Film da vedereTop

10 film drammatici da vedere assolutamente!

Ci sono film drammatici in cui potreste rivedervi. Sì, “la vita non è un film”, ce lo sentiamo dire spesso. Eppure, è innegabile che per qualcuno – magari in certi momenti – questa possa risultare triste o addirittura insopportabile. Si perché la realtà non è per niente tutta rosa e fiori.

E il cinema, come forma artistica, è forse quella che più riesce a cogliere questo lato malinconico dell’animo umano, descrivendo l’intima sofferenza che si cela nei recessi dell’anima di ognuno di noi. Il dolore di una perdita, l’ostinata perseveranza contro le difficoltà della vita, gli esiti nefasti delle nostre scelte, le conseguenze di un destino avverso.

Top di 10 film drammatici da vedere assolutamente:

*Questa top non è stilata come classifica ma segue semplicemente un ordine casuale*


1) Requiem for a Dream

film drammatici requiem for a dream


Forse la pellicola tra i film drammatici dove più di tutte si ritrova il fatalismo esistenziale del regista Darren Aronofsky. Il dramma si sviluppa su tre atti denominati come le stagioni dell’anno (Estate, Autunno e Inverno) ma che metaforicamente si riferiscono a tre periodi diversi – per felicità e aspettative – vissuti dai protagonisti. Manca volutamente come atto conclusivo la Primavera, stagione simbolo della rinascita e della vittoria della vita sulla morte, come a sottolineare la mancanza con l’ineluttabilità del destino dei personaggi e il loro progressivo e inesorabile fallimento.

Nella fattispecie, Il dramma si consuma nelle spirali dei protagonisti, vittime delle perversione della società postmoderna: quella frenesia che ci proietta tutti verso un futuro indefinito fatto di obiettivi a breve termine, ma che una volta raggiunti, non conferiscono un reale appagamento, ma lascia solo un senso di incompletezza e di estraneità verso il mondo in cui si vive. E nulla, alla fine, ha senso. La conseguenza è una cupa depressione preceduta da un’inspiegabile isteria che porta molti giovani (e non) a lastricare le strade della devianza.


2) Silence

film drammatici silence


Nel film di Martin Scorsese si narrano le drammatiche vicende di due padri gesuiti portoghesi partiti per il Giappone con l’intento di ricercare il loro mentore, Padre Ferreira. Durante il loro viaggio, verranno a conoscenza delle tremende persecuzioni che lo shogunato applicava ai danni dei credenti cristiani.
La pellicola ci descrive come l’umanità abbi sempre cercato conforto nella fede, mezzo d’illusione e al contempo di speranza, verso le stringenti inquietudini esistenziali. Inquietudini che, probabilmente, avranno fatto breccia nello Scorsese cineasta che ha ben pensato di raccontarle in un film con la maestria artistica e la sensibilità di chi si avvicina ad una maturità significativa.

Un film che palesa con una forza empatica travolgente tali dilemmi: dove può spingersi la fede in Dio? Fino a quanto l’uomo è disposto a sopportare il silenzio, l’intangibilità, di una divinità che sembra sorda come non mai alle nostre invocazioni? E queste domande sono gettate fotogramma dopo fotogramma in faccia al pubblico con una violenza tale da far vacillare anche gli atei più convinti.
E’ anche un film sulla tortura: quella spirituale dei due protagonisti (Andrew Garfield e Adam Driver), quella carnale dei personaggi secondari, entrambe rappresentate magnificamente dal regista che riesce addirittura a rendere più insopportabile la prima rispetto alla seconda.

3) Io prima di te

film drammatici io prima di te


Risate e lacrime. Tante. Sì perché “Io prima di te” a dispetto del genere di appartenenza (dramma sentimentale) strappa fragorose risate, ben più di quei film che si professano come “commedie”. Certo, fino a quando il dramma non prende il sopravvento nel terzo atto del film rientrando in pieno nella categoria dei film drammatici.
La trama non è originalissima, c’è una ragazza che si innamora di un uomo diventato tetraplegico e che, vittima della sua condizione, desidera morire.
Ma a dispetto dell’oleografia, risulta un film convincente che sa toccare con una grande tenerezza le corde dell’emozione. Una storia che costringe a porsi delle domande, a riflettere su tutto ciò che abbiamo e che troppo spesso diamo per scontato. Consigliato agli idealisti, agli inguaribili sognatori e a chi non vuole saperne di arrendersi.


4) Fight Club

film drammatici fight club


Tra i film drammatici è impossibile non citare Fight Club. Il dramma dell’uomo moderno – su un piano antropologico e più esistenziale – vomitato un fotogramma dopo l’altra. “Siamo la canticchiante e danzante merda del mondo” ci dice Palahniuk (il creatore dell’omonima graphic novel) e poi Fincher (il regista) come a sottolineare che per l’universo non contiamo niente, ma l’abbiamo capito – tragicamente – soltanto adesso.
Ma si sa, la conoscenza porta con sé i suoi fardelli: ora siamo disorientati, smarriti, come lerci viandanti, sul viale di un mondo che manca di significati assoluti e risposte rassicuranti.

Uno di questi uomini smarriti è Jack (Edward Norton), un uomo alienato dal lavoro, dalla routine, asfissiato, da quelle metaforiche cinghie rappresentate dalle mete imposte a livello manifesto – ma soprattutto subliminale – dalla nostra cultura. Una società plasmata sulla forma mentis capitalistico-finanziaria, materialista, esasperatamente burocratica, dove si è perso il minimo contatto con l’altro, dove l’unico punto di tangenza è riscontrabile in quelle situazioni estreme, come quando si è vicini alla morte o in preda alla malattia, dove a cadere, sono tutte quelle artificiose sovrastrutture, dove il sentirsi tremendamente soli e senza via di scampo diventa ancora più palpabile. E ciò riguarda Jack, ma anche Tyler Durden (Brad Pitt), compagno d’avventure del nostro protagonista. Una presenza a livello liminale, carnificazione di quei desideri violenti e sfrenati posti negli anfratti più oscuri e animali della sua coscienza che vuole ribellarsi a questa deriva post-umana.


5) Il Corvo

film drammatici the crow


Un revenge movie in salsa gotica, il dramma qui fa da pretesto a tutta la narrazione, quella di un uomo privato della sua amata il giorno prima delle nozze. Anche qui si preme molto sulla filosofia, sull’ineluttabilità degli eventi ma soprattutto sulla necessità di mettere a posto i conti prima di lasciare andare la proprio anima (ok, si sfonda sul religioso.. ) in pace.
Il film che ha dato, ahinoi, una grande celebrità a Brandon Lee, morto sul set, e proietatto la pellicola nella hall dei film cult.

 

6) I passi dell’amore

film drammatici passi dell'amore


Tra i film drammatici qui scelti, è sicuramente quello più fanciullesco, con la location ricorrente dell’high school e lo stile teen convenzionale. Tratto dal romanzo di Nicholas Sparks e diretto dal regista Adam Shankman, si ripropone il tema del ragazzo bello e impossibile che si innamora della secchiona ma che si scoprirà affetta da una brutta malattia.


7) Schindler’s List

film drammatici neeson


Tra i film drammatici è forse quello più impressionante, in quanto racconta la realtà. Il dramma infatti qui è storico e affonda nei campi dell’orrore, quelli di sterminio durante la seconda guerra mondiale per mano dei nazisti. Si parla di un uomo, Oskar Schindler (interpretato da un grande Liam Neeson) che, orripilato dalla degenerazione dei suoi compatrioti, cercherà di fare il più possibile per salvare alcuni ebrei da morte certa. Un film tellurico dove è percepibile la spinta efferatezza di una delle pagine più nere della storia moderna. Il film è girato in bianco e nero proprio a sottolineare il grigiore di quegli anni. Firmato da Steven Spielberg.


8) Interstellar

film drammatici interstellar


L’epopea spaziale di Cristopher Nolan, un dramma cosmico che ancora oggi divide i cinefili su chi lo considera un capolavoro e chi un film pieno di difetti. Ciò che è certo, è che un prodotto che spinge lo spettatore alla riflessione e a diverse domande esistenziali. Il dramma qui è in veste familiare, e riguarda quello di un padre e una figlia, divisi nel tempo, in realtà diverse, che si lambiscono ma mai abbastanza. Lacrima assicurata e tanta, tanta, fascinazione.


9) Salvate il soldato Ryan

film drammatici soldato ryan


Qui il dramma si trasferisce sul campo di battaglia, precisamente durante la seconda guerra mondiale. Quattro fratelli della famiglia Ryan, americani, sono morti. Il quinto e ultimogenito (interpretato da Tom Hanks) deve quindi essere portato in salvo. Il film si inerpica in un climax emotivo sempre più adrenalico e angosciante per la sorte dell’uomo, gravitando intorno a questa delicata missione che diventerà poco a poco disperata nello scorrere della diegesi.


10) Titanic

film drammatici titanic
Poteva mai mancare tra i film drammatici? Il dramma romantico per eccellenza che guarnisce perfettamente il disastro del transatlantico britannico. Questo film ha fatto le fortune di parecchi addetti ai lavori e,  a dispetto della lunghezza, gode di una trama coinvolgente e degli effetti speciali – per l’epoca – impressionanti. Di fronte agli ultimi fotogrammi è impossibile rimanere impassibili per quanto ogni tanto, il film, si conceda  troppo al melenso, esaltando il dramma personale più di quello collettivo. E sì, Rose poteva fare un po’ di spazio al povero e altruista Jack, fin troppo abnegato alla causa e, poi, anche annegato.

 

 

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock Rilevato

Per favore supportaci disabilitando il tuo Ad Blocker