul grande schermo il successo è assicurato. Ma non in questo caso. Pluto Nash è stato il film che ha parzialmente determinato la fine della carriera di Murphy. La pellicola è ambientata nel lontano 2087. La Luna è stata colonizzata dagli esseri umani ed è diventata quello che era un tempo il Far West. Pluto Nash è il proprietario del locale più famoso della Luna, che si vede, da un giorno all’altro, costretto a fronteggiare con il gangster Morgan che lo vuole comprare. Una trama semplice e lineare, corredata dal solito humor di Eddie Murphy. Ma le ambientazioni lunari, gli androidi e la sua comicità non bastano a salvare un film già di per sé disastroso.

Pluto Nash è considerato uno dei peggiori flop del cinema di inizio anni 2000 che è costato la bellezza di 100 milioni di dollari incassandone solo 7. Eddie Murphy era sinonimo di successo al botteghino negli anni ’80 e ’90, ma con questo film ha firmato la fine della sua carriera cinematografica. Si è solo risollevato doppiando Ciuchino nella saga Dreamworks di Shrek, che invece è stato un grande successo al botteghino.

peggiori flop del cinema

Sinbad – La leggenda dei sette mari – peggiori flop del cinema

La Dreamworks questa volta ha fatto un vero e proprio buco nell’acqua con Sinbad – La leggenda dei sette mari. Sinbad è un pirata persiano che attacca le navi nel mar Mediterraneo alla ricerca di tesori e pietre preziose. Mentre sta attaccando la nave del principe Proteo per rubargli il libro della pace, entrambi vengono attaccati dalla dea Eris che ruba il libro. Sinbad inizierà una corsa contro il tempo alla ricerca del libro perduto per tutto il Mediterraneo, mentre Proteo è condannato a morte. Il film d’animazione della Dreamworks è solo l’ennesima trasposizione cinematografica dei viaggi del pirata Sinbad. Ma per la casa di produzione questo film è stato un vero e proprio flop.

Non sono bastati i grandi nomi di attori che diedero le voci ai personaggi come Brad Pitt, Michelle Pfeiffer e Catherine Zeta-Jones ad attrarre il pubblico. Infatti, le spese di produzione superarono i 60 milioni e ne incassò solo 40, con una perdita di circa 20 milioni di dollari. Il film è stato prodotto nel 2003 e distribuito al cinema nello stesso periodo di Nemo grande successo Disney. Sinbad non ha retto il confronto e ne ha accusato. La Dreamworks si è rifatta però negli anni successivi con i grandi successi di Shrek e la saga di Madagascar.

peggiori flop del cinema

Stealth – Arma suprema – film flop

Stealth – Arma suprema è un film prodotto dalla Columbia Pictures che vede come protagonisti Jamie Foxx, Jessica Biel e Josh Lucas. I tre ricoprono tre tenenti dell’esercito americano incaricati dal governo di distruggere EDI, un velivolo bellico dotato di intelligenza artificiale. A seguito di un incidente, EDI non risponde più ai comandi dell’esercito e comincia a vivere. Inizia a portare a termine le missioni più top secret e pericolose dell’esercito americano, portando gli stati mondiali sull’orlo di una guerra nucleare. Il film è costato ben 138 milioni di dollari, incassandone solo 76.

Uno dei maggiori flop del cinema americano, che ha provato a portare su schermo la guerra ad una macchina dotata di intelligenza artificiale, un genere che piace solitamente al pubblico, ma che questa volta non ha convinto. Sarà per il troppo surrealismo, per le troppe esplosioni o per il risultato troppo maccartista, ma il film non ha avuto il successo previsto. Il regista Rob Cohen specializzato nei film d’azione, non a caso è il regista del primo capitolo della saga di Fast and Furious, non ha saputo far coincidere i classici elementi del cinema d’azione causando un flop assoluto. Di certo non è solo colpa sua, ma una cattiva regia e montaggio hanno portato all’insuccesso del film.

peggiori flop del cinema

Milo su Marte – peggiori flop del cinema

Non solo Dreamworks e 20th Century Fox hanno prodotto film d’animazione che si sono riscontrati dei flop. A loro si aggiunge anche la Walt Disney Pictures che con Milo su Marte decretò un grave insuccesso commerciale. La storia del piccolo Milo, al quale viene rapita la madre dagli alieni e portata su Marte, non ha convinto né pubblico né critica. Il film non incuriosisce e non porta con sé quell’originalità Disney capace di tenere incollati milioni di spettatori. La produzione del film è costata circa 150 milioni di dollari e ne ha incassati solo 38 milioni. Assieme al grande flop commerciale, lo scarso successo del film ha portato al fallimento per bancarotta la casa di produzione Imagemovers, che ha prodotto il film assieme alla Disney Pictures.

Il film è girato in motion capture, una tecnica cinematografica d’animazione che consiste nella registrazione del movimento del corpo umano per dare forma ad immagini a computer. La stessa tecnica è stata usata dalla Warner per Polar Express che invece fu un enorme successo cinematografico e non solo. Nonostante l’insuccesso la Disney Pictures si è riscattata negli anni successivi producendo soltanto dei veri e propri box office.

peggiori flop del cinema

John Carter – film flop

La Walt Disney Pictures anni dopo Milo su Marte diede origine ad un altro flop cinematografico con il film John Carter. Egli è un veterano della guerra civile americana che si ritrova magicamente su Marte, nel film chiamato Barsoom. Il pianeta è popolato da una razza aliena e dagli “uomini rossi” di cui è a capo la principessa Dejah Thoris. John allora diventa il leader di una guerra civile che sta dilaniando il pianeta rosso. Il film è tratto dal ciclo di romanzi di Egar Rice Burroughs su John Carter. Infatti, doveva essere una saga sulle avventure di John Carter, ma a seguito del clamoroso flop al botteghino, l’idea fu accantonata. Il film della Disney causò alla casa di produzione più di 200 milioni di dollari di perdite a fronte dei 385 milioni spesi per la realizzazione.

John Carter è uno dei maggiori flop della storia del cinema che si ricordi. Questo flop è determinato da uno scarso utilizzo delle tecniche cinematografiche e da una pessima regia, che hanno reso il film poco originale e per nulla attraente. Nonostante questo disastro al botteghino la Disney non ha accusato troppo delle perdite, infatti oggi nella top dei 12 film di grande successo al box office, la casa di produzione è presente ben sei volte.

peggiori flop del cinema

King Arthur – Il potere della spada – peggiori flop del cinema

La Warner Bros per l’ennesima volta fornisce la sua visione della storia di Re Artù. Questa volta è interpretato da Charlie Hunnam, il bel motociclista della serie tv Sons of anarchy per intenderci. Dopo la caduta di Camelot, il piccolo Artù viene cresciuto da delle prostitute di un bordello di Londinium. Una volta cresciuto e saputo la sua vera identità trova la forza ed il coraggio di riscattare il trono in mano del malvagio Vortigem. Di film su Re Artù ne è pieno il mondo cinematografico, da King Arthur a Il primo cavaliere fino al classico Disney La spada nella roccia. Il film diretto da Guy Ritchie però non può essere messo a paragone con gli altri.

Infatti, su ben 175 milioni di dollari di produzione (escluse le spese di marketing), la pellicola ha incassato solo 140 facendo perdere alla casa di produzione più di 30 milioni di dollari. Un flop al botteghino che ha portato alla cancellazione dei sequel che il film avrebbe dovuto avere. Infatti, King Arthur doveva essere il primo di una serie di sei film incentrati sulla vita di Re Artù e su i suoi cavalieri.

peggiori flop del cinema

Monster Trucks – film flop

Chiudiamo la lista dei maggiori flop del cinema con Monster Trucks. Il giovane Tripp è appassionato di trucks, ma scopre che nel suo veicolo vive un mostriciattolo succhia-benzina di nome Creech. Deciso ad aiutare il suo nuovo amico, trasformerà il suo truck in un vero monster truck per riportare Creech dalla sua famiglia. Paramount con Monster Trucks voleva dare il via ad un franchising che però non vide mai la vita grazie al flop del primo film. La pellicola ebbe dei costi di produzione abbastanza alti, circa 120 milioni e ne incassò solo 61. Una perdita notevole per la casa di produzione che si vide prima incoraggiata dalle critiche positive sul film, abbattute poi da un flop tra il pubblico.

Oltre ad essere stato uno dei peggiori incassi dell’anno 2017, Monster Trucks ha una sceneggiatura poco convincete e una trama per nulla originale, anzi al limite del trash. Attori, regia e montaggio hanno aggravato maggiormente la situazione, causando la fine di una saga mai iniziata. Una storia banale e scontata, già vista e riproposta diverse volte non ha convinto il pubblico in sala.

peggiori flop del cinema

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close